Rilevati buchi neri che mangiano stelle di neutroni

Gli scienziati hanno rilevato per la prima volta buchi neri che mangiano stelle di neutroni, "come Pac Man", in una scoperta che documenta la collisione dei due oggetti più estremi ed enigmatici dell'Universo

1025

Gli scienziati hanno rilevato per la prima volta buchi neri che mangiano stelle di neutroni, “come Pac Man”, in una scoperta che documenta la collisione dei due oggetti più estremi ed enigmatici dell’Universo.

Il Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory ( LIGO ) negli Stati Uniti e l’osservatorio gravitazionale Virgo in Italia hanno catturato le onde gravitazionali dalla spirale della morte e dalla fusione di una stella di neutroni con un buco nero, non una ma due volte. I risultati sono stati pubblicati di recente su The Astrophysical Journal Letters.

I ricercatori affermano che le loro osservazioni aiuteranno a svelare alcuni dei misteri più complessi dell’Universo, compresi gli elementi costitutivi della materia e il funzionamento dello spazio e del tempo.

Più di 1.000 scienziati sono stati coinvolti con i primi rilevamenti al mondo, molti dei quali australiani, tra cui l’Australian National University, hanno aperto la strada.

L’illustre professoressa Susan Scott, coautrice dello studio con sede presso l’ANU Research School of Physics nel Center for Gravitational Astrophysics, ha affermato che gli eventi si sono verificati circa un miliardo di anni fa ma erano così massicci che siamo ancora in grado di osservare le loro onde gravitazionali oggi.

Un'immagine di due stelle di neutroni che si scontrano. Credito: NASA
Un’immagine di due stelle di neutroni che si scontrano. Credito: NASA

“Queste collisioni hanno scosso l’Universo nel suo nucleo e abbiamo rilevato le increspature che hanno inviato sfrecciando attraverso il cosmo”, ha detto.

“Ogni collisione non è solo l’unione di due oggetti massicci e densi. È davvero come Pac-Man, con un buco nero che inghiotte per intero la sua stella di neutroni compagna. Questi sono eventi straordinari e abbiamo aspettato molto tempo per assisterli. Quindi è incredibile catturarli finalmente”.

Collisione di due buchi neri e collisione di due stelle di neutroni

Un evento includeva un buco nero con una massa nove volte più grande del nostro Sole e una stella di neutroni con due volte la massa del nostro Sole. L’altro evento includeva un buco nero con circa sei volte la massa del nostro Sole e una stella di neutroni con 1,5 volte la sua massa.

La professoressa Scott, anche capo ricercatore presso l’ARC Center of Excellence for Gravitational Wave Discovery (OzGrav), ha affermato che il team internazionale aveva precedentemente catturato molti eventi che coinvolgono la collisione di due buchi neri e la collisione di due stelle di neutroni.

“Ora, abbiamo completato l’ultimo pezzo del puzzle con le prime osservazioni confermate di onde gravitazionali da un buco nero e una stella di neutroni in collisione”, ha detto.

Il dott. Johannes Eichholz, del Centro ANU per l’astrofisica gravitazionale e ricercatore associato di OzGrav, ha affermato che i due rilevamenti sono stati originariamente effettuati il ​​5 e il 15 gennaio 2020.

“Questo tipo di rilevamenti sono incredibilmente rari”, ha detto.

“Non abbiamo rilevato questi eventi una volta, ma due volte ed entro 10 giorni l’uno dall’altro”.

“Come le increspature di questi due eventi, che sono state avvertite un miliardo di anni dopo, queste scoperte avranno un profondo impatto sulla nostra comprensione dell’Universo per molti anni a venire”.