Ostracodermi e non lamprede all’origine dei vertebrati

Nuove scoperte fossili indicano che gli antichi cuccioli di lampreda con tutta probabilità non sono all’origine dei vertebrati.

Dall’Università di Chicago, dal Canadian Museum of Nature e dall’Albany Museum, arriva infatti una nuova teoria secondo la quale sarebbero i pesci corazzati estinti, noti come ostracodermi, a rappresentare invece i candidati migliori per la radice dell’albero genealogico dei vertebrati, mentre le moderne larve di lampreda sono un’innovazione più recente.

Il team di ricercatori ha dichiarato che dagli studi effettuati su diversi fossili queste larve infatti somigliavano più da vicino alle moderne lamprede adulte ed erano completamente diversi dalle loro controparti moderne di larve. I risultati sono stati pubblicati il ​​10 marzo sulla rivista Nature.

Le lamprede sono state a lungo ritenute all’origine dei vertebrati

Le lamprede, insolite creature senza mascelle, simili ad anguille, come ha spiegato il primo autore, il paleontologo Tetsuto Miyashita, hanno a lungo fornito informazioni sull’evoluzione dei vertebrati: “Le lamprede hanno un ciclo di vita assurdo, una volta schiuse, le larve si seppelliscono nel letto del fiume e filtrano il mangime prima di trasformarsi in adulti succhiatori di sangue. Sono così diverse dagli adulti che gli scienziati inizialmente pensavano che fossero un gruppo di pesci completamente diverso“, ha detto lo studioso.

Le moderne larve di lampreda sono state usate finora come modello della condizione ancestrale dell’origine dei vertebrati. Sembravano abbastanza primitivi, paragonabili agli invertebrati verminosi, e le loro qualità corrispondevano alla narrativa preferita degli antenati dei vertebrati, ma come ha spiegato Tetsuto Miyashita, gli scienziati non avevano prove che una forma così rudimentale risalisse all’inizio dell’evoluzione dei vertebrati.

Fossili scoperti in Illinois stanno cambiando la storia

I fossili scoperti di recente in Illinois, Sud Africa e Montana stanno cambiando la storia. Collegando i punti tra dozzine di esemplari, il team di ricerca si è reso conto che le diverse fasi dell’antico ciclo di vita della lampreda erano state preservate, consentendo ai paleontologi di monitorare la loro crescita dal cucciolo all’adulto. 

Su alcuni degli esemplari più piccoli, delle dimensioni di un’unghia, la conservazione dei tessuti molli mostra persino i resti di un sacco vitellino, indicando che i reperti fossili avevano catturato queste lamprede poco dopo la schiusa.

Fondamentalmente, questi giovani fossilizzati sono abbastanza diversi dalle loro controparti moderne (note come “ammocoetes“), e invece assomigliano più alle moderne lamprede adulte, con grandi occhi e bocche a ventosa dentata. La cosa più interessante è che questo fenotipo può essere visto durante la fase larvale in più specie diverse di lampreda antica.

Sorprendentemente, abbiamo abbastanza esemplari per ricostruire una traiettoria dal cucciolo all’adulto in diversi lignaggi indipendenti di primi lampreda“, ha detto Michael Coates, professore presso il Dipartimento di Biologia Organismica e Anatomia presso l’Università di Chicago, che inoltre aggiunto: “E ognuno mostra lo stesso modello, la forma larvale era come un adulto in miniatura“.

Una svolta alle ipotesi portate avanti per 150 anni

I ricercatori affermano che questi risultati sfidano la narrativa evolutiva di 150 anni che le moderne larve di lampreda offrono un assaggio delle profonde condizioni dei vertebrati ancestrali. 

Il team sta infatti dimostrando che le lamprede antiche non hanno mai attraversato lo stesso stadio cieco di alimentazione del filtro visto nelle specie moderne.

La nuova scoperta ha sostanzialmente rimosso lamprede dalla posizione di origine dei vertebrati e si sta cercando una nuova alternativa.

Sono i pesci corazzati alla radice dei vertebrati

Dopo aver guardato indietro alla documentazione fossile, il team ora crede che i pesci corazzati estinti noti come ostracodermi potrebbero invece rappresentare candidati migliori per la radice dell’albero genealogico dei vertebrati, mentre le moderne larve di lampreda sono un’innovazione più recente. 

Il team ritiene che l’evoluzione delle larve che si nutrono di filtri potrebbe aver permesso alle lamprede di popolare fiumi e laghi. Le lamprede fossili riportate nel nuovo studio provenivano tutte da sedimenti marini, ma le lamprede moderne vivono principalmente in acqua dolce.

I ricercatori sostengono che questo è il tipo di scoperta che può riscrivere i libri di testo. “Le lamprede non sono proprio le capsule per il nuoto che una volta pensavamo fossero“, ha detto Coates, concludendo: “Rimangono importanti ed essenziali per comprendere la profonda storia della diversità dei vertebrati, ma dobbiamo anche riconoscere che anche loro si sono evoluti e specializzati a pieno titolo“.

Fonte: https://phys.org/news/2021-03-long-accepted-theory-vertebrate-upended-fossilized.html

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Kew Gardens: il 50% delle specie al suo interno sono a rischio

La crisi climatica è una minaccia in continua evoluzione...

Voyager 2, l’eliopausa e, oltre, l’infinito

La Voyager 2 opera attualmente a temperature di circa 3,6 gradi Celsius, e ogni anno che passa la navicella produce 4 watt in meno di energia

Syntrichia caninervis: il muschio pronto per colonizzare Marte

La Syntrichia caninervis, un muschio del deserto, ha dimostrato...

Articoli correlati

Popular Categories

Articolo precedente
Articolo successivo