Primo raccolto di ravanelli sulla Stazione Spaziale Internazionale – video

La struttura dell'esperimento consentirà alla NASA di identificare l'equilibrio ottimale tra cura e alimentazione necessari per produrre piante di qualità

0
619
Indice

Il 30 novembre 2020, l’astronauta della NASA Kate Rubins ha raccolto piante di ravanello cresciute nell’Advanced Plant Habitat (APH) a bordo della Stazione Spaziale Internazionale . Ha meticolosamente raccolto e avvolto in un foglio ciascuna delle 20 piante di ravanello, mettendole in celle frigorifere per il viaggio di ritorno sulla Terra nel 2021 con la 22a missione dei servizi di rifornimento commerciale di SpaceX .
L’esperimento vegetale, chiamato Plant Habitat-02 (PH-02), svolto dalla NASA è stato effettuato sui ravanelli perché sono ben noti agli scienziati e raggiungono la maturità in soli 27 giorni. Queste piante modello sono anche nutrienti e commestibili e sono geneticamente simili all’Arabidopsis, una piccola pianta da fiore correlata al cavolo che i ricercatori studiano frequentemente in condizioni di microgravità.
I ravanelli sono un tipo diverso di raccolto rispetto alle verdure a foglia verde che gli astronauti hanno coltivato in precedenza sulla stazione spaziale, o al grano nano che è stato il primo raccolto coltivato nell’APH“, ha detto Nicole Dufour, responsabile del programma APH della NASA presso il Kennedy Space Center. “Testare la coltivazione di una vasta gamma di colture ci aiuta a determinare quali piante prosperano in condizioni di microgravità e offrono la migliore varietà ed equilibrio nutrizionale per gli astronauti in previsione di missioni di lunga durata“.
La struttura dell’esperimento consentirà alla NASA di identificare l’equilibrio ottimale tra cura e alimentazione necessari per produrre piante di qualità. Mentre crescevano all’interno dell’habitat, i ravanelli hanno richiesto poca manutenzione da parte dell’equipaggio.
A differenza dei precedenti esperimenti in APH e Vegetable Production System (Veggie) della NASA, che utilizzavano materiale di argilla porosa precaricato con un fertilizzante a lenta cessione, questo studio si è basato su quantità precisamente definite di minerali. Tale precisione consentirà un migliore confronto dei nutrienti forniti e assorbiti dalle piante.

La camera di coltivazione utilizza luci a LED rossi, blu, verdi e bianchi ad ampio spettro per fornire una varietà di luce adeguata a stimolare la crescita delle piante. Sofisticati sistemi di controllo forniscono acqua, mentre le telecamere di controllo e più di 180 sensori nella camera consentono ai ricercatori del Kennedy Space Center della NASA di monitorare la crescita delle piante e di regolare i livelli di umidità, la temperatura e la concentrazione di anidride carbonica (CO2).
Il principale ricercatore dello studio, Karl Hasenstein, professore presso l’Università della Louisiana a Lafayette, conduce esperimenti sulle piante con la NASA dal 1995. Da questo progetto, Hasenstein spera di apprendere come le condizioni spaziali come l’assenza di gravità influenzano la crescita delle piante e fino a che punto la risposta alla luce e il metabolismo assomigliano a quelli delle piante “coltivate sulla terra“.
I ravanelli forniscono grandi possibilità di ricerca in virtù della loro formazione di bulbi sensibili“, ha detto Hasenstein. “Possiamo coltivare 20 piante nell’APH, analizzare gli effetti della CO2 e l’acquisizione e la distribuzione di minerali“.
Il team ha istituito una popolazione di controllo delle piante nell’unità di habitat di controllo a terra nella camera del simulatore ambientale della stazione spaziale internazionale (ISSES) all’interno della struttura di elaborazione della stazione spaziale. I ravanelli crescono in condizioni quasi identiche nell’ISS dal 17 novembre ed i ricercatori raccoglieranno il raccolto di controllo il 15 dicembre per confrontarlo con i ravanelli coltivati ​​nella stazione.
Questo raccolto non significa che l’esperimento sia finito, ha aggiunto Dufour.
L’APH ha due vettori scientifici, quindi, poco dopo il primo raccolto, il secondo vettore verrà utilizzato per ripetere l’esperimento piantando un altro set di semi di ravanello“, ha detto. “La replica dell’esperimento sulla pianta aumenta la dimensione del campione e migliora l’accuratezza scientifica“.
I ricercatori accreditano due organizzazioni partner per aver contribuito a rendere la missione un successo.
Con l’intenzione di esplorare la Luna e un giorno Marte, la NASA sa che gli astronauti dovranno coltivare il proprio cibo per supportare missioni di lunga durata lontano da casa. Nell’ambito del programma Artemis, la NASA prevede di stabilire un’esplorazione sostenibile su e intorno alla Luna entro la fine del decennio.

2