Scoperta una nuova specie di scimmia in Amazzonia

Una spedizione scientifica nell'Amazzonia colombiana ha rivelato una nuova specie di scimmia. La specie di scimmia titi (Callicebus caquetensis) è una creatura felina in grave pericolo di estinzione a causa della rapida perdita dell'habitat e della piccola popolazione

0
1072

Una spedizione scientifica nell’Amazzonia colombiana ha rivelato una nuova specie di scimmia. La specie di scimmia titi (Callicebus caquetensis) è una creatura felina in grave pericolo di estinzione a causa della rapida perdita dell’habitat e della piccola popolazione. La scoperta è stata annunciata dall’associazione ambientalista Conservation International.

Una specie di scimmia unica ad alto rischio di estinzione

La ricerca condotta 30 anni fa ha suggerito che una specie di primati precedentemente sconosciuta potrebbe abitare nella regione colombiana di Caquetá, vicino ai confini ecuadoriani e peruviani, ma la violenza e i combattimenti degli insorti hanno mantenuto l’area libera dai confini per decenni. Solo nel 2008 gli scienziati Thomas Defler, Marta Bueno e lo studente Javier García dell’Università Nazionale della Colombia hanno salvato le voci.

García, originario di Caquetá, è stato finalmente in grado di viaggiare fino al corso superiore del Caquetá tre anni fa. Usando il GPS, cercando a piedi e ascoltando le chiamate, ha trovato 13 gruppi della nuova specie. La scimmia Titi (o zogui zogui come viene chiamata in spagnolo), ha uno dei richiami più complessi del regno animale, usandolo ogni mattina per contrassegnare il loro territorio.

“Questa scoperta è estremamente eccitante perché avevamo sentito parlare di questo animale, ma per molto tempo non abbiamo potuto confermare se fosse diverso da altri titi. Ora sappiamo che si tratta di una specie unica e mostra la ricca diversità della vita che deve ancora essere scoperta in Amazzonia”, ha affermato Defler.

0357 Callicebus caquetensis



C. caquetensis ha i capelli castano grigiastri, ma non ha una barra bianca sulla fronte come molte altre specie di Callicebusfare. La lunga coda è punteggiata di grigio e ha una folta barba rossa intorno alle guance. A differenza della maggior parte dei primati, le scimmie Caquetá titi (e probabilmente tutte le scimmie titi), formano relazioni monogame per tutta la vita e le coppie sono spesso viste appollaiate su un ramo con le code intrecciate. Di solito hanno un bambino all’anno.

Quando arriva un nuovo bambino, i genitori costringono il bambino più grande ad andarsene per concentrarsi sul neonato (questo si basa su informazioni raccolte da specie strettamente correlate). Le famiglie di questa specie convivono in gruppi di circa quattro individui e si possono osservare sugli alberi vicino ad alcuni dei principali fiumi di Caquetá.

Questa specie appena scoperta lotta per sopravvivere. Si stima che esistano meno di 250 scimmie Caquetá titi – una popolazione sana dovrebbe essere di migliaia. La ragione principale di questo piccolo numero è il degrado delle foreste della zona, che sono state disboscate per terreni agricoli. È molto pericoloso e talvolta impossibile attraversare questa savana erbosa o recinzioni di filo spinato in altre aree della foresta.

Sia le dimensioni molto ridotte della popolazione che l’habitat frammentato dovrebbero qualificare la specie per una classificazione di specie in pericolo critico (CR), secondo i criteri dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), il che significa che è a rischio di estinzione estremamente elevato

“Questa scoperta è particolarmente importante perché ci ricorda che dobbiamo celebrare la diversità della Terra, ma dobbiamo agire ora per preservarla”, ha affermato José Vicente Rodríguez, capo della scienza presso Conservation International in Colombia e presidente dell’Associazione Colombia di Zoologia. 

“Quando i leader mondiali si riuniranno in Giappone alla fine dell’anno per la Convenzione sulla diversità biologica, devono impegnarsi nella creazione di molte più aree protette se vogliamo garantire la sopravvivenza di creature in via di estinzione come queste in Amazzonia e nel mondo”. 

2