Acquamazione: l’alternativa ecologica alla cremazione

Ci sono più alternative a ciò che accadrà ai tuoi resti dopo che sarai morto. Tutti conoscono le sepolture e la cremazione, ma hai mai sentito parlare dell'acquamazione?

1396

Ci sono più alternative a ciò che accadrà ai tuoi resti dopo che sarai morto. Tutti conoscono le sepolture e la cremazione, ma hai mai sentito parlare dell’acquamazione?

Cos’è l’acquamazione?

La cremazione è il metodo di eliminazione di un cadavere bruciandolo. La cremazione è spesso considerata un’alternativa ecologica alle pratiche di sepoltura tradizionali, ma bruciare i cadaveri in cenere richiede una grande quantità di energia per alimentare il fuoco emettendo milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il metodo chiamato acquamazione utilizza l’idrolisi alcalina per smaltire i resti umani o animali invece del fuoco. Il processo è anche noto come biocremazione, risomazione, cremazione senza fiamma e cremazione con acqua. Acclamato come un’alternativa ecologica alla cremazione, questo metodo utilizza una soluzione alcalina riscaldata per “sciogliere” il corpo, lasciando solo lo scheletro.

Durante il processo, il corpo viene posto all’interno di un recipiente pressurizzato riempito con una miscela di acqua e idrossido di potassio e riscaldato a circa 200 – 300°F (90 – 150°C). Quando la pressione nel contenitore aumenta, la soluzione rompe delicatamente la materia organica per diverse ore invece di bollire. Il processo liquefa tutto tranne le ossa, che vengono poi essiccate in forno e ridotte in polvere bianca, poste in un’urna, e poi date ai parenti. L’acquamazione lascia il 32% in più di resti del corpo rispetto alla cremazione.

Secondo Bio-Response Solutions, una società statunitense specializzata in acquamazione, il processo utilizza “il 90% in meno di energia rispetto alla cremazione a fiamma e non emette gas serra nocivi”.

Il liquido che resta dopo il processo è una miscela sterile di composti organici inclusi sali e amminoacidi che possono essere utilizzati come fertilizzanti o neutralizzati e rilasciati in sicurezza nei corsi d’acqua.

Il religioso anglicano sudafricano Desmond Mpilo Tutu, che ha ricevuto il Premio Nobel per la pace per il suo ruolo nell’opposizione all’apartheid in Sud Africa nel 1984, ha scelto il metodo dell’acquamazione per il suo funerale secondo quanto riferito dall’arcivescovo Tutu IP Trust e il Desmond e la Leah Tutu Legacy Fundation, dopo la sua morte avvenuta il 26 dicembre 2021.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il Tutu IP Trust e la Desmond and Leah Tutu Legacy Foundation hanno annunciato: “L’arcivescovo è stato molto chiaro sui suoi desideri per il suo funerale. Non voleva ostentazione o spese sontuose. Ha chiesto che la bara fosse la più economica disponibile e che un mazzo di garofani della sua famiglia fosse l’unico fiore nella cattedrale”, secondo News24.

Puoi scegliere di essere sepolto, cremato o liquefatto una volta che muori, ma puoi anche essere trasformato in compost. Sapevi che una società americana chiamata Recompose ti trasforma in terra dopo la tua morte? Oppure, se preferisci qualcosa di più elaborato, puoi scegliere di essere un diamante , con la “diamantificazione” dell’azienda svizzera Algordanza.

Previous articleCosa sono i punti di Lagrange
Next articleOperazioni chirurgiche nell’antica Grecia