Scoperti due oggetti rossi nella fascia di asteroidi tra Marte e Giove

Chiamati con i nomi 203 Pompeja e 269 Justitia, gli oggetti in questione hanno una firma spettrale più rossa di qualsiasi altro oggetto nella fascia principale degli asteroidi

0
815

Una nuova ricerca pubblicata su The Astrophysical Journal Letters descrive nel dettaglio la scoperta di due oggetti di colore rosso situati nella fascia di asteroidi tra l’orbita di Marte e quella di Giove.

Chiamati con i nomi 203 Pompeja e 269 Justitia, gli oggetti in questione hanno una firma spettrale più rossa di qualsiasi altro asteroide nella fascia principale. La nuova ricerca è stata condotta dall’astronomo della Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) Sunao Hasegawa.

La scoperta suggerisce che gli asteroidi assomigliano a oggetti transnettuniani, cioè oggetti situati più lontano di Nettuno, il pianeta più lontano dal Sole. Ciò potrebbe significare che 203 Pompeja e 269 Justitia si siano formati nella fascia di Kuiper per poi migrare verso l’interno quando il sistema solare era ancora giovane.

Risposte sulla formazione del sistema solare nella fascia degli asteroidi

Se confermata la nuova scoperta potrebbe essere la prova che inizialmente i pianeti del Sistema Solare emersero per la prima volta lontano dal Sole prima di farsi strada verso l’interno, coerentemente con alcuni modelli di formazione del sistema planetario.

“I risultati spettroscopici suggeriscono la presenza di materiali organici complessi sullo strato superficiale di questi asteroidi”, hanno scritto i ricercatori nel loro articolo, “suggerendo che potrebbero essersi formati nelle vicinanze di Nettuno ed essere stati trapiantati nella regione della cintura principale durante una fase di migrazione planetaria”.

Questo periodo, credono gli astronomi, fu un periodo turbolento. I pianeti hanno iniziato a formarsi in luoghi diversi e sono migrati nelle posizioni attuali, con pianeti più grandi che si sono formati lontano e in seguito si sono mossi verso l’interno. I movimenti dei pianeti avrebbero creato caos gravitazionale, in particolare il gigante planetario del Sistema Solare, Giove.

Alla fine, le cose si sono stabilizzate, risultando nella configurazione che abbiamo oggi.

La cintura di asteroidi si trova tra 2,1 e 3,3 unità astronomiche dal Sole. È un luogo molto popolato, relativamente parlando: contiene fino a circa 1,9 milioni di asteroidi più grandi di un chilometro e molti altri milioni più piccoli.

203 Pompeja fu scoperta nel 1869 e 269 ​​Justitia nel 1887, quindi le conosciamo e le osserviamo da tempo. Sono anche entrambi oggetti abbastanza grandi, infatti 203 Pompeja è designato come pianeta minore.

Entrambi, tuttavia, si pensava fossero asteroidi di tipo D piuttosto tipici che contengono molta silice e carbonio e costituiscono la maggior parte dei corpi nella fascia degli asteroidi.

Un team di ricercatori guidato dall’astronomo Sunao Hasegawa dell’Istituto di scienze spaziali e astronautiche dell’Agenzia spaziale giapponese (ISAS JAXA) ha scoperto il contrario quando ha iniziato ad osservare più da vicino.

Inizialmente, stavano cercando di saperne di più sui planetesimi. Si pensa che gli oggetti nella cintura di asteroidi di oltre 100 chilometri di diametro siano planetesimi che non sono mai arrivati ​​fino in fondo.

Quando sono arrivati ​​al numero 203 di Pompeja, che ha un diametro di circa 116 chilometri, hanno scoperto che era molto più rosso del previsto. Quindi, sono andati a cercare se qualcos’altro nella cintura di asteroidi avesse un profilo di colore simile e hanno trovato 269 Justitia.

Lo spettro mostrato da questi due oggetti era molto lontano da qualsiasi altro asteroide nella fascia per il quale abbiamo dati spettrali. Ma questo non significa che non esista niente di simile nel Sistema Solare.

In effetti, erano nel bel mezzo della strada per gli oggetti della fascia di Kuiper (noti anche come oggetti transnettuniani, o TNO), come Arrokoth, l’oggetto del Sistema Solare più lontano visitato fino ad oggi.

Questa tonalità rossastra è attribuita alla presenza di toline, composti organici che si formano quando la radiazione ultravioletta cuoce composti semplici che contengono carbonio, come metano, etano e anidride carbonica. Si trovano in grande abbondanza sui corpi ghiacciati del sistema solare esterno, ma non così tanto nella fascia degli asteroidi.

Ciò ha portato i ricercatori a concludere che 203 Pompeja e 269 Justitia si sono effettivamente formate nel Sistema Solare esterno e hanno viaggiato fino alla loro posizione attuale.

Devono averlo fatto qualche tempo fa perché le loro orbite sono stabili e circolari e le loro posizioni sono incorporate nella cintura degli asteroidi.

I ricercatori hanno concluso che la presenza stabilita di 203 Pompeja e 269 Justitia suggerisce che si siano mossi durante il periodo di migrazione planetaria prima che il Sistema Solare si stabilizzasse nella sua configurazione attuale.

“Esplorando questo tipo di oggetti, è altamente probabile che le informazioni riguardanti le regioni esterne del Sistema Solare popolate da oggetti ghiacciati ricchi di composti organici formatisi durante la formazione del Sistema Solare possano essere ottenute senza dover viaggiare fino al limite esterno del Sistema Solare”, ha affermato la Jaxa in un post sul suo sito web.

Vale la pena considerare questi oggetti come obiettivi di future missioni“.



2