Paradosso di Fermi: la soluzione del racconto di Asimov “Notturno”

Il Paradosso di fermi, la famosa domanda del grande fisico italiano “dove sono tutti?”, da decenni si presta a decine di ipotesi che possano costituire una risposta plausibile. Tra le varie ipotesi fatte, questa derivata dal racconto notturno, scritto da Isaac Asimov viene da alcuni ritenuta plausibile, in realtà non è proprio così.

Andiamo ad esaminarla.

Isaac Asimov (1920-1992) è stato uno dei più importanti e prolifici autori di fantascienza, oltre che biochimico e divulgatore scientifico. Tra i tantissimi racconti scritti dal grande scrittore ce ne uno in particolare, pubblicato nel 1941, Notturno (Nightfall), tradotto in italiano anche con il titolo “Cade la notte” che è stato proposto come una delle possibili soluzioni al Paradosso di Fermi.

Il pianeta Lagash è illuminato da sei soli (Alpha, una nana gialla simile al nostro Sole, Gamma, una nana rossa, Beta e Delta, un sistema binario di due stelle bianche di classe A o F, e un altro sistema binario di due stelle blu di classe A, B o O di cui non viene dato il nome) ed il Buio è sconosciuto. Il Culto, una setta religiosa, profetizza che l’Oscurità e l’apparizione delle Stelle annunceranno la fine del mondo.

In realtà l’orbita caotica di Lagash impedirebbe lo sviluppo di forme di vita complesse ma Asimov, per ovvie ragioni letterarie, postula che sul pianeta dove non cala mai la notte si è sviluppata una civiltà tecnologicamente avanzata. La vicenda inizia quando i fisici di Lagash scoprono la legge di gravitazione universale che permette agli scienziati di calcolare l’esatta posizione dei sei soli. Inoltre la scoperta permette di ipotizzare l’esistenza di una luna. La sua presenza è soltanto dedotta visto che con sei soli, l’oscurità non cala mai sul pianeta.

Poi accade un evento imprevisto: un perfetto allineamento del satellite e delle sei stelle che provoca un eclissi totale ed il Buio scende su Lagash. Per la prima volta gli abitanti di quel mondo alieno vedono il cielo notturno.

La soluzione "Notturno" del paradosso di Fermi

Se esistesse un mondo simile a Lagash, l’astronomia non potrebbe svilupparsi, la luce eterna dei sei soli, impedirebbe di scoprire ed individuare altri pianeti ed altre stelle e di conseguenza un’accettabile comprensione dell’universo.

Anche se la situazione descritta nel racconto di Asimov è implausibile, ci possono essere altri limiti fisici che potrebbero impedire ad una specie aliena intelligente di esplorare il cosmo.

Cosa accadrebbe se i cieli nuvolosi fossero una condizione permanente di un pianeta? Oppure se una specie aliena intelligente si sviluppasse nei fondali di un oceano invece che sul suolo emerso o ancora nei pressi del nucleo galattico dove esiste una incredibile concentrazione stellare?

Non importa quanto evoluta ed intelligente possa essere una civiltà extra terrestre se non ha, per condizioni ambientali, percezione dell’esistenza di altri pianeti potrebbe non concepire neppure la ricerca di un contatto.

Tutto questo può essere una spiegazione convincente del Paradosso di Fermi?

La risposta è lapidaria: no. Soltanto la nostra galassia contiene probabilmente mille miliardi di pianeti. Possibile che soltanto la Terra abbia una visione nitida della volta celeste? Bastano i numeri per derubricare questa soluzione del paradosso di Fermi tra quelli maggiormente improbabili.

E Notturno come finisce? Il bellissimo racconto di Asimov procede con gli occhi di un giornalista venuto ad indagare su un bizzarro pool di scienziati che ha previsto l’eclissi. Quando la notte cala, l’isteria si diffonde sul pianeta e, come previsto, conduce ad una follia distruttiva ed omicida, mentre astronomi, scienziati e il giornalista rimangono nell’Osservatorio Astronomico per assistere all’eclissi.

Quando già si vede il sole cominciare a oscurarsi, la gente della città, guidata dai sacerdoti del Culto, si dirige verso l’Osservatorio. Le persone sono fuori di sé per il terrore dell’oscurità e per proteggersi da essa hanno anche appiccato numerosi incendi in città. L’opera si conclude con un finale aperto ma che fa immaginare la fine della civiltà di Lagash.

Insomma, il Paradosso di fermi resta insoluto.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

Offerte Amazon di oggi: ventilatori a piantana super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Articoli correlati

Popular Categories