PREFIRE: 2 nuovi cubesat per monitorare i nostri poli

Una nuova missione spaziale per svelare i segreti termici dei poli

0
33
PREFIRE: 2 nuovi cubesat per monitorare i nostri poli

La missione PREFIRE (Polar Radiant Energy in the Far-Infrared Experiment) della NASA rappresenta un passo significativo nella comprensione del sistema climatico terrestre, in particolare per quanto riguarda le regioni polari, che sono tra le più sensibili e meno comprese in termini di dinamiche termiche. Il lancio di questi cubesat, “Ready, Aim, PREFIRE” e “PREFIRE and ICE”, segna l’inizio di una nuova era di osservazioni scientifiche che potrebbero fornire dati cruciali per modellare le future politiche climatiche e le strategie di mitigazione.

PREFIRE

Il ruolo cruciale dei cubesat nella ricerca climatica

I cubesat, nonostante le loro dimensioni ridotte, sono strumenti potenti per la ricerca scientifica, e la loro capacità di essere lanciati a costi relativamente bassi e la loro agilità nel posizionamento orbitale li rendono ideali per missioni mirate come PREFIRE. Questi piccoli satelliti sono dotati di spettrometri termici a infrarossi che possono misurare con precisione la radiazione nel lontano infrarosso, una banda di lunghezze d’onda che è stata relativamente poco esplorata fino ad ora ma che è fondamentale per comprendere il bilancio energetico del nostro pianeta.

Addentrandoci nel mondo onde a infrarossi, le lunghezze d’onda superiori a 15 micron sono particolarmente importanti perché rappresentano una porzione significativa del calore che viene emesso dalle regioni polari nello spazio, e a tal proposito questa radiazione è un componente critico del sistema climatico terrestre, influenzando la temperatura globale e i modelli meteorologici.

Con la capacità di misurare queste lunghezze d’onda, PREFIRE potrà fornire nuove intuizioni su come le nuvole, l’umidità e le variazioni della superficie terrestre contribuiscono al raffreddamento del pianeta.



PREFIRE per aiutare il nostro pianeta

L’Artico è una regione che si sta riscaldando a un ritmo allarmante, con conseguenze che vanno ben oltre i suoi confini; il riscaldamento dell’Artico porta a cambiamenti nei modelli di circolazione atmosferica e oceanica, influenzando il clima a livello mondiale.

Questa missione della NASA mira a fornire dati che potranno essere utilizzati per migliorare i modelli climatici e prevedere con maggiore precisione l’innalzamento del livello del mare e gli impatti del cambiamento climatico sulle condizioni meteorologiche globali.

PREFIRE

La NASA ha una lunga storia di lancio di missioni sia grandi che piccole, ognuna con il proprio ruolo specifico nella comprensione del nostro pianeta, e mentre missioni come SWOT forniscono dati su larga scala, i cubesat come in questa occasione possono concentrarsi su aspetti più specifici del sistema climatico. Questa combinazione di “generalisti” e “specialisti” è essenziale per ottenere una comprensione completa della Terra come sistema interconnesso.

Gli spettrometri a infrarossi a bordo dei cubesat PREFIRE sono esempi di come la tecnologia avanzata può essere miniaturizzata e resa accessibile per la ricerca scientifica, con questi strumenti che sono simili a quelli utilizzati in missioni precedenti, come il Mars Climate Sounder e il Diviner Lunar Radiometer Experiment, dimostrando che la tecnologia validata in altre missioni spaziali può essere adattata per studiare il nostro pianeta.

Utilizzando due cubesat in missioni separate ma coordinate, PREFIRE può ottenere una visione dettagliata dei processi termici che si verificano nelle regioni polari, e questo approccio permette di effettuare misurazioni in momenti diversi e di confrontare i dati per comprendere meglio come i cambiamenti nell’Artico influenzino il bilancio energetico globale.

La politica della NASA di rendere i dati scientifici aperti e liberamente disponibili è fondamentale per promuovere la collaborazione e l’innovazione nella ricerca climatica, tra l’altro con l’accesso ai dati PREFIRE, scienziati e ricercatori di tutto il mondo potranno contribuire a migliorare la nostra comprensione del clima e a sviluppare soluzioni per affrontare le sfide climatiche future.

PREFIRE

In conclusione, la missione PREFIRE è un esempio eccellente di come la tecnologia spaziale possa essere utilizzata per affrontare alcune delle domande più pressanti sulla salute del nostro pianeta, e con il suo lancio imminente, ci avviciniamo a una comprensione più profonda dei meccanismi che guidano il clima terrestre e, in definitiva, a una migliore capacità di proteggere e preservare il nostro ambiente per le generazioni future.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2