11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeAlieni & UFOCome il Pentagono ha iniziato a prendere sul serio gli UFO (parte...

Come il Pentagono ha iniziato a prendere sul serio gli UFO (parte prima)

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il 9 maggio 2001, Steven M. Greer ha preso il leggio al National Press Club, a Washington, DC, alla ricerca della verità sugli oggetti volanti non identificati. Greer, un medico di pronto soccorso in Virginia e un ufologo convinto, credeva che il governo avesse a lungo negato al popolo americano di avere familiarità con le visite aliene. 

Per questo, aveva fondato il Disclosure Project nel 1993, nel tentativo di penetrare nei santuari della cospirazione. La resa dei conti di Greer quel giorno prevedeva una ventina di oratori. Durante il suo intervento, Greer fornì, a sostegno delle sue affermazioni, un dossier di quattrocentonovantadue pagine chiamato “Documento informativo sul progetto di divulgazione“. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per i funzionari pubblici troppo occupati per assorbire una tale mole di conoscenza soppressa, Greer aveva preparato un “Riepilogo esecutivo del documento informativo del progetto di divulgazione” di novantacinque pagine.

Per diversi decenni, secondo Greer, un numero incalcolabile di astronavi aliene era stato osservato nello spazio aereo del nostro pianeta; erano in grado di raggiungere velocità estreme senza mezzi visibili di portanza o propulsione, e di eseguire manovre sbalorditive con forze g che avrebbero trasformato un pilota umano in zuppa. 

Alcune di queste astronavi extraterrestri erano state “abbattute, recuperate e studiate almeno dagli anni Quaranta e forse già dagli anni Trenta“. Gli sforzi per decodificare tali macchine straordinarie avevano portato a “scoperte tecnologiche significative nella generazione di energia“. Queste operazioni erano state per lo più classificate come “top secret cosmico“, un livello di autorizzazione “trentotto livelli” superiore a quello normalmente concesso al Comandante in Capo. 

Perché, chiese Greer, tali tecnologie erano state nascoste per così tanto tempo?

L’idea che gli alieni frequentassero il nostro pianeta circolava tra gli ufologi sin dagli anni del dopoguerra, quando un emigrato polacco, George Adamski, affermò di essersi incontrato con una razza di venusiani gentili dall’aspetto nordico che erano disturbati dagli effetti domestici e interplanetari dei test sulle bombe nucleari. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nell’estate del 1947, si dice che un’astronave aliena si sia schiantata vicino a Roswell, nel New Mexico. I teorici della cospirazione credevano che corpi vagamente antropomorfi fossero stati recuperati sul luogo dello schianto e che i detriti dell’incidente fossero stati affidati ad appaltatori militari privati (documenti portati alla luce dopo la caduta dell’Unione Sovietica suggeriscono che l’ansia per una corsa agli armamenti sovralimentata dalla tecnologia aliena fosse reciproca).

Tutto questo, sostenevano gli ufologi, era stato coperto da Majestic 12, un’organizzazione clandestina e para-governativa convocata su ordine esecutivo dal presidente Truman

Secondo ipotesi legate all’idea del Majestic 12, il presidente Kennedy fu assassinato perché aveva in programma di allearsi con il premier Krusciov; Kennedy si sarebbe confidato con Marilyn Monroe, suggellando così il suo destino. Il rappresentante Steven Schiff, del New Mexico, ha trascorso anni cercando di andare a fondo dell’incidente di Roswell, solo per morire di “cancro“.

Il “Riepilogo esecutivo” di Greer era confuso, ma i lettori più esigenti potevano trovare al suo interno le risposte a molte delle domande più frequenti sugli UFO. Supponendo, come ha fatto Greer, che gli UFO siano guidati da extraterrestri, perché sono così sfuggenti? Perché gli alieni ci stanno monitorando. Perché? Perché sono scoraggiati dalla nostra aspirazione a “utilizzare armi nello spazio“. 

Gli abbiamo sparato? Sì. Dovremmo sparargli contro? No davvero? Sì. Perchè no? Sono amichevoli. Come lo sappiamo? 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ovviamente, qualsiasi civiltà capace di viaggi interstellari di routine potrebbe porre fine alla nostra civiltà in un nanosecondo, se questo fosse il loro intento. Il fatto che stiamo ancora respirando l’aria libera della Terra è un’abbondante testimonianza della natura non ostile di queste civiltà ET” (una domanda ovvia sembra non essere posta a Greer: perché, se questi veicoli spaziali sono così avanzati, si schiantano in continuazione?).

Tra gli altri oratori c’era Clifford Stone, un sergente dell’esercito in pensione, che pretendeva di aver visitato i siti degli schianti e di aver visto alieni, sia vivi che morti. Stone ha detto di aver catalogato cinquantasette specie, molte delle quali umanoidi. “Ce ne sono alcuni che assomigliano molto a te ed a me, che potrebbero camminare tra noi e non noteresti nemmeno la differenza“, disse.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Leslie Kean, un giornalista investigativo indipendente e ricercatore UFO alle prime armi che aveva lavorato con Greer, ha guardato il procedimento con disagio. 

Per Kean, il corpus di rapporti veramente sconcertanti meritava un esame scientifico, indipendentemente da come ti sentivi riguardo agli alieni. “C’erano delle brave persone a quella conferenza, ma alcune di loro stavano facendo affermazioni oltraggiose e grandiose“, ha detto Kean. “Allora ho capito che dovevo andarmene“. Greer aveva sperato che i membri dei media coprissero l’evento, e lo fecero, con scherzosa derisione. Sperava anche che il Congresso tenesse udienze. A detta di tutti, non è stato così.

Gli ufologi hanno una fede perpetua nell’imminenza della Divulgazione, un termine d’arte per l’entusiasta confessione del governo della sua profonda conoscenza degli UFO. Negli anni successivi alla conferenza stampa, l’atteso annuncio fu apparentemente posticipato dagli eventi dell’11 settembre, dalla guerra al terrorismo e dalla crisi finanziaria. 

Nel 2009, Greer ha emesso un “Briefing presidenziale speciale per il presidente Barack Obama“, in cui affermava che l’inazione dei predecessori di Obama aveva “portato a una crisi non riconosciuta che sarà la più grande della sua Presidenza“. La risposta di Obama rimane sconosciuta, ma nel 2011 gli ufologi presentarono due petizioni alla Casa Bianca, alla quale l’Ufficio per la Scienza e la Tecnologia rispose che non poteva trovare prove che suggerissero qualsiasi “presenza extraterrestre in contatto o coinvolti con qualsiasi membro della razza umana

Il governo potrebbe non essere stato in contatto regolare con civiltà esotiche, ma aveva nascosto qualcosa ai suoi cittadini. Nel 2017, Kean era l’autore di un best-seller sugli UFO ed era noto per quello che ha definito, prendendo in prestito dal politologo Alexander Wendt, un approccio “militantemente agnostico” al fenomeno. 

Il 16 dicembre dello stesso anno, in un articolo in prima pagina sul Times, Kean, insieme a due giornalisti, rivelarono che il Pentagono ha gestito un programma UFO surrettizio per dieci anni. L’articolo includeva due video, registrati dalla Marina, di quelli che venivano descritti nei canali ufficiali come “fenomeni aerei non identificati“, o UAP.

Nei blog e nei podcast, gli ufologi iniziarono a fare riferimento a “dicembre 2017” come abbreviazione per il momento in cui il tabù cominciò a sollevarsi. Joe Rogan, un popolare conduttore di podcast, ha spesso menzionato l’articolo, lodando il lavoro di Kean per aver accelerato un cambiamento culturale. “È un argomento pericoloso per qualcuno, perché sei esposto al ridicolo“, ha detto, in un episodio di questa primavera. Ma ora “potresti dire:” Ascolta, questo non è più qualcosa da prendere in giro, c’è qualcosa in questo“.

Da allora, i funzionari di alto livello hanno ammesso pubblicamente il loro sconcerto su UAP senza vergogna o scuse. Lo scorso luglio, il senatore Marco Rubio, l’ex presidente ad interim del Comitato ristretto sull’intelligence, ha parlato a CBS News di misteriosi oggetti volanti in uno spazio aereo ristretto. “Non sappiamo cosa siano”, ha detto, “e non sono nostro“. 

A dicembre, in una videointervista con l’economista Tyler Cowen, l’ex direttore della CIA John Brennan ha ammesso, un po’ tortuosamente, di non sapere bene cosa pensare: “Alcuni dei fenomeni che vediamo continuano ad essere inspiegabili e potrebbe, in effetti, trattarsi di un tipo di fenomeno che è il risultato di qualcosa che non comprendiamo ancora e che potrebbe coinvolgere un tipo di attività che alcuni potrebbero dire costituiscono una forma di vita diversa“.

La scorsa estate, David Norquist, Vice Segretario alla Difesa, ha annunciato formalmente l’esistenza della Unidentified Aerial Phenomena Task Force. L’Intelligence Authorization Act del 2021, firmato lo scorso dicembre, stabiliva che il governo avesse centottanta giorni per raccogliere e analizzare i dati di diverse agenzie. Il rapporto è previsto per giugno. 

In una recente intervista con Fox News, John Ratcliffe, l’ex direttore della National Intelligence, ha sottolineato che la questione non è più da prendere alla leggera. “Quando parliamo di avvistamenti“, ha detto, “stiamo parlando di oggetti che sono stati visti da piloti della Marina o dell’Aeronautica Militare, o che sono stati raccolti da immagini satellitari, che francamente si impegnano in azioni difficili da spiegare, movimenti che sono difficili da replicare, per cui non abbiamo la tecnologia“.

Leslie Kean è una donna padrona di sé con un comportamento ragionevole e un alone di capelli ricci e brizzolati. Vive da sola in un luminoso appartamento d’angolo vicino all’estremo nord di Manhattan, dove, sul muro dietro la sua scrivania, c’è un’immagine in bianco e nero incorniciata che sembra l’ecografia di un frisbee. La fotografia le è stata consegnata, insieme alla documentazione della catena di custodia, da contatti del governo costaricano; secondo lei, è la più bella immagine di un UFO mai resa pubblica. 

Kean è educata nei confronti del “popolo UFO“, sebbene si distingua dal mainstream ufologico. “Non è necessariamente che quello che diceva Greer fosse sbagliato, forse ci sono state visite di extraterrestri dal 1947“, ha detto. “È che devi essere strategico su ciò che dici per essere preso sul serio. Non metti fuori qualcuno che parla di corpi alieni, anche se potrebbe essere vero. Nessuno era pronto per questo; non sapevano nemmeno che gli UFO fossero reali“. 

Kean è certa che gli UFO siano reali. Tutto il resto – quello che sono, perché sono qui, perché non si posano mai sul prato della Casa Bianca – è una speculazione.

Kean si sente più a suo agio al confine tra il paranormale e lo scientifico; il suo ultimo progetto esamina la controversa borsa di studio sulla possibilità che la coscienza prosegua dopo la morte. Fino a poco tempo fa, temeva l’inevitabile momento della cena in cui gli altri ospiti le chiedevano del suo lavoro e lei avrebbe dovuto dire, “In realtà ci sono molte informazioni serie“.

Nel suo libro più venduto, “UFO: generali, piloti e funzionari governativi vanno nel registro“, Pubblicato nel 2010 da Random House, Kean ha scritto che “il governo degli Stati Uniti ignora abitualmente gli UFO e, quando viene premuto, fornisce false spiegazioni. La sua indifferenza e / o il licenziamento sono irresponsabili, irrispettosi per testimoni credibili, spesso esperti e potenzialmente pericolosi“. 

Il suo libro è un ampio promemoria su come non sia sempre stato così. Nei decenni successivi alla seconda guerra mondiale, circa la metà di tutti gli americani, compresi molti al potere, accettò gli UFO come una cosa ovvia. 

Kean ha frequentato la Spence School ed è andata al college a Bard. Ha un modesto reddito familiare e ha trascorso i suoi primi anni da adulta come “cercatrice spirituale“. Dopo aver contribuito a fondare un centro Zen nello stato di New York, ha lavorato come fotografa presso il Cornell Lab of Ornithology. 

Nel 1999, un amico giornalista le ha inviato un rapporto di novanta pagine di una dozzina di generali, scienziati ed esperti spaziali francesi in pensione, intitolato “Les OVNI et la Défense: À Quoi Doit-On Se Préparer?” – “UFO e difesa: Per cosa dobbiamo prepararci?” 

Gli autori, un gruppo noto come cometa, aveva analizzato numerosi rapporti sugli UFO, insieme a tracciati radar e a prove fotografiche. Gli oggetti osservati a distanza ravvicinata da piloti militari e commerciali sembrano sfidare le leggi della fisica; gli autori hanno notato la loro “velocità facilmente supersonica senza boom sonico” e “effetti elettromagnetici che interferiscono con il funzionamento della radio o degli apparati elettrici nelle vicinanze“. 

La stragrande maggioranza degli avvistamenti può essere ricondotta a origini meteorologiche o terrene, o non può essere studiata, a causa di prove irrisorie, ma una piccola percentuale sembra coinvolgere, come dice il rapporto, “macchine volanti completamente sconosciute con prestazioni eccezionali guidati da un’intelligenza naturale o artificiale“. Il gruppo cometa aveva risolto, attraverso il processo di eliminazione, che “l’ipotesi extraterrestre” è la spiegazione più logica.

Alcuni appassionati credono che gli UFO siano stati documentati sin dai tempi biblici; in “The Spaceships of Ezekiel”, pubblicato nel 1974, Josef F. Blumrich, un ingegnere della nasa, sostenne che la visione celeste delle ruote dentro le ruote del profeta era un incontro non con Dio ma con un’astronave aliena. 

In “La controversia sugli UFO in America” (1975), David Jacobs ha scritto di una serie di avvistamenti di “dirigibili” in tutto il paese nel 1896 e nel 1897. Le astronavi, nelle nostre descrizioni, hanno sempre mostrato capacità appena oltre il nostro orizzonte tecnologico, e con i nostri progressi in tempo di guerra sono cresciute in modo impressionante. 

È generalmente accettato che l’era moderna degli UFO sia iniziata il 24 giugno 1947, quando un aviatore privato di nome Kenneth Arnold, mentre volava su un CallAir A-2, vide una formazione libera di nove oggetti vicino al Monte Rainier. Avevano la forma di boomerang o di mante senza coda, e secondo lui si muovevano a una velocità da due a tre volte superiore a quella del suono. Ha descritto il loro movimento come quello di un “piattino che salta sull’acqua“. 

Il titolo di un giornale evocava i “dischi volanti”. Entro la fine dell’anno, erano stati segnalati almeno ottocentocinquanta avvistamenti simili, secondo un investigatore UFO indipendente. Il Times citò Gordon Atwater, un astronomo dell’Hayden Planetarium, che ha attribuito la raffica di rapporti a una combinazione di un “lieve caso di nervosismo meteorologico” e “suggestione di massa“.

All’interno dei circoli governativi, la questione di quanto seriamente prendere ciò che ribattezzarono “oggetti volanti non identificati” ha provocato un profondo conflitto. Nel settembre del 1947, i rapporti in arrivo sugli avvistamenti erano diventati troppo numerosi perché l’Air Force potesse ignorarli. Quel mese, in un comunicato riservato, il tenente generale Nathan F. Twining avvertì il comandante generale delle forze armate che “il fenomeno segnalato è qualcosa di reale e non di visionario o fittizio“. 

Il “Twining memo“, che da allora ha acquisito una statura ecclesiastica tra gli ufologi, esprimeva preoccupazioni che qualche rivale straniero – diciamo, l’Unione Sovietica – avesse compiuto un progresso tecnologico inimmaginabile, e avviò uno studio classificato, il Project Sign, per indagare. 

I suoi funzionari erano equamente divisi tra coloro che pensavano che i “dischi volanti” fossero di origine plausibilmente “interplanetaria” e coloro che attribuivano agli avvistamenti una dilagante errata percezione. 

Da un lato, secondo un promemoria, ben il venti per cento dei rapporti sugli UFO mancavano di spiegazioni ordinarie. D’altra parte, non c’erano prove dispositive – il relitto di un disco volante schiantato.

Ma cose inspiegabili continuavano a succedere. Nel 1948, circa un anno dopo l’avvistamento di Arnold, due piloti di un DC-3 della Eastern Airlines videro un oggetto luminoso a forma di sigaro volare verso di loro a una velocità tremenda prima di fare una virata incredibilmente brusca e svanire nel cielo limpido. 

Un pilota su un secondo aereo e alcuni testimoni a terra riferirono resoconti compatibili. Era la prima volta che un UFO veniva osservato a distanza ravvicinata: i due piloti hanno descritto di aver visto una fila di finestre mentre passava davanti. Gli investigatori del progetto Sign hanno presentato un memorandum top secret “Stima della situazione“, che sosteneva l’ipotesi extraterrestre. 

Nel luglio 1952, una tale notifica formale sembrò quasi avvenire, quando un’armata di UFO si dice che violò lo spazio aereo sopra la Casa Bianca. Il titolo del Times somigliava a un romanzo di Philip K. Dick: “oggetti volanti vicino a Washington avvistati da piloti e radar: l’air force rivela rapporti di qualcosa, forse ‘dischi volanti’, che viaggiano lentamente ma saltano su e giù“. 

L’Air Force, minimizzando l’incidente, dichiarò che non erano state prese misure difensive, anche se successivamente emerse che i militari avevano schierato i jet per intercettare gli intrusi. Il maggiore generale John Samford, direttore dell’intelligence dell’Air Force, ha tenuto la più grande conferenza stampa dalla fine della seconda guerra mondiale. Samford, che aveva l’aspetto grave di un uomo di legge in un film di John Ford, strizzò gli occhi mentre si riferiva a “una certa percentuale di questo volume di rapporti che sono stati fatti da osservatori credibili di cose relativamente incredibili“.

Il gennaio successivo, la CIA convocò segretamente un gruppo consultivo di esperti, guidato da Howard P. Robertson, un fisico matematico del Caltech. Il “pannello Robertson” stabilì che non eravamo stati visitati dagli UFO ma che eravamo inondati da troppi rapporti sugli UFO. 

Questo era un vero problema: se gli avvisi di autentiche incursioni sul territorio degli Stati Uniti potevano essere persi in un vortice di allucinazioni stravaganti, ci potevano essere gravi conseguenze per la sicurezza nazionale – per esempio, gli aerei spia sovietici potevano operare impunemente. La Guerra Fredda aveva reso cruciale la percezione il governo degli Stati Unitiavesse il pieno controllo del proprio spazio aereo.

Per arginare la marea di segnalazioni, la commissione raccomandò che “le agenzie di sicurezza nazionale prendano provvedimenti immediati per spogliare gli Oggetti Volanti Non Identificati dello status speciale che hanno ricevuto e dell’aura di mistero che hanno purtroppo acquisito”. Ha anche suggerito che i gruppi civili ufologici venissero infiltrati e monitorati, e ha arruolato i media nello sforzo di smascheramento. La campagna culminò in uno speciale televisivo del 1966, “UFO: Friend, Foe or Fantasy?“, In cui il conduttore della CBS Walter Cronkite consegnava pazientemente gli UFO all’oblio.

Non tutti i membri delle forze armate erano contenti di questa posizione. Il vice ammiraglio Roscoe Hillenkoetter, primo direttore della CIA, ha detto a un giornalista del Times: “Dietro le quinte, ufficiali di alto rango dell’Air Force sono seriamente preoccupati per gli UFO. Ma attraverso il segreto ufficiale e il ridicolo, molti cittadini sono portati a credere che gli oggetti volanti sconosciuti non abbiano senso“.

Il governo manteneva un archivio pubblico per i rapporti sugli UFO: Project Blue Book, una continuazione del Project Sign, che operava dalla Wright-Patterson Air Force Base, vicino a Dayton, Ohio. Blue Book era una divisione scarsamente finanziata gestita da una serie di ufficiali di basso rango che avrebbero preferito qualsiasi altro incarico. L’unica presenza continua del programma, e il suo unico scienziato interno, era un astronomo di nome J. Allen Hynek, uno scettico sugli UFO ed ex membro del gruppo Robertson. 

Inizialmente, Hynek assunse un approccio di “buon senso”; come scrisse in seguito, “Ho sentito che la mancanza di prove ‘concrete’ giustificava l’atteggiamento pratico del ‘non può essere’“. Il novantacinque per cento dei presunti UFO aveva davvero una derivazione fantasiosa: nuvole non comuni, palloni meteorologici, inversioni di temperatura atmosferica. Le sfere luminose erano attribuibili a Venere; triangoli silenziosi potrebbero essere collegati a tecnologia militare classificata (L’aereo spia U-2 e l’SR-71 Blackbird sono stati spesso segnalati come UFO, una confusione sostenuta dal controspionaggio, che era ansiosa di mantenere segreti questi progetti).

Ma il restante cinque per cento, nonostante i migliori sforzi del governo, non poteva essere risolto ordinatamente. Hynek, con sua sorpresa, ha sviluppato simpatia per le persone che hanno visto gli UFO; erano molto più propensi a essere cittadini rispettabili e imbarazzati rispetto ai pazzi, agli imbroglioni e agli “appassionati di UFO”.

Tuttavia, ci si aspettava che facesse il suo lavoro. A partire dal 14 marzo 1966, più di cento testimoni dentro e intorno a Dexter, nel Michigan, riferirono di aver visto luci incandescenti a bassa quota. Hynek trovò una comunità in uno stato di “quasi isteria”. In una conferenza stampa il 25 marzo, sotto pressione per scongiurare il panico, Hynek attribuì alcuni degli avvistamenti alla Luna e alle stelle e altre alla combustione spontanea della vegetazione in decomposizione, o “gas di palude“. 

La gente del Michigan lo prese come un affronto (“Swamp gas” divenne una metonimia ufologica comune per l’offuscamento paternalistico del governo). Gerald Ford, nativo di Grand Rapids e all’epoca leader della minoranza della Camera, chiese audizioni al Congresso, “nella ferma convinzione che il pubblico americano meriti un spiegazione migliore di quella finora fornita dall’Aeronautica Militare. In una testimonianza davanti al Comitato per i servizi armati della Camera, Hynek raccomandò che fosse istituito un ente indipendente per valutare i meriti del Progetto Blue Book e risolvere finalmente la questione della legittimità degli UFO”. In diciassette anni, Blue Book aveva esaminato circa dodicimila casi; settecentouno di loro sono rimasti inspiegabili.

Alla fine del 1966, Edward U. Condon, un fisico dell’Università del Colorado, ricevette trecentomila dollari per condurre uno studio del genere. Il progetto è stato afflitto da lotte intestine, specialmente dopo la scoperta di un promemoria scritto da un coordinatore che osservava che un approccio veramente disinteressato avrebbe dovuto tenere conto del fatto che gli UFO potrebbero esistere. 

Era fuori discussione: il loro comportamento non era commensurabile con la nostra comprensione delle leggi universali. Gli scienziati associati, ha proposto il coordinatore, dovrebbero sottolineare ai loro colleghi che erano principalmente interessati alle circostanze psicologiche e sociali dei credenti UFO. In altre parole, gli avvistamenti dovrebbero essere intesi come metafore, per l’ansia o l’ambivalenza della Guerra Fredda riguardo alla tecnologia.

Lo “Studio scientifico di oggetti volanti non identificati” di mille pagine, o Rapporto Condon, come divenne noto, fu completato alla fine dell’autunno del 1968. Dei novantuno casi del Libro blu selezionati per l’esame, trenta di loro rimasero misteri ufficiali. In un incidente “sconcertante e insolito” nel 1956, un oggetto straordinariamente veloce è stato registrato su più radar vicino a una base dell’aeronautica americana in Inghilterra. 

Uno dei ricercatori di Condon ha scritto che “il comportamento apparentemente razionale e intelligente dell’UFO suggerisce un dispositivo meccanico di origine sconosciuta come la spiegazione più probabile di questo avvistamento“. 

(Continua)

Articoli più letti