Polo Nord, osservato un ‘uragano spaziale’

L'uragano spaziale è stato rilevato nell'atmosfera superiore della Terra e ha provocato una pioggia di elettroni sul Polo Nord durata quasi otto ore

0
1138

Un uragano spaziale è stato osservato sopra il Polo Nord. Esso ha scatenato una pioggia di elettroni (invece di acqua) sull’Artide per quasi otto ore. Il fenomeno è stato rivelato nell’atmosfera superiore della Terra. Si trattava di una massa vorticosa di plasma larga mille km.

Dopo tale osservazione, gli scienziati hanno confermato l’esistenza di questo tipo di “uragani”. Ha girato in senso antiorario ed è durato quasi otto ore prima di rompersi. Si prevede che questi eventi porteranno a importanti effetti meteorologici spaziali e interruzioni dei sistemi GPS, cosa confermata dagli stessi scienziati.

Uragano spaziale: ce ne sono stati altri?

L’uragano osservato, che si è verificato durante un periodo di bassa attività geomagnetica nel 2014, potrebbe essere uno dei tanti accaduti all’interno del nostro Sistema Solare e oltre.

Un team di scienziati, guidato dall’Università di Shandong in Cina, ha analizzato le osservazioni effettuate dai satelliti nell’agosto 2014 e ha creato un’immagine 3D dell’uragano nella ionosfera terrestre. I risultati, che sono stati pubblicati su Nature Communications, hanno confermato l’esistenza di uragani spaziali , che non erano stati rilevati prima. Hanno anche riprodotto le caratteristiche principali dell’evento e spiegato la sua formazione.

Le dichiarazioni di Mike Lockwood

Il professor Mike Lockwood, cosmologo presso l’Università di Reading, ha detto che questi uragani potrebbero essere un fenomeno comune su pianeti e lune con campi magnetici e plasma.



“Fino a ora, non era certo che esistessero uragani spaziali di plasma”, ha detto Lockwood. “Quindi provarlo con un’osservazione così sorprendente è incredibile” e poi ancora: “Le tempeste tropicali sono associate a enormi quantità di energia e questi uragani spaziali devono essere creati da un trasferimento insolitamente ampio e rapido di energia eolica solare e particelle cariche nell’atmosfera superiore della Terra”.

Un probabile fenomeno diffuso

Mike Lockwood ha precisato: “Plasma e campi magnetici nell’atmosfera dei pianeti esistono in tutto l’Universo, quindi i risultati suggeriscono che gli uragani spaziali dovrebbero essere un fenomeno diffuso”. È stato scoperto che l’uragano spaziale condivide molte caratteristiche con gli uragani nella bassa atmosfera terrestre, tra cui un centro tranquillo, più bracci a spirale e una circolazione diffusa.

Gli scienziati hanno affermato che gli uragani aprono un rapido canale di trasferimento di energia dallo spazio alla ionosfera e alla termosfera e si prevede che porteranno a importanti effetti meteorologici spaziali come l’aumento della resistenza dei satelliti, disturbi nelle comunicazioni radio ad alta frequenza e maggiori errori oltre l’orizzonte localizzazione radar, navigazione satellitare e sistemi di comunicazione.

Il team ha affermato che il processo potrebbe anche essere importante per l’interazione tra i venti interstellari e altri sistemi solari in tutto l’Universo. È stato notato come questo fenomeno abbia preso vita durante un periodo di bassa attività geomagnetica.

2