Ritorno alla Luna: la NASA commissiona un cubesat per testare l’orbita cislunare del Gateway

Va avanti il programma Lunar gateway della NASA.

382

La NASA ha aggiudicato ad una piccola impresa un contratto per lo sviluppo di un cubesat progettato per dimostrare l’uso dell’orbita unica pianificata per il Lunar Gateway che l’agenzia si intende lanciare per favorire il ritorno alla Luna nel 2024.

Si tratta di un contratto da 13,7 milioni di dollari assegnato alla società del Colorado Advanced Space per coprire lo sviluppo del Sistema di posizionamento autonomo cislunare chiamato Technology Operations and Navigation Experiment (CAPSTONE), un cubo di 12 unità che l’agenzia potrebbe lanciare entro la fine del 2020.

Il veicolo spaziale sarà probabilmente il primo veicolo spaziale ad usare quella che è conosciuta come un’orbita di alone quasi rettilinea, un’orbita polare ellittica attorno alla luna il cui punto più vicino alla luna è sopra un polo e il punto più lontano è sopra l’altro poloLa NASA prevede di utilizzare quell’orbita per il Gateway lunare, che servirà come punto di sosta per gli sbarchi umani vicino al polo sud della luna a partire dal 2024.

CAPSTONE servirà a dimostrare che l’orbita è stabile per i veicoli spaziali, riducendo ciò che la NASA chiama “incertezza logistica” per il Gateway. La navicella spaziale testerà anche un sistema di navigazione che misurerà la sua posizione rispetto all’Orbiter di ricognizione lunare della NASA e come tale distanza cambia nel tempo, consentendo al cubesat di misurare la sua posizione senza fare affidamento sulle stazioni di terra.

Questa missione è altamente ambiziosa sia in termini di costi che di pianificazione – e si tratta di prendere un rischio deliberato come parte dell’obiettivo di questa missione – insieme al rapido progresso tecnologico nella navigazione cislunare e all’opportunità di verificare ipotesi di traiettoria orbitale per eliminare alcune incognite per future missioni“, ha dichiarato Jim Reuter, amministratore associato per la tecnologia spaziale della NASA, annunciando il contratto CAPSTONE.

A collaborare con Advanced Space nella missione sarà Tyvak Nano-Satellite Systems, un’azienda che si occupa dello sviluppo di cubesat. Brad Cheetham, amministratore delegato di Advanced Space, ha dichiarato che Tyvak fornirà il veicolo spaziale, mentre Advanced Space si occuperà della gestione complessiva del progetto e di alcune delle tecnologie chiave del veicolo spaziale, come il suo sistema di navigazione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Advanced Space lavora da tempo sulle tecnologie di navigazione lunare e ha vinto un accordo di Space Act con la NASA per il sistema chiamato Cislunar Autonomous Positioning System (CAPS). Quel premio, ha affermato Cheetham, supporterà CAPS, e quindi la missione CAPSTONE, dando alla società l’accesso alle competenze della NASA e alle risorse della missione di ricognizione lunare.

Advertisement

La missione CAPSTONE sarà un’opportunità per dimostrare i componenti chiave di CAPS e altre capacità su cui abbiamo lavorato“, ha affermato. “Vediamo questo lavoro come un obiettivo per la NASA e per future missioni sulla luna da parte di altri“.

Il modo in cui CAPSTONE raggiungerà l’orbita lunare rimane incerto. Il comunicato della NASA afferma che l’agenzia sta prendendo in considerazione una serie di opzioni, tra cui il lancio del cubesat come carico utile principale su un piccolo veicolo di lancio. La NASA prevede che l’astronave raggiungerà l’orbita lunare in tre mesi per una missione primaria di sei mesi.

Cheetham ha dichiarato che sarà la NASA ha procurare il vettore per il lancio. “Mi aspetto che avremo maggiori dettagli su questo aspetto della missione nei prossimi mesi“, ha concluso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Advertisement