Le nuove scoperte in Africa occidentale potrebbero riscrivere la preistoria

La nostra specie, Homo sapiens, si è sviluppata in Africa circa 300.000 anni fa. Gli oggetti che i primi uomini creavano e usavano, frutto della cultura materiale dell'età della pietra media, si trovano in gran parte dell'Africa e includono una vasta gamma di innovazioni

0
7683

La nostra specie, Homo sapiens, si è sviluppata in Africa circa 300.000 anni fa. Gli oggetti che i primi uomini creavano e usavano, frutto della cultura materiale dell’età della pietra media, si trovano in gran parte dell’Africa e includono una vasta gamma di innovazioni.

Tra questi ci sono la tecnologia dell’arco e delle frecce, forme di strumenti specializzati, il trasporto a lunga distanza di oggetti come conchiglie marine e ossidiana, ornamenti personali, uso di pigmenti, accumulo di acqua e arte. Sebbene sia possibile che altri antenati degli esseri umani moderni abbiano contribuito a questa cultura materiale in Africa, alcuni dei primi strumenti in pietra dell’età della pietra media sono stati trovati con i più antichi fossili di Homo sapiens trovati finora.

Il punto di vista dei libri di testo è che circa 40.000 anni fa, l’età della pietra media era in gran parte finita in Africa. Questa è stata una pietra miliare nella storia della nostra specie: la fine della prima e più longeva cultura associata all’umanità, e il fondamento di tutte le successive innovazioni e cultura materiale che ci definisce oggi.

Nonostante il suo ruolo centrale nella storia umana, abbiamo poca comprensione di come sia finita la media età della pietra. Una tale comprensione potrebbe dirci come erano organizzati i diversi gruppi, come possono aver scambiato idee e geni e come questi processi hanno plasmato le fasi successive dell’evoluzione umana.

Sfortunatamente, vaste aree dell’Africa rimangono quasi completamente vuote sulla mappa quando si tratta di una preistoria così profonda, rendendo difficile rispondere a queste domande. 



La ricerca ha avuto la tendenza a concentrarsi su aree come l’Africa orientale, dove la conservazione è nota per essere elevata, comprensibilmente riducendo al minimo i rischi e massimizzando i guadagni. Tuttavia, il consenso emergente sul fatto che tutta l’Africa abbia svolto un ruolo nelle origini umane significa che non possiamo più permetterci di trascurare vaste regioni del continente se vogliamo ricostruire la nostra evoluzione in un quadro realistico.

Per questi motivi, la ricerca comincia a concentrarsi sull’Africa occidentale, una delle regioni africane meno conosciute per l’evoluzione umana. E i recenti ritrovamenti stanno convalidando l’idea di un ricco passato durante la mezza età della pietra.

Nuove scoperte in Senegal

Nel 2014, una campagna archeologica in Senegal ha portato alla scoperta di un sito nel nord del paese che suggeriva che la media età della pietra fosse finita lì molto più recentemente di quanto i libri di testo suggerissero.

Le date di Ndiayène Pendao indicavano che il sito aveva circa 12.000 anni. Eppure la cultura materiale era classicamente la media età della pietra, senza strumenti o metodi di produzione della tarda età della pietra. Nel 2016 e nel 2018 si sono svolte nuove prospezioni per cercare siti in diverse regioni del Senegal e su diversi sistemi fluviali, sugli affluenti del Senegal e del Gambia. 

Questo perché le fonti di acqua dolce erano fondamentali per le persone in passato, proprio come lo sono per le persone oggi; Anche i terrazzamenti fluviali offrono spesso eccellenti condizioni di conservazione e sono quindi buoni posti per la ricerca di siti archeologici.

Il sito di Laminia in Gambia non era mai stato datato. La recente campagna ha condotto una valutazione dettagliata dei suoi strati rocciosi per ottenere campioni di datazione da collegare con sicurezza ai manufatti. I campioni hanno restituito una data di 24.000 anni fa per il sito, il che ha confermato che nella regione era effettivamente presente una giovane età della pietra media.

Il sito di Saxomunya ha prodotto una sorpresa ancora più grande. Poiché i classici manufatti dell’età della pietra media, come punti Levallois ritoccati e “raschietti” trovati all’interno di una terrazza del fiume Falémé. 

Questi risultati estendono l’ultima occorrenza conosciuta dell’età della pietra media di ben 20.000 anni. Allo stesso tempo, il lavoro in Senegal ha anche suggerito una prima comparsa altrettanto tardiva della tarda età della pietra a circa 11.000 anni, più tarda che nella maggior parte delle altre regioni africane.

Perché la media età della pietra è durata così a lungo e perché la tarda età della pietra è arrivata così tardi?

Espansioni della popolazione

Parte della risposta alla prima domanda potrebbe risiedere nel fatto che parti dell’Africa occidentale sembrano essere state meno colpite dagli estremi dei cicli ripetuti del cambiamento climatico. Ciò potrebbe aver creato condizioni ambientali stabili per un lungo periodo di tempo. 

La risposta alla seconda domanda sta nel fatto che questa regione dell’Africa era relativamente isolata. A nord, incontra il deserto del Sahara e ad est, ci sono le foreste pluviali dell’Africa centrale, che erano spesso tagliate fuori dalle foreste pluviali dell’Africa occidentale durante i periodi di siccità. 

Tuttavia, circa 15.000 anni fa, si è verificato un notevole aumento dell’umidità e della crescita delle foreste nell’Africa centrale e occidentale. Ciò potrebbe aver collegato diverse aree e fornito corridoi per la dispersione delle popolazioni umane. Ciò potrebbe aver segnato la fine del primo e più antico repertorio culturale dell’umanità e avviato un nuovo periodo di mescolanza genetica e culturale.

Ciò che è chiaro è che il semplice modello unilineare di cambiamento culturale verso la “modernità” di lunga data non è supportato dalle prove. 

Gruppi di cacciatori-raccoglitori incorporati in tradizioni tecnologiche radicalmente diverse possono aver occupato regioni vicine dell’Africa per migliaia di anni, e talvolta hanno condiviso le stesse regioni. Le regioni a lungo isolate, d’altra parte, potrebbero essere state importanti serbatoi di diversità culturale e genetica. 

Ciò corrisponde agli studi genetici e potrebbe essere stato un fattore determinante per il successo della nostra specie. 

2