Progetto DAC: startup rimuove CO2 per dare acqua dolce

Come una tecnologia emergente promette di ridurre le emissioni di carbonio e fornire acqua potabile, ma solleva anche dubbi sulla sua efficacia e sostenibilità

0
150
Progetto DAC

Una startup che sviluppa una tecnologia per eliminare dall’atmosfera l’anidride carbonica che riscalda il pianeta (Progetto DAC) ha appena firmato un accordo con un’azienda idrica statale in Corea del Sud per costruire un progetto pilota che combini la nuova tecnologia climatica con la desalinizzazione dell’acqua di mare.

Progetto DAC

La collaborazione, prima nel suo genere, ha lo scopo di ripulire parte dell’inquinamento da un gigantesco hub per la produzione petrolchimica nelle vicinanze, oltre a fornire acqua dolce alle industrie pesanti della zona.

A seconda di come la si guarda, partnership come questa potrebbero essere un modo innovativo per ridurre al minimo il danno ambientale derivante da attività molto sporche, o un modo per mantenere il flusso di combustibili fossili quando il mondo ha bisogno di alternative più pulite.

In ogni caso, è un esempio di come l’industria dei combustibili fossili si stia avvicinando alle tecnologie emergenti, come la cattura diretta dell’aria (Progetto DAC), che dovrebbero combattere il cambiamento climatico ma che preoccupano anche gli scettici sul fatto che possa diventare una stampella per i grandi inquinatori.



“In realtà siamo d’accordo con la critica secondo cui se si realizza un progetto DAC, questo O rende più insicura l’acqua, o più vulnerabili al clima, o se questo perpetua i combustibili fossili sulla rete, quello è un problema”

afferma Luke Shors, presidente della startup di tecnologia climatica Capture6 con sede in California e Nuova Zelanda che ha firmato l’accordo, ed in seguito aggiunge:

“In realtà pensiamo che questi progetti possano raggiungere molteplici obiettivi climatici, ed è per questo che dovremmo perseguirli”.

Progetto DAC

La società di Shors ha firmato questa settimana un memorandum d’intesa (MOU) con l’azienda idrica sudcoreana K-water e la società di trattamento delle acque reflue BKT. Insieme svilupperanno quello che dicono sia il primo impianto completamente integrato al mondo per la rimozione del carbonio e la gestione delle acque utilizzando la desalinizzazione dell’acqua di mare.

Come dovrebbe funzionare il progetto DAC

Capture6 prevede di costruire Project Octopus, un impianto per la rimozione del carbonio che spera finirà per rimuovere centinaia di migliaia di tonnellate di anidride carbonica dall’atmosfera ogni anno: un’impresa che un numero crescente di startup in tutto il mondo sta cercando di realizzare.

La particolarità del Project Octopus è il modo in cui dovrebbe funzionare in tandem con un impianto che trasforma l’acqua di mare in acqua dolce. Uno svantaggio degli impianti di desalinizzazione è che producono salamoia che può essere dannosa se rilasciata nell’ambiente circostante, a tal proposito Capture6, che utilizza le acque reflue nel processo di rimozione del carbonio, il sale lo utilizzerebbe come materia prima per un assorbente liquido che reagisce con la CO2 presente nell’aria.

La soluzione intrappola la CO2 che, dopo essersi mescolata con il calcio, produce un calcare o un minerale simile al gesso che impedisce ai gas serra di fuoriuscire nell’atmosfera. L’acqua dolce è un altro sottoprodotto del processo.

Progetto DAC

Non si tratta di una soluzione miracolosa contro il cambiamento climatico o la siccità, e queste tecnologie hanno i loro costi, infatti sia gli impianti del progetto DAC che quelli di desalinizzazione consumano molta energia, e poiché l’impianto pilota sarà collegato alla rete, ciò significa che sarà ancora alimentato in gran parte da combustibili fossili e genererà le stesse emissioni di gas serra che Project Octopus dovrebbe ripulire.

Inoltre, l’impianto del progetto DAC è stato costruito essenzialmente per servire il complesso industriale di Daesan che produce il 40% dei prodotti petrolchimici della Corea del Sud derivati da petrolio e gas.

“[Il complesso industriale] esisterà, giusto? Non importa cosa facciamo. Quindi penso che sia per questo che per noi è molto importante essere allo stesso tempo realistici”

afferma Shors.

Ma quanto è realistico pensare che il progetto DAC di Capture6 possa fare la differenza nella lotta contro il cambiamento climatico? Secondo alcuni esperti, la cattura diretta dell’aria è una delle soluzioni necessarie per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, che prevede di limitare il riscaldamento globale a ben al di sotto dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali, nonostante ciò la tecnologia è ancora agli inizi e richiede ingenti investimenti e incentivi per scalare e diventare competitiva.

Inoltre, il progetto DAC non può sostituire la riduzione delle emissioni alla fonte, ma solo integrarla. Se le industrie continuano a bruciare combustibili fossili senza limiti, la quantità di CO2 da rimuovere dall’atmosfera sarebbe troppo elevata per essere gestita da qualsiasi tecnologia.

Alcuni critici sostengono anche che il progetto DAC potrebbe creare una falsa sensazione di sicurezza e distogliere l’attenzione da soluzioni più efficaci e sostenibili, come le energie rinnovabili, l’efficienza energetica e la conservazione delle foreste.

Shors riconosce che la il progetto DAC non è una panacea e che ci sono molte sfide da affrontare, ciononostante è convinto che possa dimostrare il potenziale della cattura diretta dell’aria per fornire benefici ambientali e sociali, oltre a creare opportunità economiche.

Progetto DAC

Il suo obiettivo è di espandere il suo impianto in Corea del Sud e in altri paesi, e di collaborare con altre industrie che hanno bisogno di acqua dolce o di ridurre le loro emissioni di carbonio, affermando:

“Non stiamo dicendo che questo è l’unico modo per risolvere il problema climatico, ma stiamo dicendo che questo è un modo per contribuire a risolverlo e se possiamo farlo in modo che sia vantaggioso per le persone, per le comunità e per le aziende, allora penso che sia una cosa positiva”.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2