L’OMS dichiara l’aspartame possibilmente cancerogeno

L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), che è l'agenzia specializzata nel cancro dell'Organizzazione mondiale della sanità, ha inserito l'aspartame tra le sostanze che possono essere cancerogene per l'uomo

0
243
L'OMS dichiara l'aspartame possibilmente cancerogeno
L'OMS dichiara l'aspartame possibilmente cancerogeno

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), che è l’agenzia specializzata nel cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha inserito l’aspartame tra le sostanze che possono essere cancerogene per l’uomo.

Un altro ramo dell’OMS, il comitato di esperti sugli additivi alimentari dell’OMS e dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura, ha valutato il rischio e sviluppato raccomandazioni sulla quantità di aspartame sicura da consumare. Hanno raccomandato che l’assunzione giornaliera accettabile sia compresa tra 0 e 40 mg per chilo di peso corporeo.

Cos’è l’aspartame?

L’aspartame è un dolcificante artificiale 200 volte più dolce dello zucchero. Viene utilizzato in una varietà di prodotti, comprese le bevande gassate come Coke Zero, Diet Coke, Pepsi Max e svariati altri marchi. È possibile identificare l’aspartame nelle bevande e negli alimenti cercando sull’etichetta l’additivo numero 951.

Anche prodotti alimentari come yogurt e dolciumi possono contenere aspartame, ma non è stabile a temperature elevate e quindi non viene utilizzato nei prodotti da forno. I nomi commerciali dell’aspartame includono Equal, Nutrasweet, Canderel e Sugar Twin. In generale, l’assunzione giornaliera accettabile è di 40 mg per chilo di peso corporeo al giorno, ovvero circa 60 bustine.

In America, la dose giornaliera accettabile è stata fissata a 75 bustine.



Quali prove hanno utilizzato per giungere a questa conclusione?

IARC ha esaminato attentamente una base di prove da tutto il mondo, utilizzando dati provenienti da studi osservazionali, studi sperimentali e studi sugli animali. Hanno scoperto che c’erano alcune prove limitate negli studi sull’uomo che collegavano l’aspartame e i tumori (in particolare il cancro al fegato) e prove limitate anche dagli studi sugli animali.

Hanno anche preso in considerazione gli studi sui meccanismi biologici che hanno mostrato come un tumore può svilupparsi dal consumo di aspartame. Di solito, si tratta di studi di laboratorio che mostrano esattamente come l’esposizione all’agente può portare a sviluppare un tumore. In questo caso, hanno scoperto che c’erano prove limitate di come l’aspartame potesse causare il cancro.

In precedenza, c’erano solo tre studi sull’uomo che hanno esaminatola correlazione tra assunzione di aspartame e tumori. Questi ampi studi osservazionali hanno utilizzato l’assunzione di bevande analcoliche come indicatore dell’assunzione di aspartame.

Tutti e tre hanno trovato un’associazione positiva tra bevande zuccherate artificialmente e tumore al fegato in tutta la popolazione che stavano studiando o in sottogruppi al loro interno. Ma questi studi non hanno potuto escludere altri fattori che potrebbero essere stati responsabili dei risultati.

Uno studio condotto in Europa ha seguito 475.000 persone per 11 anni e ha scoperto che ogni porzione aggiuntiva di bibita dietetica consumata a settimana era collegata a un aumento del 6% del rischio di cancro al fegato. Tuttavia, gli scienziati hanno concluso che, a causa della rarità di questo tumore, il numero di persone esaminate nello studio era troppo piccolo per trarre conclusioni definitive.

In uno studio condotto negli Stati Uniti, è stato osservato un aumento del rischio di tumore al fegato nelle persone con diabete che bevevano più di due lattine di una bibita dietetica a settimana.

Il terzo studio, sempre dagli Stati Uniti, ha rilevato un aumento del rischio di cancro al fegato negli uomini che non hanno mai fumato e bevono due o più bevande zuccherate artificialmente al giorno.

Da questo, hanno deciso di dichiarare l’aspartame come “possibile cancerogeno” del gruppo 2b. Ma hanno anche affermato che sono necessarie ulteriori e migliori ricerche per comprendere ulteriormente la relazione tra aspartame e tumori.

La IARC ha quattro categorie (raggruppamenti) disponibili per potenziali sostanze (o come vengono chiamate dalla IARC, “agenti”) che possono provocare il cancro.

Cosa significa ogni raggruppamento?

Gruppo 1 Cancerogeno per l’uomo: una sostanza inserita in questo gruppo è cancerogena, il che significa che ci sono prove convincenti da studi sull’uomo e sappiamo esattamente come provoca il cancro. Ci sono 126 agenti in questo gruppo, tra cui fumo di tabacco, alcol, carne lavorata, radiazioni e radiazioni ionizzanti.

Gruppo 2a Probabilmente cancerogeno per l’uomo: esistono associazioni positive tra l’agente e il cancro nell’uomo, ma potrebbero esserci ancora altre spiegazioni per l’associazione che non sono state completamente esaminate negli studi. Ci sono 95 agenti in questo gruppo, compresa la carne rossa, l’insetticida DDT e il lavoro notturno.

Gruppo 2b Possibilmente cancerogeno per l’uomo: per una sostanza inserita in questo gruppo esistono prove limitate di un’azione cancerogena negli esseri umani, ma prove sufficienti da studi sugli animali o il meccanismo di come l’agente può essere cancerogeno è ben compreso.

Ciò significa sostanzialmente che le prove attuali indicano che un agente potrebbe essere cancerogeno, ma sono necessarie ulteriori prove scientifiche da studi meglio condotti. Ora ci sono 323 agenti in questo gruppo, tra cui l’aloe vera (estratto di foglie intere), il ginkgo biloba e il piombo.

Gruppo 3 Non classificabile come cancerogeno: non ci sono prove sufficienti in studi effettuati su esseri umani o animali e vi sono prove meccanicistiche limitate di come possa essere cancerogeno. Ci sono 500 agenti in questo gruppo.

Quindi devo rinunciare alla mia abitudine di bevande analcoliche dietetiche?

Per una persona di 70 kg, bisognerebbe consumare circa 14 lattine (oltre 5 litri) di bibita dolcificata con aspartame al giorno per superare la dose giornaliera accettabile. Ma dobbiamo ricordare che l’aspartame può essere aggiunto anche ad altri alimenti consumati. Quindi questa è una quantità irrealistica da consumare, ma non impossibile.

Dobbiamo anche considerare insieme tutte le prove sull’aspartame. Gli alimenti in cui tipicamente vediamo l’aspartame sono trasformati o ultra-trasformati, che recentemente hanno anche dimostrato di essere dannosi per la salute. Tutto sommato, questo indica che dovremmo stare più attenti alla quantità di dolcificanti artificiali che consumiamo poiché non forniscono alcun beneficio per la salute e hanno possibili effetti negativi.

Ma nel complesso, da queste prove, bere la lattina occasionale o addirittura quotidiana di una bevanda dietetica è sicuro e probabilmente non rappresenta un rischio di cancro.

2