Perché non ci sono conigli grandi come cavalli?

Potrebbe sembrare una domanda impertinente, ma arriva a una parte importante della scienza evolutiva: cos'è che fa sì che alcune tassonomie animali abbiano una variazione di dimensioni così ampia, mentre con altre è molto piccola?

505

Se ti sei mai chiesto perché i conigli e le lepri non si siano mai evoluti fino a raggiungere le dimensioni dei cavalli, gli scienziati hanno ora la risposta.

Potrebbe sembrare una domanda impertinente, ma arriva a una parte importante della scienza evolutiva: cos’è che fa sì che alcune tassonomie animali abbiano una variazione di dimensioni così ampia, mentre con altre è molto piccola?

Ad esempio, i lagomorfi – che includono conigli e lepri – non variano molto in termini di dimensioni, mentre i roditori possono andare dal minuscolo topo pigmeo ai grossi capibara.

I più grandi lagomorfi selvatici viventi pesano in media solo circa 5 kg, un decimo del più grande roditore vivente, il capibara“, afferma il paleontologo Susumu Tomiya, dell’Università di Kyoto, in Giappone.

Ma alcune razze di conigli domestici e altre specie estinte possono pesare fino a 8 kg. Siamo rimasti sorpresi da questo e così abbiamo iniziato a indagare su quale tipo di forze esterne impediscono ai lagomorfi selvatici di tutto il mondo di evolversi di dimensioni corporee più grandi“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I ricercatori hanno analizzato le dimensioni dei lagomorfi passati e presenti, esaminando la documentazione fossile e la storia evolutiva dei mammiferi, prima di rivolgere la loro attenzione ad altri fattori ecologici. È risultato che la presenza di ungulati può essere collegata alla dimensione dei lagomorfi.

Seguendo l’esempio, il team ha esaminato il consumo di energia in diverse dimensioni di lagomorfi e ungulati. Hanno scoperto che una volta che i lagomorfi raggiungono circa 6 chilogrammi di massa, sono hanno uno svantaggio competitivo con gli ungulati.

Un ritorno alla documentazione fossile del Nord America ha confermato l’idea che il più piccolo ungulato contemporaneo in un’area fosse un fattore importante nel determinare il lagomorfo più grande: qualsiasi cosa più grande aveva minori possibilità di sopravvivenza con i concorrenti più grandi e più efficienti dal punto di vista energetico in giro.

Vediamo questo modello in numerose eco-regioni, suggerendo che esiste un limite evolutivo posto sui lagomorfi dai loro concorrenti ungulati“, dice Tomiya.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I ricercatori sottolineano che ci sono altri fattori che entrano in gioco una volta che i lagomorfi diventano troppo grandi per funzionare a capacità ottimale: la concorrenza di altri animali dallo stesso clade e l’aumento del pericolo da parte dei predatori.

Tuttavia, è il confronto con gli ungulati che sembra aver avuto il maggior effetto in questo caso. La ricerca alimenta due idee contrastanti su come si evolvono le specie: l’ipotesi della “regina rossa”, che attribuisce la massima importanza alla competizione tra le specie, e l’ipotesi del “giullare di corte”, che afferma che le forze abiotiche come i cambiamenti climatici hanno il maggiore impatto.

Secondo la ricerca, sembra che il modello della regina rossa sia quello più significativo, sullo sfondo di forze abiotiche che non hanno nulla a che fare con la competizione animale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un dibattito in corso nella biologia evolutiva riguarda la domande se siano più importanti i processi biologici o quelli ambientali nel plasmare la diversità biologica“, afferma Tomiya.

Per qualche tempo, il modello del giullare di corte – che attribuisce la diversità a forze abiotiche come il clima – è stato dominante, a causa della difficoltà di studiare le interazioni biologiche nella documentazione fossile“.

Questi risultati servono a ricordare che non possiamo ignorare gli effetti della competizione tra specie poiché sembra essere la ragione principale per cui non abbiamo conigli e lepri delle dimensioni di un cavallo. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La ricerca è stata pubblicata su Evolution.