13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeRicerca della vitaSegni di vita su Marte? Perseverance inizia la ricerca

Segni di vita su Marte? Perseverance inizia la ricerca

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il rover Perseverance Mars 2020 della NASA ha iniziato la sua ricerca di segni di vita antica sul Pianeta Rosso. Flettendo il suo braccio meccanico di 2 metri, il rover sta testando i sensibili rivelatori che trasporta, registrando le loro prime letture scientifiche.

Oltre ad analizzare le rocce utilizzando i raggi X e la luce ultravioletta, lo scienziato a sei ruote farà primi piani di minuscoli segmenti di superfici rocciose che potrebbero mostrare prove di attività microbica passata.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Chiamato PIXL, o strumento planetario per la litochimica a raggi X, lo strumento a raggi X del rover ha fornito risultati scientifici inaspettatamente forti mentre era ancora in fase di test, ha affermato Abigail Allwood, ricercatrice principale di PIXL presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California.

Situato all’estremità del braccio, lo strumento ha sparato i suoi raggi X su un piccolo bersaglio di calibrazione – utilizzato per testare le impostazioni dello strumento – a bordo di Perseverance ed è stato in grado di determinare la composizione della polvere marziana attaccata al bersaglio.

Abbiamo ottenuto la nostra migliore analisi della composizione della polvere marziana prima ancora che guardasse la roccia“, ha detto Allwood.

Questo è solo un piccolo assaggio di ciò che PIXL, combinato con gli altri strumenti del braccio, dovrebbe rivelare quando si concentrerà sulle caratteristiche geologiche più promettenti nelle settimane e nei mesi a venire.

Il rover Perseverance Mars della NASA ha scattato questo primo piano di un bersaglio roccioso soprannominato "Foux" usando la sua fotocamera WATSON all'estremità del braccio robotico del rover.

WATSON Views ‘Foux’: il rover Perseverance ha scattato questo primo piano di un bersaglio roccioso soprannominato “Foux” usando la sua fotocamera WATSON all’estremità del braccio robotico del rover. L’immagine è stata scattata l’11 luglio 2021, il 139° giorno marziano, o sol, della missione. Credito: NASA/JPL-Caltech/MSSS. Immagine completa e didascalia 

Gli scienziati affermano che il cratere Jezero miliardi di anni fa era un lago vulcanico, il che lo ha reso il luogo di atterraggio scelto per Perseverance. Il cratere si è da tempo prosciugato e il rover si sta ora facendo strada sul suo pavimento rosso e accidentato.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se c’è stata vita nel cratere Jezero, le prove di quella vita potrebbero essere lì“, ha detto Allwood, un membro chiave del team di “scienza del braccio” di Perseverance.

Per ottenere un profilo dettagliato delle strutture, dei contorni e della composizione della roccia, le mappe PIXL delle sostanze chimiche in una roccia possono essere combinate con le mappe dei minerali prodotte dallo strumento SHERLOC e dal suo partner, WATSON.

SHERLOC – abbreviazione di Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics & Chemicals – utilizza un laser ultravioletto per identificare alcuni dei minerali nella roccia, mentre WATSON acquisisce immagini in primo piano che gli scienziati possono utilizzare per determinare la granulometria, la rotondità e la consistenza, il tutto permetterà di determinare come si è formata la roccia.

PIXL, uno dei sette strumenti a bordo del rover Perseverance Mars della NASA, è dotato di diodi luminosi che circondano la sua apertura per scattare foto di bersagli rocciosi al buio.

Nightlight di PIXL : PIXL, uno dei sette strumenti a bordo del rover Perseverance Mars della NASA, è dotato di diodi luminosi che circondano la sua apertura per scattare foto di bersagli rocciosi al buio. Utilizzando l’intelligenza artificiale, PIXL si basa sulle immagini per determinare la distanza da un obiettivo da scansionare. Credito: NASA/JPL-Caltech. Immagine completa e didascalia ›

I primi primi piani di WATSON hanno già fornito una serie di dati dalle rocce marziane, hanno detto gli scienziati, come una varietà di colori, dimensioni dei grani nel sedimento e persino la presenza di “cemento” tra i grani.

Tali dettagli possono fornire importanti indizi sulla storia della formazione, sul flusso d’acqua e sugli antichi ambienti marziani potenzialmente abitabili. E combinati con quelli di PIXL, possono fornire un’istantanea ambientale e persino storica più ampia del cratere Jezero.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Di cosa è fatto il fondo del cratere? Come erano le condizioni sul fondo del cratere?” chiede Luther Beegle del JPL, il principale investigatore di SHERLOC. “Questo ci dirà molto sui primi giorni di Marte e potenzialmente su come si è formato Marte. Se ci faremo un’idea di com’è stata la storia di Marte, saremo in grado di comprendere il potenziale per trovare prove di vita».

Il team scientifico di Perseverance

Sebbene il rover abbia significative capacità autonome, come guidare se stesso attraverso il paesaggio marziano, centinaia di scienziati terrestri sono coinvolti nell’analisi dei risultati e nella pianificazione di ulteriori indagini.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ci sono quasi 500 persone nel team scientifico“, ha detto Beegle. “Il numero di partecipanti a una determinata azione del rover è dell’ordine di 100. È bello vedere che questi scienziati si mettono d’accordo nell’analizzare gli indizi, dare priorità a ogni passaggio e mettere insieme i pezzi del puzzle scientifico di Jezero“.

Un'immagine di letture di dati che mostrano sostanze chimiche rilevate all'interno di una singola roccia su Marte da PIXL, uno degli strumenti all'estremità del braccio robotico a bordo del rover Perseverance Mars della NASA.

Prime mappe chimiche di PIXL: questi dati mostrano le sostanze chimiche rilevate all’interno di una singola roccia su Marte da PIXL, uno degli strumenti all’estremità del braccio robotico a bordo del rover Perseverance Mars della NASA. PIXL consente agli scienziati di studiare dove si possono trovare sostanze chimiche specifiche all’interno di un’area piccola quanto un francobollo. Credito: NASA/JPL-Caltech. Immagine completa e didascalia ›

Questo sarà fondamentale quando il rover Mars 2020 Perseverance raccoglierà i suoi primi campioni per un eventuale ritorno sulla Terra. Saranno sigillati in tubi metallici superpuliti e lasciati sulla superficie marziana in modo che una futura missione possa raccoglierli e rimandarli sul pianeta natale per ulteriori analisi.

Nonostante decenni di indagini sulla possibile esistenza di vita, il Pianeta Rosso ha ostinatamente mantenuto i suoi segreti.

Mars 2020, a mio avviso, è la migliore opportunità che avremo nella nostra vita per affrontare questa domanda“, ha affermato Kenneth Williford, il vice scienziato del progetto Perseverance.

I dettagli geologici sono fondamentali, ha detto Allwood, per contestualizzare qualsiasi indicazione di possibile vita e per verificare le idee degli scienziati su come potrebbe verificarsi un secondo esempio dell’origine della vita.

In combinazione con altri strumenti sul rover, i rilevatori sul braccio, inclusi SHERLOC e WATSON, potrebbero fare la prima scoperta dell’umanità della vita oltre la Terra.

Maggiori informazioni sulla missione

Un obiettivo chiave per la missione di Perseverance su Marte è l’astrobiologia, inclusa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima del passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere e nascondere rocce e regolite marziane (roccia rotta e polvere).

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’ESA (Agenzia spaziale europea), invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

La missione Mars 2020 Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione Moon to Mars della NASA, che include le missioni Artemis sulla Luna che aiuteranno a prepararsi per l’esplorazione umana del Pianeta Rosso.

JPL, che è gestito per la NASA da Caltech a Pasadena, in California, ha costruito e gestisce le operazioni del rover Perseverance.

Articoli più letti