13.5 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeGeologiaCratere di Chicxulub: individuata la probabile origine dell'asteroide che lo creò

Cratere di Chicxulub: individuata la probabile origine dell’asteroide che lo creò

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’asteroide di circa 10 chilometri di diametro, che si ritiene abbia spazzato via circa il 76% di tutte le specie sulla Terra – compresi i dinosauri – circa 66 milioni di anni fa, probabilmente proveniva dalla metà esterna della fascia principale degli asteroidi, una regione che fino ad ora era ritenuta poco produttiva di asteroidi impattatori.

L’impatto di cui parliamo è avvenuto 66 milioni di anni fa e ha formato il cratere Chicxulub, largo circa 200 chilometri, lungo la costa della penisola dello Yucatan. L’impatto avrebbe gettato trilioni di tonnellate di polvere nell’atmosfera, raffreddando significativamente il clima terrestre, probabilmente provocando un’estinzione di massa che coinvolse tutti i dinosauri non aviari.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Si pensa che uno strato di argilla ricca di iridio che negli strati geologici segna il confine tra il Cretaceo e il Paleogene siano i resti dei detriti dell’impatto.

I ricercatori del Southwest Research Institute (SwRI) indipendente di San Antonio, in Texas, hanno combinato tracce chimiche dell’impattore conservate nel cratere da impatto, osservazioni delle traiettorie di asteroidi noti e modelli informatici per indagare sull’origine e la frequenza dei cosiddetti eventi Chicxulub.

L’impattatore di Chicxulub apparteneva alle condriti carboniose

I geologi hanno precedentemente esaminato campioni di roccia di 66 milioni di anni fa recuperati da carotaggi all’interno del cratere Chicxulub. I risultati indicano che l’impattore era simile alla classe di meteoriti dette condriti carboniose, ritenuti resti primordiali della formazione del sistema solare e indicati come asteroidi primitivi scuri a causa del loro colore grigio scuro.

Mentre le condriti carboniose sono meteoriti comuni, nessuna oggi è vicina alle dimensioni necessarie per produrre l’impatto di Chicxulub.

Abbiamo deciso di cercare dove potrebbero nascondersi i fratelli dell’impattatore di Chicxulub“, ha affermato l’autore principale dello studio, il dott. David Nesvorný in una dichiarazione pubblicata dalla SwRI.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per spiegare la loro assenza, in precedenza si è provato a simulare la rottura di grandi asteroidi e comete nel sistema solare interno, osservando le ondate di impatti sulla Terra” ha affermato il dott. William Bottke, uno dei co-autori.

Mentre molti di questi modelli avevano proprietà interessanti, nessuno ha fornito una corrispondenza soddisfacente con ciò che sappiamo su asteroidi e comete. Sembrava che ci mancasse ancora qualcosa di importante“.

I ricercatori hanno utilizzato modelli al computer che tracciano il modo in cui gli oggetti sfuggono alla fascia principale degli asteroidi, una zona di piccoli corpi planetari situati tra le orbite di Marte e Giove. Nel corso di eoni, le forze gravitazionali possono spingere gli asteroidi in orbite vicine alla Terra.

Utilizzando il supercomputer Pleaides della NASA, il team ha seguito 130.000 modelli di asteroidi le cui traiettorie si sono evolute in modo lento e costante per centinaia di milioni di anni. Particolare attenzione è stata data agli asteroidi situati nella metà esterna della fascia degli asteroidi, la parte più lontana dal Sole.

Con loro sorpresa, hanno scoperto che asteroidi larghi 10 chilometri provenienti da questa regione colpiscono la Terra almeno 10 volte più spesso di quanto calcolato in precedenza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questo risultato è intrigante non solo perché la metà esterna della fascia di asteroidi ospita un gran numero di impattatori di condrite carboniosa, ma anche perché le simulazioni del team possono, per la prima volta, riprodurre le orbite di grandi asteroidi sul punto di avvicinarsi alla Terra“, ha affermato il co-autore Dr. Simone Marchi.

La nostra spiegazione per la fonte dell’impattore di Chicxulub si adatta perfettamente a ciò che già sappiamo su come si evolvono gli asteroidi“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team ha scoperto che gli asteroidi delle dimensioni di quello che ha creato il cratere Chicxulub hanno colpito la Terra mediamente ogni 100-250 milioni di anni e metà degli impatti provenivano da condriti carboniose, una buona corrispondenza con ciò che è noto sull’impattore di Chicxulub.

Questo lavoro ci aiuterà a comprendere meglio la natura dell’impatto di Chicxulub, dicendoci anche dove potrebbero aver avuto origine altri grandi impatti del profondo passato della Terra“, ha detto Nesvorný.

Articoli più letti