Operazioni chirurgiche nell’antica Grecia

Nel sito di Paliokastro, sull'isola di Thasos in Grecia, sono stati scoperti dieci resti scheletrici appartenuti a quattro donne e sei uomini probabilmente di alto livello sociale. I resti ossei ci raccontano le loro attività fisiche, i traumi e persino le tracce di una complessa di chirurgia cerebrale

835

Una nuova ricerca dell’Università di Adelphi ha rivelato una scoperta archeologica effettuata sui resti di un gruppo di arcieri dell’Impero Romano d’Oriente del turbolento periodo proto-bizantino, che andò dal IV al VII secolo.

Nel sito di Paliokastro, sull’isola di Thasos in Grecia, sono stati scoperti dieci resti scheletrici appartenuti a quattro donne e sei uomini probabilmente di alto livello sociale. I resti ossei ci raccontano le loro attività fisiche, i traumi e persino le tracce di una complessa di chirurgia cerebrale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il luogo di sepoltura e l’architettura della chiesa monumentale funeraria e la costruzione delle tombe sono spettacolari“, ha detto il ricercatore e antropologo Anagnostis Agelarakis, Ph.D., che ha aggiunto che l’alto rango degli individui ritrovati, lo stato di conservazione, la posizione e l’architettura della chiesa monumentale funeraria dove furono sepolti lo dimostrano.

Secondo le caratteristiche scheletro-anatomiche degli individui, uomini e donne conducevano vite fisicamente impegnative“, ha affermato Agelarakis, professore di antropologia nel Dipartimento di Storia di Adelphi. “I casi molto gravi di trauma sostenuti sia dai maschi che dalle femmine erano stati trattati chirurgicamente o ortopedicamente da un medico / chirurgo molto esperto con una grande preparazione nella cura di traumi. Forse un medico militare“.

I resti di un uomo presentavano i segni di un intervento di chirurgia cerebrale e il professor Agelarakis suggerisce che “nonostante una severa prognosi, è stato fatto un grande sforzo in questo intervento chirurgico per questo maschio. Quindi, è probabile che fosse un individuo molto importante per la popolazione di Paliokastro“.

Agelarakis e i suoi colleghi sono riusciti a ricavare dati medici e chirurgici, nonché dati paleopatologici, su questo “straordinario intervento chirurgico alla testa e al collo e ai grandi sforzi del chirurgo“. È stato stabilito che la probabile causa dell’intervento chirurgico era un’infezione e che l’arciere è morto o dopo o durante l’intervento chirurgico.

L’intervento chirurgico è il più complesso che abbia mai visto nei miei 40 anni di lavoro con materiali antropologici“, ha spiegato Agelarakis. “È incredibile che sia stato effettuato, con preparativi molto complicati per l’intervento, e poi l’operazione chirurgica stessa che ha avuto luogo, ovviamente, in un’era pre-antibiotica“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I risultati sono descritti in un nuovo libro, “Arcieri a cavallo romani orientali e straordinari interventi medico-chirurgici al Paliokastro nell’isola di Thasos durante il periodo proto-bizantino: i registri di storia e medicina e le prove archeoantropologiche“, di Archaeopress, Access Archeology.

Fonte: Phys.org