4.5 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeArcheologia e StoriaRiemerse le rovine di un'antica città di 3.400 anni fa sulle rive...

Riemerse le rovine di un’antica città di 3.400 anni fa sulle rive del Tigri

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La stretta serrata del cambiamento climatico sul nostro pianeta sta rivelando segreti sepolti da millenni. Quando le acque e il ghiaccio si ritirano a causa delle alte temperature, emergono le tracce di persone e civiltà scomparse da tempo dal regno dei mortali. Negli ultimi mesi, l’Iraq è stato colpito in modo particolarmente duro, colpito da un’estrema siccità che ha ridotto significamente l’ampiezza del bacino idrico di Mosul.

Proprio in questo bacino sono emerse le rovine di un’antica città, rimasta sommersa per decenni. La diga era stata costruita negli anni ’80 prima che l’insediamento fosse studiato e catalogato dagli archeologi e la sua riemersione offre una rara opportunità di studiarlo. Il sito archeologico è stato chiamato Kemune.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le rovine sono costituite da un palazzo e diverse altre grandi strutture, risalenti all’età del bronzo, circa 3.400 anni fa. Gli scienziati pensano che si potrebbe trattare dell’antica città di Zakhiku, un vivace centro dell’Impero Mittani, che prosperò sulle rive del fiume Tigri tra il 1550 e il 1350 a.C.

Non è la prima volta che la città si solleva dalle acque come un’Atlantide perduta. Già nel 2018, l’invaso si era ritirato abbastanza da offrire agli archeologi una breve finestra in cui scoprire e documentare le rovine, prima che il livello dell’acqua si alzasse e le coprisse di nuovo.

Così, nel dicembre del 2021, quando la città ha ricominciato a emergere, gli archeologi si sono fatti trovare pronti ad approfittare della seconda breve finestra.

A gennaio e febbraio di quest’anno, l’archeologo Hasan Ahmed Qasim dell’Organizzazione per l’archeologia del Kurdistan in Iraq, insieme ai colleghi ricercatori Ivana Puljiz dell’Università di Friburgo e Peter Pfälzner dell’Università di Tubinga in Germania, hanno iniziato a mappare la misteriosa città.

edificio di stoccaggio di kemuneLe pareti di un magazzino. (Università di Friburgo e Tubinga, KAO)

Oltre al palazzo che è stato scoperto nel 2018, i ricercatori hanno trovato altre strutture interessanti. Tra queste, una grande fortificazione con mura e torri, un complesso industriale e un enorme edificio di stoccaggio a più piani, tutti risalenti all’Impero Mittani.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’enorme edificio è di particolare importanza perché al suo interno devono essere state immagazzinate enormi quantità di merci, probabilmente portate da tutta la regione“, afferma Puljiz.

La conservazione dei muri di mattoni fatti di fango si è rivelata notevole, considerando che erano stati sott’acqua per oltre 40 anni, ma ciò è il risultato della caduta piuttosto improvvisa della città nel 1350 a.C.

All’epoca, un terremoto devastò la regione, facendo crollare gli edifici, provocando la caduta di un rivestimento protettivo di macerie sulle pareti intatte rimanenti, coprendo i loro murales dipinti e il contenuto degli edifici.

tavolette cuneiformiUno dei vasi in ceramica contenenti tavolette cuneiformi. (Università di Friburgo e Tubinga, KAO)

In modo affascinante, la città ha anche restituito alcune giare di ceramica contenenti oltre 100 tavolette di argilla non cotte incise in cuneiforme, risalenti al Medio Assiro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team spera che questi documenti possano contenere alcune informazioni su chi ha vissuto in città e forse anche sul terremoto stesso che ha portato alla sua scomparsa. “È quasi un miracolo che queste tavolette fatte di argilla cruda siano sopravvissute per così tanti decenni sott’acqua“, ha detto Pfälzner.

Da allora la diga è stata riempita, sommergendo ancora una volta la città, ma sono state prese misure per assicurarsi che le rovine vengano preservate per gli scavi futuri, quando l’acqua si ritirerà ancora una volta. Le rovine sono state sigillate sotto coperture di plastica ch nee impediranno l’erosione e il degrado negli anni a venire.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel frattempo, il frenetico lavoro ha fornito agli archeologi materiale di studio che potrebbe far luce sulla vita dell’antico impero Mittani. “I risultati degli scavi mostrano che il sito era un importante centro dell’Impero Mittani“, ha concluso Qasim.

Articoli più letti