Nascita di una fake news: riviste scientifiche pubblicano un falso studio sui “Midi-Chlorians”

Indice

Il sistema di peer-review è un processo utilizzato per eliminare una ricerca scientifica con basi deboli utilizzando ricercatori indipendenti per verificare se lo studio è legittimo, credibile e di qualità decente.

Ma negli ultimi anni si è assistito ad un aumento dei cosiddetti “predatory journals”, quelle riviste a carattere scientifico dove è molto più facile passare il processo di revisione e ottenere una rapida pubblicazione di una ricerca o uno studio, di solito pagando un prezzo.

Per evidenziare i difetti di queste “riviste predatorie“, un blogger specializzato in neuroscienza, sotto l’alias Neuroskeptic è riuscito a truffare più riviste scientifiche nella pubblicazione di uno studio assurdo, punteggiato da enormi errori di fatto, plagio e riferimenti a Star Wars.

Neuroskeptic ha scritto del suo “esperimento” in un post sul blog di Discover Magazine.

Lo studio farlocco era incentrato sui “midi-chlorians“, una fantascientifica “forma di vita microscopica che risiede in tutte le cellule viventi” che fu citata per la prima volta nell’episodio di Star Wars intitolato La minaccia fantasma.

Presentato sotto i nomi del dottor Lucas McGeorge e del dott. Annette Kinlo studio a un certo punto, inserisce nel perfetto gergo scientifico usato nel testo: “Avete mai sentito la storia della tragedia di Darth Plagueis, il saggio? penso proprio di no. Non è una storia che i Jedi amano far conoscere. Si tratta una leggenda di Sith. Darth Plagueis era un Signore Oscuro dei Sith, così potente e così saggio che poteva usare la Forza per influenzare i midichlorians per creare la vita“.

Quattro giornali ci sono cascati in pieno. L’articolo spazzatura è stato pubblicato nel Journal of International Journal of Molecular Biology: Open Access , Austin Journal of Pharmacology and Therapeutics e nell’American Research Journal of Biosciences. L’American Journal of Medical and Biological Research ha  accettato il lavoro ma ha chiesto una commissione di $ 360, che l’autore ha rifiutato di pagare.

Questa non è la prima volta (e probabilmente non sarà l’ultima) che un giornale è caduto in una trappola simile. All’inizio di quest’anno, un falso scienziato chiamato Anna O’Szust (“Oszust”, che significa “una frode” in polacco) è riuscito ad arrivare alla valutazione di decine di riviste accademiche, senza esibire nessuna qualifica.

Un “esperimento” separato ha visto un giornale a libero accesso pubblicare un rapporto su un caso di una malattia immaginaria  presa da un episodio di Seinfeld .

La scarsa attendibilità dei “predatory journals” sono il lato oscuro delle riviste aperte. In senso più ampio, l’accesso aperto significa che possiamo leggere online una ricerca senza dover pagare una pesante tassa di abbonamento alla rivista.

Queste riviste, non basando il loro business su un paywall per generare reddito, spesso chiedono ai ricercatori di pagare una tassa per pubblicare. Con la sempre più capillare diffusione di Internet, il movimento di accesso aperto ha guadagnato slancio, con più riviste che vedono in questo modello come un modo più democratico per diffondere la conoscenza ed i frutti della ricerca.

Tuttavia, come ha evidenziato ancora una volta Neuroskeptic, questo sistema ideale ha un lato oscuro che ben si presta alla diffusione di fake news anche in ambito scientifico.

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Marte ha avuto un passato freddo e ghiacciato

La questione se Marte abbia mai ospitato la vita...

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Un evento di estinzione di massa 233 milioni di anni fa innescò l’alba dei dinosauri

Una nuova ricerca ha rivelato che 233 milioni di anni fa vi fu un evento di estinzione di massa che cambiò il pianeta uccidendo molti dei tetrapodi dominanti, preparando l'alba dei dinosauri.

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Materia oscura: 18 anni di affascinante analisi e studio

L’universo è un vasto e misterioso luogo, pieno di...

Articoli correlati

Popular Categories