Occhiali olografici: Meta lancia il prototipo

Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook e successivamente di Meta ha dichiarato che gli occhiali olografici, dei quali sta per lanciare il prototipo, sostituiranno gradualmente i telefoni cellulari come principale dispositivo di comunicazione e di elaborazione dati dell’umanità.

Occhiali olografici

Gli occhiali ologragfici di Meta

In una recente intervista con lo YouTuber Kane “Kalloway” Sutter, il miliardario magnate della tecnologia ha parlato di una serie di argomenti tra cui l’intelligenza artificiale e l’open source.

Quando il conduttore Kalloway gli ha chiesto quale fosse il prodotto futuro più entusiasmante di Meta, Zuckerberg ha dato un pieno appoggio a un paio di occhiali olografici dotati di telecamere, microfoni, altoparlanti e un display olografico a campo visivo completo (FOV).

Sia gli esperti del mondo della pubblicità che quelli del tecnoverso non hanno preso sul serio Meta e Zuckerberg per il loro passaggio da “Facebook“, la società dietro la piattaforma di social media più famosa del mondo, a “Meta“, la società che sta lavorando sul metaverso.

Per Zuckerberg il futuro appartiene agli occhiali olografici

Zuckerberg è evidentemente ottimista sull’idea che lo smartphone sia all’inizio della sua fine e che gli occhiali olografici saranno la prossima grande novità. Ha spiegato che i display olografici indossabili non sostituiranno completamente gli smartphone, proprio come lo smartphone non ha soppiantato completamente il computer desktop o portatile.

Con l’hardware e il software adeguati, Zuckerberg ritiene tuttavia che gli occhiali intelligenti diventeranno così utili che la maggior parte delle persone potrà lasciare il telefono in tasca per la maggior parte del tempo.

Prima però, l’azienda deve far progredire la tecnologia. Secondo Zuckerberg, Meta ha in mente tre prodotti separati. Innanzitutto un prodotto di occhiali “senza display” con intelligenza artificiale vocale (che esiste già in Ray-Ban Meta), in secondo luogo un “piccolo display heads-up” senza olografia completa e infine una “versione premium” con un display olografico a campo visivo completo.

Meta spera di colmare il divario tra Ray-Ban Meta, un prodotto senza display, e gli ingombranti visori più adatti alla realtà virtuale (VR) che alla realtà aumentata/mista (A/MR).

Secondo Zuckerberg, gli occhiali olografici FOV consentirebbero comunicazioni in tempo reale senza soluzione di continuità, sovrapposizioni informative, un display heads-up simile a quello che troveresti in un videogioco o nell’equipaggiamento di un operatore militare e altro ancora. E non sarebbero molto più ingombranti degli occhiali normali: “Sono inequivocabilmente occhiali, non sono un visore”, ha spiegato.

Zuckerberg ha anche aggiunto perché le persone vorrebbero ottenere informazioni tramite un paio di occhiali, invece di limitarsi a dare un’occhiata allo smartphone quando ne hanno bisogno.

Secondo il suo punto di vista, controllare costantemente i nostri smartphone per informazioni rilevanti sulla nostra situazione attuale ha un effetto disimpegnato e fa assumere un’aria distratta, come se la persona che consulta in continuazione il suo telefono, non ci fosse.

Un altro esempio d’uso interessante per gli occhiali olografici è un display primario per un’interfaccia neurale. L’interfaccia neurale big tech più popolare al momento potrebbe essere Neuralink di Elon Musk, ma ha lo svantaggio di richiedere una procedura invasiva per l’installazione.

Penso che la maggior parte delle persone non voglia avere qualcosa di cablato nel cervello“, ha osservato Zuckerberg. Meta sta attualmente lavorando anche a un braccialetto neurale. Questo sarebbe un dispositivo indossabile che misura e interpreta i segnali nervosi, al contrario di un’interfaccia cervello-computer che misura i segnali direttamente dal cervello.

Apparentemente, il braccialetto neurale di Meta potrebbe consentire a movimenti fisici quasi impercettibili, come un movimento del dito, di tradursi in comunicazioni digitali. In combinazione con i prototipi di display olografici FOV completi di Meta, questo potrebbe trasformare il mondo reale in uno spazio di lavoro e un parco giochi Web3 sconfinati.

Conclusioni

Per quanto riguarda la data in cui inizieremo a vedere questi prodotti, Zuckerberg ha affermato che Meta si sta prendendo il suo tempo per sistemare le cose, ma i primi feedback sono stati molto positivi: “Siamo quasi pronti a iniziare a mostrare la versione prototipo degli occhiali olografici completi. Non li venderemo su larga scala. Ci stiamo concentrando sulla realizzazione della versione completa per i consumatori piuttosto che sulla vendita del prototipo. Ma inizieremo a mostrare il prototipo alle persone. Ogni persona a cui l’ho mostrato finora si è dimostrata entusiasta“.

La tecnologia degli Occhiali olografici combina strumenti di fabbricazione di lenti fuse di precisione con metamateriali funzionali e ologrammi di volume, per fornire agli sviluppatori di dispositivi indossabili di realtà aumentata una piattaforma per integrare perfettamente tecnologie intelligenti in occhiali da vista sottili e leggeri.

Per ottenere un’ampia adozione commerciale e diventare infine onnipresenti come gli smartphone, gli occhiali olografici dovranno essere comodi, convenienti, dall’aspetto naturale e facili da usare. Una soluzione di successo deve ottenere immagini di alta qualità e un ampio campo visivo (FOV) in un fattore di forma compatto e alla moda, senza aggiungere peso in eccesso. Questo significa significa che le tecnologie intelligenti (display, filtri, oscuramento attivo) devono essere integrate in una lente da prescrizione solida e fusa.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Perché le slot semplici saranno sempre popolari su Elabet?

Nonostante ogni mese ci siano decine, o addirittura centinaia...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Articoli correlati

Popular Categories