Non solo carne nella dieta dello squalo balena

Il più grande squalo dei nostri oceani ha già la reputazione di essere un gigante gentile e sembra che ci sia di più in questo di quanto avessimo mai immaginato. Lo squalo balena (Rhincodon typus) filtra l'acqua con i suoi numerosissimi denti per prendere il krill

307

Il più grande squalo dei nostri oceani ha già la reputazione di essere un gigante gentile e sembra che ci sia di più in questo di quanto avessimo mai immaginato. Lo squalo balena (Rhincodon typus) filtra l’acqua con i suoi numerosissimi denti per prendere il krill.

Tra i minuscoli organismi che raccolgono ci sono microalghe e altri organismi fotosintetizzanti. Questo non può essere evitato, ma i ricercatori si sono chiesti se questa vegetazione sia semplicemente un contorno per il carnivoro o se fornisca un’insalata laterale necessaria alla sua dieta.

I ricercatori hanno esaminato campioni di feci di squali balena e hanno identificato ciò che questi aspiratori oceanici lunghi 10 metri utilizzano effettivamente aspirandolo dalle enormi quantità d’acqua che trangugiano attraverso i loro sistemi.

Le feci dimostrano che gli squali balena mangiano effettivamente krill“, afferma Patti Virtue, oceanografa biologica dell’Università della Tasmania. “Ma la gran parte non viene metabolizzata“. Al contrario, sembra che gli squali balena, che sono veri squali con cartilagine al posto delle ossa, sembrano estrarre nutrienti dalle alghe.

Questo ci fa ripensare a ciò che pensavamo di sapere su cosa mangiano gli squali balena“, afferma il biologo ittico dell’Australian Institute of Marine Science Mark Meekan. “E, in effetti, su cosafanno in mare aperto“.

L’analisi dei tessuti di Meekan e colleghi ha anche rivelato un profilo di acidi grassi più coerente con l’onnivoro che con il carnivoro. Hanno trovato una pelle ricca di acido arachidonico (ARA), che è presente in quantità sufficienti per spiegare i livelli trovati negli squali balena, solo nella macroalga galleggiante Sargassum.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel 2019, anche un altro studio che utilizzava campioni di tessuto ha trovato prove che gli squali balena si nutrono effettivamente di almeno alcuni organismi che si trovano nella parte bassa della catena alimentare, come piante e alghe. Inoltre, non sono gli unici squali onnivori: gli squali Bonnethead (Sphyrna tiburo) mangiano una notevole alghe.

Correlato: Il re degli squali: il megalodonte

Questi animali, chiamati anche shovelhead, spesso ingoiano i materiali vegetali come conseguenza della caccia a piccole prede come granchi, molluschi e pesci in densi habitat di fanerogame. Quindi il loro bisogno di far fronte a questo materiale vegetale che passa attraverso i loro corpi ha probabilmente permesso loro di acquisire la capacità di digerirlo.

Lo stesso potrebbe essere successo agli squali balena, sospettano i ricercatori. Nel loro passato evolutivo, potrebbero essersi trovati a mangiare alghe insieme agli animali che vivono nei boschetti di alghe e, con il tempo, hanno acquisito al capacità di digerire ed utilizzare le alghe stesse.

La visione che abbiamo dello squalo balena che viene a Ningaloo solo per banchettare con questi piccoli krill è solo metà della storia“, spiega  Meekan. “In realtà mangia anche una discreta quantità di alghe“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sfortunatamente, per trovare abbastanza di questa materia organica galleggiante, lo squalo balena deve seguire caratteristiche oceaniche come le correnti di superficie che raccolgono insieme queste fonti di cibo galleggianti. Queste stesse caratteristiche aggregano anche le sostanze inquinanti nell’oceano come la plastica, quindi gli squali balena finiscono per banchettare accidentalmente anche con queste.

Meekan ha trovato parte di questa plastica nelle feci dello squalo balena. Ma è probabile che, anche se viene infine escreta, la plastica riduca la loro capacità intestinale, rallenti la loro digestione o faccia rigurgitare il cibo, osserva il team nel loro articolo. Questo potrebbe danneggiare questi animali in via di estinzione  che hanno subito un calo della popolazione del 62% negli ultimi 75 anni.

Sulla terra, tutti gli animali più grandi sono sempre stati erbivori“, dice Meekan. “Nel mare, abbiamo sempre pensato che gli animali che sono diventati davvero grandi, come le balene e gli squali balena, si nutrissero di un gradino più alto della catena alimentare di animali simili a gamberetti e piccoli pesci”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Insomma, abbiamo scoperto che forse il sistema di evoluzione sulla terra e nell’acqua non è poi così diverso.