Come scegliere l’albero di Natale più sostenibile

Albero di Natale vero o finto? Sono milioni quelli acquistati ogni anno: Complessivamente, circa tre quarti delle famiglie nel mondo occidentale possiedono, secondo i sondaggi, almeno una specie di albero di Natale

0
44
Come scegliere l'albero di Natale più sostenibile
Come scegliere l'albero di Natale più sostenibile

Ogni anno, in tutto il mondo vengono acquistati milioni di alberi di Natale, e molti altri tirano fuori dal magazzino un albero artificiale per la stagione. Complessivamente, circa tre quarti delle famiglie nel mondo occidentale possiedono, secondo i sondaggi, almeno una specie di albero di Natale.

Le persone spesso chiedono se sia più sostenibile un albero vero oppure uno artificiale. Si tratta in realtà di un dibattito di non facile risoluzione e la risposta varia da persona a persona e, soprattutto da quali fattori si considerano. Una persona interessata all’acquisto di un albero dovrebbe valutare prima dove sia possibile ottenerne uno realmente sostenibile. Al riguardo a dare una risposta valida è il professor Curtis Vanderschaaf, docente di Scienze forestali che lavora su temi di sostenibilità.

Acquistare un albero di Natale vero

Quando gli alberi di Natale sono vivi e crescono, estraggono l’anidride carbonica dall’aria e la usano come elementi costitutivi del loro legno. Ciò mantiene i gas serra fuori dall’atmosfera, dove troppa anidride carbonica contribuisce al riscaldamento globale. Questo processo si interrompe una volta raccolto l’albero. E ad un certo punto, l’albero tagliato inizia a decomporsi e rilascia nuovamente il carbonio. L’aspetto positivo è che i sistemi radicali dell’albero continueranno a immagazzinare carbonio per un certo periodo e in genere vengono piantati nuovi alberi per continuare il ciclo. Quindi, come trovare l’albero vivo più sostenibile?

L’origine dell’arbusto

Curtis Vanderschaaf consiglia che, nel caso in cui si abitasse in Mississippi come lui, acquistare un abete nobile (Abies procera) significa che tale arbusto proviene dal Pacifico nord-occidentale. Si tratta di un viaggio lungo e i trasporti sono una delle principali fonti di emissioni di gas serra. Tuttavia, in un camion con diverse centinaia di alberi, le emissioni di trasporto di ogni singolo albero sono piuttosto ridotte. L’albero di Natale più comune varia in base alla regione: l’abete di Douglas è comune anche in tutto il Mountain West. Il pino silvestre e l’abete balsamico vengono coltivati ​​regolarmente negli stati dei Grandi Laghi. Anche l’abete Fraser è popolare lì, ma dominante nella Carolina del Nord. Il cipresso di Leyland e il pino della Virginia sono comuni nel sud-est.

Consigliabile acquistare in vivai specializzati

Ci sono molte specie meravigliose coltivate localmente. Naturalmente, l’albero tagliato con l’impatto più basso è quello tagliato dal proprio giardino. Inoltre, Vanderschaaf consiglia di cercare vivai locali che proteggano i loro suoli dall’erosione e riducano al minimo i danni alle acque superficiali e sotterranee derivanti dal deflusso che può includere fertilizzanti o pesticidi.

Smaltire un albero vivo è cosa buona e giusta

Sarebbe opportuno considerare anche ciò che si ha intenzione di fare col proprio albero vivo dopo le vacanze di Natale. Riciclare è molto meglio che lasciare il legno a decomporsi in una discarica. A causa della natura della maggior parte delle discariche, alla fine esisteranno condizioni anaerobiche e la decomposizione comporterà il rilascio di gas metano, che è molte volte più potente dell’anidride carbonica nel riscaldare l’atmosfera.



Vanderschaaf consiglia di cercare una comunità o un rivenditore che si offra di scheggiare l’albero o di sminuzzarlo per creare pacciame o per utilizzarlo nelle stalle degli animali. Questo lo tiene fuori dalle discariche e ha uno scopo.

Il compostaggio

Il compostaggio è un’altra opzione. Gli alberi possono essere utilizzati come barriera contro l’erosione per la sabbia o il terreno o come habitat per i pesci nei laghi. Possono anche essere donati interi agli zoo, dove gli alberi forniscono intrattenimento agli animali mentre alla fine marciscono fuori da una discarica, oppure possono essere gettati in un bio-bruciatore per fornire riscaldamento agli edifici. Alcune persone danno da mangiare gli alberi alle capre.

In alternativa, è possibile valutare l’idea di tagliare l’albero in pezzi più piccoli e di lasciarlo marcire all’aperto, posizionandolo in un luogo appartato del tuo giardino. Fornirà una casa temporanea per molti insetti, uccelli e animali selvatici.

Se sei attratto dalla scienza, dalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie, continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2