Nuovi studi su 2 mummie egizie hanno evidenziato resti non umani al loro interno

I curatori del National Maritime Museum di Haifa, esaminando due mummie egizie, hanno rilevato resti non umani al loro interno

47579
Indice

Un team di scienziati, mentre analizzava due antiche mummie egizie, anziché trovare cuori e visceri di esseri umani, ha scoperto resti non umani: una era impagliata con grano e fango, l’altra invece era stata mummificata con resti di un uccello, forse un falco.

Manca la gamba sinistra, nessuno sa perché”, ha commentato la dottoressa Marcia Javitt, presidente di radiologia al Rambam Hospital di Haifa, in Israele, e professoressa a contratto di radiologia alla George Washington University di Washington, DC, che ha aiutato a scansionare le mummie con tomografia computerizzata (CT).


Le due mummie, entrambe sepolte nei classici sarcofagi, sono state ospitate al Museo di Haifa per circa 50 anni. Tuttavia, non si sa molto su di loro, tranne per il fatto che hanno più di 2000 anni, come ha specificato a Live Science Ron Hillel, capo della gestione delle raccolte di Haifa Museums. 

Negli ultimi anni, il National Maritime Museum di Haifa ha esaminato la sua collezione e ha scelto il modo migliore per preservare ogni manufatto. Quando i curatori hanno esaminato le due mummie, si sono resi conto di non sapere cosa contenessero. Spesso  “i cuori venivano lasciati nel corpo” delle mummie egizie, ha spiegato Hillel, perché gli antichi egizi pensavano che quando le persone sarebbero morte, i loro cuori sarebbero stati pesati contro una piuma che rappresentava ma’at, un concetto egiziano ciò include verità e giustizia: se il cuore avesse avuto lo stesso peso o meno della piuma, queste persone avrebbero guadagnato la vita eterna; in caso contrario, sarebbero state condannate. 

La TC fatto al Rambam Hospital ha rivelato che una mummia con sembianze umane, lunga circa 45 cm, progettata per assomigliare a Osiride, il dio dell’aldilà, dei morti, della vita e della vegetazione, conteneva fango e cereali: Probabilmente gli antichi egizi l’hanno costruita per le feste dedicate ad Osiride“, ha dichiarato Hillel: “Sarebbe una miscela di argilla o sabbia con questi grani, e poi immersa in acqua per fare germogliare i grani stessi. In effetti, questo rito legherebbe Osiris alla morte, alla vita e alla fertilità della Terra.

L’altra mummia, a forma di uccello lunga circa 25 cm, rappresentava il dio Horus. Secondo la mitologia egizia, Horus era il figlio di Osiride e Iside dalla testa di falco; una divinità associata al cielo e ai faraoni.

Nel corso del tempo, la mummia dedicata ad Horus si è seccata, il che significa che il tessuto è diventato più denso. Nel frattempo, si è seccato anche il midollo osseo, lasciando nient’altro che delicati tessuti ossei: Javitt e i suoi colleghi hanno usato una TC a doppia energia, che utilizza sia i raggi X normali sia i raggi X meno potenti, una tecnica che può rivelare le proprietà dei tessuti che una normale TAC non può: “Al fine di differenziare i tessuti molli l’uno dall’altro e le ossa e così via, può essere molto utile utilizzare una TC a doppia energia”, ha spiegato lo scienziato.

La sua squadra ha identificato vari tessuti e ossa di un uccello. Javitt ha notato che il collo dell’uccello era rotto, ma che questa lesione probabilmente si era verificata dopo la morte dell’uccello stesso. Questo perché anche la pelle presentava lesioni simili, e nella maggior parte dei casi di ossa rotte: “di solito non si recide la pelle da un bordo all’altro, si rompe solo l’osso“, ha chiarito Javitt. Inoltre, sembra che all’uccello manchino alcuni dei suoi organi addominali, ma sono necessari ulteriori studi per determinare quali mancano. Ad esempio, il cuore sembra essere presente, così come la trachea.

Andando avanti, Hillel ha dichiarato che il museo potrebbe realizzare una mostra speciale incentrata su queste due mummie. Spera anche di poterle datare con il radiocarbonio 14, così sarà possibile determinare la loro età esatta.