Putin minaccia l’Europa, altri due Paesi nel mirino

L’invasione russa potrebbe espandersi in Europa, dopo l’Ucraina infatti, il governo di Vladimir Putin ha minacciato due Paesi UE

758

L’invasione russa potrebbe espandersi in Europa, dopo l’Ucraina infatti, il governo di Vladimir Putin ha minacciato due Paesi UE. E le “conseguenze militari” annunciate suonano oggi come dei veri e propri presagi di attacco.

Anche Finlandia e Svezia nel mirino della Russia

Dopo l’Ucraina, anche Svezia e Finlandia sono finiti nel mirino di Putin. Il prossimo attacco, hanno fatto sapere dal Cremlino, dipenderà dalla decisione dei due Paesi di unirsi o meno alla NATO. La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharovam, ha affermato che una tale mossa sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina avrebbe “gravi ripercussioni politico-militari”.

“La Finlandia e la Svezia non dovrebbero basare la loro sicurezza sul danneggiamento della sicurezza di altri paesi e la loro adesione alla NATO può avere conseguenze dannose e potrebbe affrontare alcune conseguenze militari e politiche”, ha affermato Zakharova durante una conferenza stampa.

Finlandia e Svezia minacciate da Putin

Per capire perché l’adesione alla NATO da parte di Svezia e Finlandia gioca oggi un ruolo cruciale nello scacchiere geopolitico internazionale dobbiamo fare un passo indietro.

Secondo gli esperti, Vladimir Putin potrebbe aver attaccato dopo l’idea annunciata di Ucraina, Svezia e Finlandia di voler entrare a far parte della NATO. La Russia, di fatto, credeva che tale nuova alleanza si sarebbe potuta tradurre in una presenza militare statunitense alle sue porte. La Svezia e la Finlandia confinano entrambe con la Russia nel Circolo Polare Artico.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Pertanto, ad oggi e a pochi giorni dagli attacchi di Kiev, una mossa simile da parte della Svezia o della Finlandia potrebbe potenzialmente provocare ulteriormente il Cremlino.

Perché la Russia ha invaso l’Ucraina?

Il presidente Putin ha spesso accusato l’Ucraina di essere stata conquistata da estremisti, da quando il suo presidente filo-russo, Viktor Yanukovich, è stato estromesso dal Paese nel 2014, dopo mesi di proteste contro il suo governo. La Russia ha quindi reagito conquistando la regione meridionale della Crimea e innescando una ribellione a est, sostenendo i separatisti che hanno combattuto le forze ucraine in una guerra che ha causato 14.000 vittime.

Verso la fine del 2021, la Russia ha iniziato a schierare un gran numero di truppe vicino ai confini dell’Ucraina, negando ripetutamente che avrebbe attaccato. Successivamente, però, Putin ha annullato un accordo di pace del 2015, sostenendo le aree sotto il controllo dei ribelli come indipendenti.

Dall’inizio dell’anno, poi, le cose sono precipitate. Le truppe russe hanno deciso di invadere, avanzando verso la capitale dell’Ucraina da diverse direzioni dopo che lo stesso Putin ha ordinato l’attacco. In un discorso televisivo prima dell’alba il 24 febbraio, il presidente ha dichiarato che la Russia non poteva sentirsi “al sicuro” a causa di quella che sosteneva fosse una minaccia costante dell’Ucraina moderna.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---