La ricerca di oggetti artificiali di origine non umana

Un nuovo progetto di ricerca di oggetti di tecnologia aliena nei nostri cieli e nello spazio

0
428
La ricerca di oggetti artificiali di origine non umana
La ricerca di oggetti artificiali di origine non umana

Immagina se avessi uno strumento così potente da poter rilevare qualsiasi oggetto artificiale non identificato di origine non umana fino a 100 milioni di chilometri dal nostro pianeta. Non solo rilevarlo, ma anche convalidarne l’esistenza, localizzarlo in tre dimensioni con precisione su scala metrologica e ottenere un’analisi chimica dell’oggetto… e tutto in tempo reale…

Uno strumento del genere susciterebbe la curiosità delle persone di tutto il mondo, lancerebbe nuovi ambiti della scienza e motiverebbe le missioni spaziali a raggiungere l’oggetto per studiarlo e, magari, portarlo sulla Terra.

Oggi, molti dei più noti team di scienziati alla ricerca di oggetti aerei non identificati (noti anche come fenomeni aerei non identificati o UAP) implementano programmi ambiziosamente ampi con una varietà di strumenti, tra cui radar, contatori Geiger, sensori acustici e rilevatori a infrarossi, per sorvegliare il cielo. Investono vigorosamente nell’addestramento di algoritmi di intelligenza artificiale per distinguere un piccione da una colomba, un Boeing 757 da un jet stealth, una cometa da una stella variabile e un pallone di sorveglianza cinese da un aereo non umano veramente non identificabile. Il numero di oggetti volanti che un simile progetto di sorveglianza del cielo dovrebbe incontrare ogni giorno è di centinaia di migliaia, dando origine a numerosi falsi allarmi.

Sebbene il numero di probabili falsi allarmi possa sembrare enorme, questi programmi di ricerca hanno senza dubbio il potenziale per far luce su una vasta gamma di fenomeni all’interno della nostra atmosfera, attesi e inattesi. Ma queste tecniche di ricerca dell’ignoto saranno efficaci nel raggiungere la risposta a lungo cercata alla domanda allettante: “sono qui?”

Abbiamo bisogno di una soluzione innovativa per trovare macchine non umane non identificate. Molti lettori avranno probabilmente familiarità con il precedente lavoro di Vanishing & Appearing Sources durante un secolo di osservazioni (VASCO), che prevedeva la ricerca di stelle evanescenti e di veicoli spaziali esplorativi (le cosiddette “sonde”) di intelligenze extraterrestri sulle vecchie immagini delle lastre fotografiche dal Palomar Sky Survey. Tutto ebbe inizio con l’inaspettata scoperta da parte di VASCO di una misteriosa immagine Palomar del 12 aprile 1950, nella quale nove sorgenti puntiformi di luce entravano e uscivano da un’immagine entro 1 ora [vedi Fig. 1., 4]. Nessun fenomeno astrofisico noto offre una spiegazione per questo e non siamo riusciti nemmeno a identificare una spiegazione strumentale soddisfacente per il fenomeno osservato. Era reale o abbiamo visto alcuni insoliti difetti delle lastre?

set ottico
Fig 1. I cerchi verdi mostrano nove transitori visibili in un’immagine del 12 aprile 1950 (immagine a sinistra). Gli stessi transitori non si vedono 30 anni dopo (immagine a destra), né in altre immagini scattate sei giorni dopo o mezz’ora prima. I nove transitori apparivano e svanivano nel giro di mezz’ora (Credito: Villarroel, Marcy, Geier, et al., 2021, Scientific Reports). 

Lampi da oggetti non identificati

Questa scoperta inaspettata ci ha fatto chiedere: stiamo vedendo lampi o riflessi da oggetti artificiali al di fuori dell’atmosfera ripresi in un’epoca in cui gli esseri umani non avevano ancora il primo satellite? Tali lampi potrebbero essere intrinseci alla loro natura (emissione) o verificarsi quando oggetti artificiali ad alta quota intorno alla Terra riflettono la luce solare. Successivamente, VASCO ha condotto un nuovo studio pilota. In questo nuovo studio, abbiamo cercato esplicitamente più brevi lampi di luce allineati che compaiono brevemente nelle immagini dei primi anni ’50. Sono stati infatti trovati alcuni allineamenti candidati, presentati nello stesso articolo [vedi Fig 2.]



set ottico
Fig 2. I cerchi verdi mostrano più transitori visibili in un’immagine del 12 aprile 1950 (immagine a sinistra). Gli stessi transitori non si vedono mai più nello stesso punto. Quattro dei transitori sono allineati. (Credito: Villarroel, Solano, Guergouri, et al., in arXiv:  2204.06091 ).

Il punto di forza dello studio è chiaramente il campione: le immagini digitalizzate mostrano un cielo completamente pulito da satelliti di fabbricazione umana e detriti spaziali. Questo campione è di grande valore per studi statistici al fine di quantificare la presenza di una tale potenziale “popolazione di fondo” di oggetti artificiali di origine non umana. Ma i dati hanno un punto debole: anche se si identificasse un candidato ideale e reale, sarà impossibile individuare nuovamente lo stesso singolo candidato 70 anni dopo! Per un singolo candidato, convalidare e riprodurre la sua posizione non sarà mai possibile. Questo semplicemente non è abbastanza buono. Per risolvere questo problema, il progetto VASCO ha collaborato con SpaceLaserAwareness per un programma di ricerca completamente nuovo chiamato EXOPROBE. SpaceLaserAwareness ha sviluppato un sistema per ricerche attente di laser di comunicazione interstellare e ha un record di pubblicazione di articoli sottoposti a revisione paritaria in riviste accademiche di tutto rispetto (come fa VASCO).

Il programma di ricerca EXOPROBE presenta un nuovo sistema. Questo nuovo sistema è composto da una rete globale di telescopi ottici [vedi Fig 3.]. Questa nuova rete di telescopi utilizza strumenti attentamente progettati con telecamere ad alta velocità che forniscono una risoluzione temporale, una risoluzione spaziale e una risoluzione spettrale di qualsiasi scoperta. Ogni oggetto è localizzato in tre dimensioni in modo da poter estrarre dove si trova esattamente una sonda aliena. Finora abbiamo testato prototipi di un simile telescopio.oggetti artificiali

Fig 3. Una rete globale pianificata di telescopi in grado di localizzare accuratamente la sonda ET. Presentato nella relazione di B. Villarroel al simposio Limina UAP del 4 febbraio 2023.

Rispetto ad altri progetti, il nuovo design di EXOPROBE consentirebbe di rilevare, localizzare, verificare e riprodurre il reperto in tempo reale. Tutto ciò diventa possibile quando invece di cercare l’”ignoto” tra milioni di oggetti che attraversano il cielo (“scienza UAP”), ci concentriamo sulla ricerca di una firma identificabile dell’oggetto non identificato: nel nostro caso, brevi lampi luminosi che si verificano al di fuori dell’atmosfera terrestre. Un aspetto importante del progetto è che viene utilizzata una tecnica per rimuovere oggetti di fabbricazione umana e detriti spaziali, riducendo al minimo il numero di falsi positivi.

L’idea è quella di fare di tutto per raggiungere la precisione di 1 metro nella localizzazione dell’oggetto non identificato. È qui che entra la seconda fase del progetto. Nel caso si scoprisse una sonda del genere, dovrebbe essere portata sulla Terra. Cosa non potremmo imparare mettendo le mani sulla creazione magistrale di un’altra civiltà intelligente? Quali misteriosi segreti possono essere custoditi da una piccola scatola ET? Qualsiasi organizzazione che metta le mani su una sonda ET, soprattutto se attiva, spingerà l’espansione della conoscenza umana oltre ogni immaginazione.

Questo obiettivo ambizioso di catturare una sonda di sorveglianza non umana non è privo di problemi. Se la sonda viene scoperta, potrebbe avere tutto il tempo per uscire dall’orbita o nascondersi prima che una missione governativa per recuperarla venga approvata in una lunga battaglia burocratica. Le missioni governative di questo tipo richiedono solitamente anni. Ma il tempo è prezioso quando si ha a che fare con un’indagine del genere. Idealmente, una missione spaziale per recuperarla non può aspettare più di qualche giorno – una finestra temporale necessaria per riprodurre e convalidare l’autenticità del ritrovamento ma anche per ridurre al minimo il rischio che la sonda “svanisca”. Esistono diversi modi per percorrere qualche milione di miglia per raggiungere la sonda, e la sfida più grande sarà identificare il percorso corretto per raccoglierla.

Il progetto EXOPROBE è alla ricerca di partner, sia privati ​​che governativi, interessati a collaborare in questa missione. Si tratta di portare il metodo scientifico al suo estremo: portare quelle prove straordinarie sulla Terra. La gestione del progetto ha stabilito piani dettagliati per la progettazione tecnica, l’analisi dei dati e l’implementazione della rete globale di telescopi. Possiamo contare su un track record di premi scientifici nel campo dell’astrofisica e del SETI. Dopo cinque anni, anche il progetto VASCO ha completato la ricerca delle stelle evanescenti ed è attualmente in corso la stesura di un documento di prossima pubblicazione incentrato sui risultati.

SpaceLaserAwareness produce un flusso di risultati alla ricerca di comunicazioni laser non identificate nello spazio e palloni di sorveglianza non identificati. L’obiettivo, quindi, è tempestivo e dispone di un team con decenni di esperienza nelle osservazioni spaziali.

Sono passati 28 anni da quando sono stati scoperti i primi esopianeti attorno a stelle normali come il Sole. Da allora, abbiamo appreso dalla missione Kepler della NASA che più del 20% delle stelle, simili al nostro Sole, hanno un pianeta delle dimensioni della Terra nella loro zona abitabile, dove può esistere acqua liquida. Ciò implica che la nostra Via Lattea dovrebbe contenere circa 40 miliardi di pianeti caldi, grandi quanto la Terra. Abbiamo imparato che gli asteroidi e le meteore contengono aminoacidi, gli elementi costitutivi delle proteine. L’ingresso della Voyager e della Pioneer nello spazio interstellare ha rimosso ogni dubbio sul fatto che gli esseri umani possano inviare un veicolo spaziale verso altre stelle. Altre civiltà invierebbero sicuramente sonde nel nostro Sistema Solare per indagare sul nostro pallido punto blu con la sua atmosfera ossigenata rivelatrice.

Sessant’anni di estese ricerche radio con enormi telescopi come il Green Bank Telescope e l’Allen Telescope Array non hanno portato a trovare candidati validi tra oltre 300.000 stelle. È giunto il momento di cercare una nuova via da seguire nella ricerca SETI. Un’opzione potrebbe essere quella di esaminare l’ampia gamma di oggetti non identificati nei nostri cieli. Ma un simile sforzo risente ancora della secolare ricerca di un ago in un pagliaio con centinaia di migliaia di falsi positivi.

Poiché i provider Internet lanceranno molte decine di migliaia di satelliti nei prossimi anni, la finestra temporale per una simile indagine si sta restringendo rapidamente. Queste ricerche devono iniziare adesso. Con questo programma scientifico è appena arrivata la nuova generazione di ricerche ottiche per l’intelligenza extraterrestre, che sposa le domande più importanti della UAPscience. Con il programma EXOPROBE, la vecchia domanda di Fermi “dove sono tutti?” si espande in una nuova dimensione.

2