6.2 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
HomeCucinaPaccheri con cozze, gamberi, peperoncino e patate

Paccheri con cozze, gamberi, peperoncino e patate

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gustose ed economiche, le cozze si offrono al meglio proprio in questo periodo dell’anno. Contengono proteine, ferro e potassio, sono però particolarmente ricche di sodio quindi meglio consumarle con moderazione, se si soffrono particolari patologie. Importante, per la riuscita del piatto, è che siano freschissime.

Ma come capirlo? Devono avere i gusci ben chiusi e privi di rotture, le valve (ovvero le due parti a forma di goccia) aderenti l’una all’altra tramite il bisso, prodotto dal mitilo per ancorarsi saldamente alle rocce. In questa ricetta le utilizziamo insieme a un formato di pasta molto gradito, i paccheri, al peperoncino, gamberi e patate. In pratica, un sostanzioso piatto unico che soddisferà anche il palato più esigente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Come si preparano i paccheri con cozze, gamberi, peperoncino e patate

Ingredienti per 4 persone

  • 1 kg di cozze
  • 8 gamberi
  • 350 g di paccheri
  • 3 peperoncini freschi
  • 1 cipollotto
  • 2 patate medie
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 1 spicchio d’aglio
  • 10 pomodorini ciliegino
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • Mezzo bicchiere di vino bianco secco
  • Sale

Preparazione

Priva le cozze delle incrostazioni, strappa il filamento interno (bisso), pulisci i gusci usando una spazzolina di ferro, lavale sotto acqua corrente fredda e trasferiscile in una pentola. Accendi il fuoco, coprile e falle cuocere finché i gusci non si aprono, circa 3-4 minuti. Lasciale intiepidire, sgusciale ma tieni da parte qualcuna intera per decorare il piatto. Elimina quelle rotte o che non si sono aperte, filtra il liquido rimasto sul fondo della pentola.

Pulisci i gamberi, elimina il filamento nero interno (passaggio importante, se non eliminato renderebbe la preparazione amara), sgusciali e tienili da parte.

Pela le patate, lavate e tagliale a dadini. Sbuccia lo spicchio d’aglio e il cipollotto, elimina i filamenti dal sedano, raschia la carota. Trita tutti gli ortaggi e falli rosolare in una larga padella con 5-6 cucchiai di olio extravergine. Aggiungi i dadini di patata al soffritto e lasciali insaporire a fiamma alta per circa 3 minuti, mescolando spesso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando le patate diventano dorate sfuma con il vino bianco, lascialo evaporare e poi unisci un mestolo del liquido di cottura delle cozze tenuto da parte, tenendo conto che è già molto salato. Copri, abbassa la fiamma e lascia cuocere per altri 5 -6 minuti.

Ora taglia i pomodorini a metà e i peperoncini a pezzetti, poi uniscili nella padella insieme alle cozze e i gamberi tagliuzzati grossolanamente, regola di sale se necessario e prosegui la cottura per non più di un minuto. Spegni il fuoco e copri con il coperchio.

Cuoci i paccheri in acqua salata, scolali al dente, trasferiscili nella padella con il condimento e falli saltare a fiamma vivace per un paio di minuti, sempre mescolando. Se tendono ad asciugarsi troppo, bagnali con altro liquido di cottura delle cozze. Infine cospargi con il prezzemolo tritato e servi decorando il piatto con le cozze tenute da parte con il guscio e fettine di peperoncino.

Informazioni utili in cucina

Le cozze, come altri frutti di mare, danno il meglio del loro sapore se consumate crude, magari con una spruzzata di limone e una macinata di pepe nero. Tuttavia è una pratica da evitare, in quanto possono causare gravi malattie come ad esempio gastroenteriti, epatite A e perfino il colera. Grazie alle attuali normative sanitarie molto rigide sono eventi rarissimi, ma è meglio essere sempre prudenti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Si trovano in commercio tutto l’anno, il periodo migliore però va da maggio a settembre.

Le cozze più pregiate sono le femmine, durante la loro fase di riproduzione. Sono riconoscibili dalle sfumature di colore rossastro della carne, dall’aroma iodato e dal gusto particolarmente dolce.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Si conservano in frigo per non più di un giorno, pulite e coperte con un canovaccio umido.

Quando li compriamo, tutti i frutti di mare devono avere un gradevole profumo ed essere perfettamente chiusi. Solo in questo modo possiamo capire che sono freschi e di ottima qualità. se presentano i caratteristici “denti di cane” significa che sono di scoglio, le migliori: più piccole, ma polpose e ricche di sapore.

Caratteristiche nutrizionali

Le cozze contengono un basso contenuto di grassi e calorie, sono però ricche di antiossidanti, proteine e vitamine (in particolare la C) e sali minerali come il sodio, potassio, zinco e fosforo, che gli donano proprietà digestive.

Articoli più letti