Scoperta una superluna gigante a 5.500 anni luce di distanza

Gli astronomi della Columbia University hanno scoperto una luna gigante a 5.500 anni luce di distanza, la superluna è un terzo più piccola di Nettuno.

Gli astronomi della Columbia University hanno annunciato la scoperta di una seconda superluna in orbita attorno a un esopianeta delle dimensioni di Giove. Lo riporta un articolo pubblicato sulla rivista Nature Astronomy.

La gigantesca luna orbita attorno al pianeta Kepler 1708b, che si trova a 5.500 anni luce dalla Terra in direzione delle costellazioni del Cigno e della Lira. La luna è circa un terzo più piccola delle dimensioni di Nettuno.

Correlato: La NASA annuncia una conferenza stampa per illustrare una nuova scoperta di Kepler

L’esoluna è probabilmente composta da gas tenuto insieme dall’attrazione gravitazionale. In origine potrebbe essere stata un pianeta entrato in orbita attorno a un gigante gassoso ancora più grande. Questo sistema è lontano dalla stella madre che potrebbe fare a pezzi i due corpi celesti con la sua gravità.

Le osservazioni di altri telescopi spaziali, come Hubble, saranno necessarie per confermare la scoperta fatta con il metodo del transito, in cui l’esistenza di un corpo celeste viene individuata quando la luminosità di una stella diminuisce a causa del passaggio di un oggetto tra l’osservatore e la sua luce. Alcuni esperti ritengono che gli scienziati si siano imbattuti in una fluttuazione dei dati a causa della stella o di errori negli strumenti.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Le giornate sulla Terra si stanno allungando a causa del clima

Studi recenti, basati sull'intelligenza artificiale, hanno rivelato che il...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Articoli correlati

Popular Categories