Phobos potrebbe essere distrutta dalla forza di gravità di Marte

Un nuovo studio ha rivelato che gli strani solchi paralleli sulla superficie della più grande luna di Marte, Phobos, potrebbero essere un segno che la gravità del Pianeta Rosso sta facendo a pezzi il satellite

0
2762
Phobos potrebbe essere distrutta dalla forza di gravità di Marte
Phobos potrebbe essere distrutta dalla forza di gravità di Marte

Un nuovo studio ha rivelato che gli strani solchi paralleli sulla superficie della più grande luna di Marte, Phobos, potrebbero essere un segno che la gravità del Pianeta Rosso sta facendo a pezzi il satellite.

Phobos: la più grande luna di Marte

La più grande luna di Marte, Phobos, mostra segni di lacerazione che potrebbero essere la conseguenza delle estreme forze gravitazionali esercitate su di essa dal Pianeta Rosso. I ricercatori hanno rivelato che gli insoliti solchi che ricoprono la superficie di Phobos, che in precedenza si pensava fossero cicatrici dovute all’impatto di un antico asteroide, sono in realtà canyon pieni di polvere che si allargano man mano che la luna viene allungata dalle forze gravitazionali.

Phobos ha un diametro di circa 17 miglia (27 chilometri) e orbita attorno a Marte a una distanza di 3.728 miglia (6.000 km), completando una rotazione completa attorno al Pianeta Rosso tre volte al giorno, secondo la NASA. Per fare un confronto, la luna terrestre è larga circa 2.159 miglia (3.475 km), a 238.855 miglia (384.400 km) dal nostro pianeta e impiega circa 27 giorni per completare un’orbita.

Tuttavia, a differenza della luna, l’orbita di Phobos attorno a Marte non è stabile: il satellite è intrappolato in una spirale mortale e sta lentamente cadendo verso la superficie marziana a una velocità di 6 piedi (1,8 metri) ogni 100 anni, secondo la NASA.

Ma la caratteristica più insolita di Phobos è senza dubbio la sua misteriosa superficie a strisce: scanalature parallele, o striature superficiali, coprono la luna. La teoria più ampiamente accettata suggerisce che le striature si siano formate quando un asteroide si è schiantato contro Phobos in passato, lasciando dietro di sé un cratere largo 6 miglia (9,7 km), noto come Stickney, nel fianco della luna.

Ma un nuovo studio suggerisce che i solchi potrebbero effettivamente essere il risultato della lenta lacerazione della luna dall’intensa gravità di Marte, mentre il satellite si avvicina sempre di più alla superficie del pianeta.



L’idea alla base del nuovo studio è che quando un corpo, in questo caso Phobos, si avvicina a un corpo più grande, come Marte, il più piccolo inizierà ad allungarsi verso il corpo più grande. Questo processo è noto come forza di marea.

Nel caso di Phobos, si prevede che la forza di marea esercitata sulla luna aumenti man mano che si avvicina alla superficie marziana, finché alla fine la forza di marea diventerà maggiore della gravità che tiene insieme il satellite. A quel punto, Phobos sarà completamente fatta a pezzi e i detriti formeranno probabilmente un minuscolo anello attorno al pianeta, come gli anelli di Saturno.

Mentre la ricerca precedente suggeriva che le forze di marea producessero le strisce di tigre sul satellite di Marte, la teoria è stata in gran parte respinta a causa della composizione polverosa o “soffice” della luna, che la rende troppo morbida per la formazione di tali crepe.

Un'immagine dettagliata delle striature superficiali su Phobos.(Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/Università dell'Arizona)
Un’immagine dettagliata delle striature superficiali su Phobos.(Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona)

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato simulazioni al computer per testare l’idea che la superficie soffice della luna di Marte, possa poggiare su un sottostrato in qualche modo coeso. Un guscio duro sepolto potrebbe potenzialmente aver formato profondi canyon in cui la polvere superficiale potrebbe cadere, creando le scanalature visibili sulla superficie, secondo la simulazione effettuata.

“Modellando Phobos come un interno di cumuli di macerie ricoperto da uno strato coesivo, abbiamo scoperto che la deformazione della marea potrebbe aver creato fessure parallele con spaziatura regolare”, hanno scritto i ricercatori nel documento.

Al suo ritmo attuale, Phobos completerà la sua spirale mortale e colpirà Marte in circa 40 milioni di anni. Ma se le forze di marea stanno già facendo a pezzi la luna, allora il satellite potrebbe essere completamente distrutto molto prima di allora, hanno scritto i ricercatori.

Nel 2024, l’Agenzia spaziale giapponese, JAXA, lancerà una nuova missione, nota come Martian Moons eXploration (MMX), per far atterrare un veicolo spaziale sia su Phobos che su Deimos. I campioni verranno restituiti nel 2029 e dovrebbero rivelare cosa sta succedendo sulla superficie di Phobos.

Fonte: The planetary science journal

2