DART potrebbe fare più danni del previsto al suo bersaglio

Il bersaglio di cui si parla è il piccolo asteroide Dimorphos che fa parte di un sistema binario di asteroidi con il piccolo Didymos intorno al quale ruota. I due asteroidi sono stati scelti come bersaglio per la missione DART, un test atto a capire come potremmo deviare un asteroide in rotta di collisione con la Terra.

5245 DART Lifts Off
DART decolla su un razzo SpaceX Falcon 9 dallo Space Launch Complex 4 East presso la base spaziale di Vandenberg in California. (NASA)

I ricercatori dell’Università di Berna e del National Center of Competence in Researcher (NCCR) PlanetS, nel nuovo studio pubblicato su The Planetary Science Journal, mostrano che l’impatto del veicolo spaziale DART su Dimorphos potrebbe rendere l’asteroide quasi irriconoscibile invece di lasciare un cratere relativamente piccolo, come suggerito da precedenti simulazioni.

Le nuove scoperte si basano sulle osservazioni della missione dell’agenzia spaziale giapponese (JAXA), Hayabusa2, che secondo i ricercatori, mostrao che gli asteroidi possono avere una struttura interna meno solida di quanto si pensasse.

Nuove scoperte potrebbero cambiare drasticamente l’esito della collisione tra DART e Dimorphos

Contrariamente a quanto si potrebbe immaginare quando si pensa ad un asteroide, prove dirette da missioni spaziali come la sonda Hayabusa2 dell’agenzia spaziale giapponese (JAXA) dimostrano che un asteroide può avere una struttura interna molto lasca, simile a un mucchio di macerie, che è tenuta insieme da interazioni gravitazionali e piccole forze coesive“, afferma l’autrice principale dello studio Sabina Raducan, dell’Istituto di fisica e del Centro nazionale di competenza nella ricerca PlanetS dell’Università di Berna.

Ciò potrebbe cambiare drasticamente l’esito della collisione di DART e Dimorphos, che dovrebbe aver luogo nel prossimo settembre“, sottolinea Raducan.

Chaitanya Giri, consulente di tecnologia spaziale con sistema di ricerca e informazione per i paesi in via di sviluppo (RIS), ha spiegato a EurAsian Times che gli asteroidi binari Dimorphos-Didymos sono stati studiati per molto tempo e Didymos, il più grande dei due, ha proprietà riflettenti che indicano che si tratta di un asteroide sassoso (tipo S).

Ora, anche gli asteroidi di tipo S possono essere cumuli di macerie. Hayabusa-2 di JAXA ha visitato un asteroide di tipo S, Itokawa. Era una struttura simile a un’arachide con densità variabili“, ha detto Giri.

Tuttavia, Giri ha sottolineato che, a differenza di Didymos, Itokawa non è accoppiato con un altro asteroide. Ha inoltre osservato che non tutti i cumuli di macerie sono uguali, poiché le macerie possono avere una mineralogia diversa.

Alcuni (mucchi di macerie) possono avere più massi e meno polvere, alcuni possono avere più polvere e pochi massi, alcuni possono persino avere tracce di ferro-nichel, contenuto carbonioso e ghiaccio“, ha detto.

Un’altra cosa essenziale che Giri ha evidenziato è che nel caso degli asteroidi binari, è stato spesso dedotto che non differiscono molto nella loro composizione e, sulla base di ciò, è probabile che Dimorphos, su cui la missione DART avrà un impatto – potrebbe non essere del tutto dissimile da Didymos.

Anche il team investigativo principale di DART la pensa allo stesso modo“, ha affermato Giri.

Insomma, è probabile che Didymos possa essere un accumulo di materiali lapidei. Tuttavia, “Al momento non si può sapere nulla di conclusivo a meno che un veicolo spaziale non si avvicini e esegua un telerilevamento“, ha aggiunto Giri.

DART potrebbe deformare completamente l’asteroide

Basandosi sull’inferenza che la struttura interna di Dimorphos sia un cumulo di macerie, la simulazione di Sabina Raducan mostra che la navicella spaziale DART, quando lo impatterà con una velocità di circa 24.000 km/h, potrebbe deformare completamente l’asteroide e che il bersaglio potrebbe essere deviato molto più fortemente.

Inoltre, una maggiore quantità di materiale potrebbe essere espulsa dall’impatto rispetto a quanto previsto dagli studi precedenti.

Alla domanda sui potenziali rischi derivanti dall’espulsione del materiale dall’asteroide in seguito all’impatto, Giri ha detto a Eurasian Times che non pensa che ci sia nulla di cui preoccuparsi, pur rilevando che devono essere prese tutte le precauzioni necessarie.

Secondo lui, Dimorphos è estremamente piccolo, largo circa 165 metri, e quindi l’impatto della sonda DART su di esso non libererà grandi volumi di materiale. “Anche se si rivelasse essere un cumulo di macerie, l’impatto espellerà solo piccole pietre, polvere, sostanze volatili“, ha detto Giri.

Raducan e il suo team sono stati premiati dall’Agenzia spaziale europea (ESA) e dal sindaco di Nizza in un seminario sulla missione di follow-up DART HERA per aver simulato l’intero processo di formazione dei crateri all’indomani dell’impatto su piccoli asteroidi come Dimorphos.

Uno dei motivi per cui questo scenario di una struttura interna sciolta non è stato finora studiato a fondo è che i metodi necessari non erano disponibili“, ha affermato Raducan.

Le condizioni di impatto non possono essere ricreate in esperimenti di laboratorio e il processo relativamente complesso di formazione dei crateri dopo un tale impatto ha reso impossibile simulare li, fino ad ora, secondo il ricercatore.

L’ESA invierà la missione HERA a Dimorphos nel 2024 per indagare sulle conseguenze dell’impatto del veicolo spaziale DART.

Era in orbita
Un’illustrazione artistica della missione Hera dell’ESA che raggiunge sull’asteroide Didymos. (ESA)

Per ottenere il massimo dalla missione HERA, dobbiamo avere una buona comprensione dei potenziali risultati dell’impatto di DART“, ha affermato il coautore dello studio con Raducan, Martin Jutzi dell’Istituto di fisica del Centro nazionale di ricerca.

Secondo il ricercatore, la loro simulazione dell’impatto della sonda DART ha aggiunto uno scenario potenziale cruciale che ha ampliato le aspettative al riguardo. “Questo non è solo rilevante nel contesto della difesa planetaria, ma aggiunge anche un pezzo importante al puzzle della nostra comprensione degli asteroidi in generale“, ha detto Jutzi.

DART non è una missione spara e dimentica

DART è la prima missione del suo genere a indagare e dimostrare la difesa planetaria utilizzando il metodo di deflessione dell’asteroide modificando il movimento dell’asteroide nello spazio attraverso l’impatto cinetico.

Alla domanda sul futuro della missione DART dopo il suo impatto programmato su Dimorphos a settembre, Chaitanya Giri ha affermato che la missione non finirà anche se raggiungerà il suo obiettivo a settembre, e i team che supervisionano questa missione continueranno a monitorare la traiettoria di Dimorphos per anni a venire.

Non è una missione spara e dimentica“, ha detto Giri.

Inoltre, saranno condotti studi anche sui cambiamenti nella densità di Didymos, sulla sua traiettoria, sulla differenza nel volume dell’asteroide, sulla caratterizzazione chimica del materiale dell’asteroide espulso e sulla sua eccentricità orbitale.

Giri ha osservato che Didymos si avvicinerà alla Terra nel 2042 e nel 2062. Gli scienziati DART o la prossima generazione di scienziati monitoreranno le differenze in Dimorphos prima e dopo. Ha anche indicato la prossima iterazione della missione DART.

Potrebbe esserci un’altra missione DART, un DART-II intorno al 2042 o al 2062, che potrebbe dover deviare ulteriormente questo asteroide potenzialmente pericoloso (PHA). Questa preparazione a lungo raggio dimostra che la deflessione dell’asteroide è un’iniziativa che va studiata bene”.

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Offerte Amazon: macchine da caffè super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Marte ha avuto un passato freddo e ghiacciato

La questione se Marte abbia mai ospitato la vita...

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Articoli correlati

Popular Categories