Il paradosso di Fermi potrebbe spiegare perché non abbiamo ancora trovato alieni

Per migliaia di anni abbiamo rivolto il nostro sguardo verso le stelle ponendoci la stessa domanda che pone il paradosso di Fermi, domandanci cosa ci sia lassù

0
39687
Il paradosso di Fermi potrebbe spiegare perché non abbiamo ancora trovato alieni, tecnologia aliena

Per migliaia di anni abbiamo rivolto il nostro sguardo verso le stelle ponendoci la stessa domanda che pone il paradosso di Fermi, domandanci cosa ci sia lassù. Poi i nostri telescopi hanno scansionato i cieli in cerca di vita e, in alcuni casi, qualcuno pensò di averla scoperta.

Nel 1877 l’astronomo Giovanni Schiaparelli vide una serie di profondi solchi scavati nella superficie marziana. Al grande pubblico arrivarono con il nome di “canali”, la sua scoperta era stata stata tradotta male, portando le persone a credere che una popolazione di marziani avessero costruito una serie di canali sul Pianeta Rosso.

Oggi sappiamo che esistono molti miliardi di galassie nell’universo. Sappiamo che almeno nella nostra galassia la vita esiste davvero perché siamo noi a rappresentarla. In questo enorme universo, visti i numeri, è lecito ritenere che la possibilità che esista una qualche forma di vita su qualche esopianeta che orbita intorno ad una stella lontana è piuttosto altaAllora perché non li riusciamo a trovare? O, al contrario, perché loro non ci hanno trovato? È qui che entriamo nel paradosso di Fermi.

Il grande fisico Enrico Fermi, che inventò il reattore atomico e scatenò la prima reazione nucleare a catena controllata, vinse il Premio Nobel per la Fisica nel 1938. Appena 12 anni dopo, pose la famosa domanda mentre pranzava con i colleghi al laboratorio di Los Alamos: “Dove sono tutti?“.

La nostra galassia è composta da 400.000.000.000 di stelle. Il paradosso di Fermi parte dal presupposto che il numero di possibili luoghi in cui potrebbero esistere civiltà extraterrestri – un numero apparentemente infinito di hotspot cosmici – è abbastanza alto da poterne rilevare almeno uno.



Rispondere al paradosso di fermi: qualcuno ci sente?

la Cina inizia ad assemblare il telescopio più grande del mondo
Il telescopio sferico a singola apertura (“FAST”) della Cina ha iniziato a scansionare i cieli nel 2020. Per decenni, gli scienziati hanno utilizzato la radioastronomia per cercare segni di civiltà lontane.
Il SETI Institute di Mountain View, in California, ad esempio, ha fatto del trovare una risposta alla domanda posta dal paradosso di Fermi la propria ragione di vita. Questa organizzazione no-profit ha sondato l’universo cercando segnali di chiamata inviati da vita intelligente da quando è stata fondata nel 1984 da Jill Tarter e Thomas Pierson (SETI sta per Ricerca dell’Intelligenza Extraterrestre).

Ricercatori come quelli del SETI Institute hanno utilizzato radiotelescopi come quello dell’Osservatorio di Arecibo a Porto Rico che è crollato nel 2020, o quelli del National Radio Astronomy Observatory a Green Bank, West Virginia, per rintracciare i segnali. E la caccia è iniziata.

Nel 2020, il nuovo telescopio radio sferico ad apertura di cinquecento metri (FAST) cinese ha iniziato a frugare nel cosmo alla ricerca di segni di vita extraterrestre. Anche la NASA ha recentemente finanziato un progetto dedicato alla ricerca della risposta al paradosso di Fermi, concependo un progetto particolarmente audace che si propone di costruire una parabola di radiotelescopio in un cratere sul lato opposto della luna. Questa gigantesca impresa lunare, dicono i sostenitori, potrebbe sondare più lontano nell’universo rispetto a quelli sulla Terra.

Ma non è solo la radioastronomia a lavorare alla ricerca della vita. Ci sono stati anche sforzi per portare fisicamente il messaggio là fuori. Entrambe le navicelle Voyager hanno lasciato il sistema solare e trasportano un disco d’oro lucido con incise molte informazioni sull’umanità. E Breakthrough Initiatives ha finanziato Breakthrough Message, una competizione per sviluppare modi per trasmettere la nostra esistenza nell’universo.

L’equazione di Drake

questa illustrazione mostra hd 189733b, un enorme gigante gassoso che orbita molto vicino alla sua stella ospite hd 189733 l'atmosfera del pianeta sta bruciando con una temperatura di oltre 1000 gradi centigradi, e piove vetro, lateralmente, in ululanti 7000 chilometri all'ora venti a un a una distanza di 63 anni luce da noi, questo turbolento mondo alieno è uno degli esopianeti più vicini alla Terra che può essere visto attraversare la faccia della sua stella osservando questo pianeta prima, durante e dopo che è scomparso dietro la sua stella ospite durante l'orbita, gli astronomi sono stati in grado di dedurre che hd 189733b è un blu azzurro intenso, che ricorda il colore della terra visto dallo spazio
questa illustrazione mostra hd 189733b, un enorme gigante gassoso che orbita molto vicino alla sua stella ospite hd 189733. – NASA, ESA, M. KORNMESSER
L’innovativo esperimento SETI del radioastronomo Frank Drake, Project Ozma, che si è svolto da aprile a luglio 1960, ha segnato il primo vero tentativo di rilevare le trasmissioni radio dalla vita extraterrestre e dare una risposta al paradosso di Fermi. Nel 1961 Drake sviluppò l’equazione poi diventata famosa con il nome di equazione di Drake per spiegare la probabilità che la vita possa esistere altrove nella nostra galassia. Quest’equazione, da allora, è indissolubilmente intrecciata con il paradosso di Fermi.

N = R  f p n e f l f io f c L

Nell’equazione precedente,  è il tasso di formazione stellare all’anno, p è la frazione di stelle con pianeti, e è il numero di pianeti abitabili per sistema planetario, f l è la frazione di questi pianeti con vita, i è la frazione di vita che sviluppa l’intelligenza, c è la frazione di civiltà intelligenti che possiamo vedere o contattare e L è la longevità media delle civiltà rilevabili in anni.

È molto da digerire. Sappiamo che solo nella nostra galassia ci sono oltre 400 miliardi di stelle, 20 miliardi delle quali sono simili al sole. Un quinto di queste stelle simili al sole, secondo recenti stime, potrebbe avere pianeti che si trovano all’interno della zona abitabile, dove esistono condizioni che consentono la vita.

Ma queste variabili cambiano continuamente. Una ricerca pubblicata nel 2020 sulla rivista Nature Astronomy ha scoperto, ad esempio, che alcuni tipi di batteri qui sulla Terra potrebbero effettivamente sopravvivere su un pianeta con un’atmosfera dominata dall’idrogeno, ampliando così la nostra definizione di “abitabile”. Tuttavia, se solo lo 0,1 per cento dei pianeti abitabili nella nostra galassia ospitasse vita aliena, avremmo ancora un milione di pianeti dove dovrebbe esistere la vita.

Ora, diciamo che la vita è più di un paio di microbi che nuotano in giro in una zuppa tossica. Come potrebbe essere una civiltà complessa? Secondo la scala Kardashev, sviluppata nel 1964 dall’astronomo sovietico Nikolai Kardashev, ci sono tre diversi tipi di potenziali civiltà con cui potremmo entrare in contatto.

Le civiltà di tipo I dominano tutta l’energia sul loro pianeta. Qui sulla Terra, siamo abbastanza vicini al raggiungimento dello stato di Tipo I. Le civiltà di tipo II sono capaci di sfruttare l’energia prodotta dalla loro stella natale (Sfera di Dyson) E le civiltà di tipo III controllano tutta l’energia che viene prodotta all’interno della loro galassia.

Dato ciò che sappiamo finora sulla Via Lattea, potrebbero esserci tra 1.000 e 100.000.000 di civiltà da qualche parte, probabilmente negli angoli lontani della nostra galassia che hanno la capacità di inviare segnali radio.

Va bene… ma dove sono?

la nebulosa a bolle, scattata dal telescopio spaziale Hubble
NASA, ESA E HUBBLE HERITAGE TEAM (STSCI/AURA), F. SUMMERS, G. BACON, Z. LEVAY E L. FRATTARE (VIZ 3D TEAM, STSCI)

Da quando Fermi ha proposto l’idea nel 1950, i ricercatori hanno trascorso decenni proponendo soluzioni al paradosso di Fermi, sperando di poter trovare la risposta migliore sul motivo per cui gli alieni non ci hanno ancora contattato.

Gli scienziati hanno avanzato una serie di bizzarre ipotesi sul nostro stato nell’universo. Alcuni, come l’astronomo Frank Tipler o l’astrofisico Michael Hart, hanno suggerito che la soluzione al paradosso di Fermi potrebbe essere che civiltà complesse semplicemente non esistono.

Altri credono che esistano civiltà extraterrestri avanzate tecnologicamente, ma incolpano la logistica per la loro mancanza di comunicazione. Forse sono semplicemente troppo lontane o, come noi, non hanno ancora la tecnologia per viaggiare o comunicare a grandi distanze. Gli astronomi Carl Sagan e William Newman hanno suggerito proprio questo in un importante articolo del 1981. Potrebbe essere troppo costoso viaggiare attraverso l’universo? O forse i loro metodi di comunicazione sono troppo complessi per essere compresi dalla nostra giovane e promitiva tecnologia.

Un’ipotesi, l’ipotesi dello zoo, suggerisce che i nostri compagni cosmici ci stiano osservando da lontano come animali in gabbia. Un’altra ipotesi suggerisce che forse siamo intrappolati in una sorta di simulazione creata da questi esseri ultra potenti.

Un’ipotesi bizzarra del 2018 avanzata da Alexander Berezin e soprannominata la soluzione  First In, Last Out suggerisce che forse “la prima forma di vita che raggiunge la capacità di viaggio interstellare sradica necessariamente tutta la concorrenza per alimentare la propria espansione“.

Berezin sostiene nel suo articolo, che è stato pubblicato sul sito di prestampa arXiv.org (il che significa che non è stato sottoposto a revisione paritaria), che questi esseri probabilmente non noteranno le conseguenze delle loro azioni “nello stesso modo in cui una squadra di costruzioni demolisce inconsapevolmente un formicaio per costruire immobili”.

Altri hanno suggerito qualcosa di ancora più sconcertante: che forse sono stati qui tutto il tempo e proprio non ce ne siamo accorti. La chiamano ipotesi “Men in Black“. Forse hanno imparato un modo per attingere alla nostra coscienza, come affermato dall’ipotesi della trascendenza.

E poi c’è la Teoria del Grande Filtro, che suggerisce che la vita deve superare una serie di “filtri” per evolversi. Forse siamo stati fortunati e abbiamo superato la maggior parte di questi filtri mentre altre civiltà no? O forse il filtro finale è ancora davanti a noi.

Insomma, un giorno potremmo scoprire, probabilmente con angoscia, che la risposta al paradosso di Fermi è che nell’universo, a parte noi, non c’è nessuno.

2