Neuralink: le autorità USA dicono no ai suoi chip cerebrali

Elon Musk aveva proposto di testare i chip cerebrali di neuralink sugli esseri umani. Una tecnologia futuristica, resa famosa dalla fantasia del cinema e della letteratura sci-fi ma le autorità USA hanno negato tale possibilità in quanto ci sarebbero rischi per la sicurezza

0
437
Neuralink: le autorità USA dicono no ai suoi chip cerebrali
Neuralink: le autorità USA dicono no ai suoi chip cerebrali

Elon Musk aveva proposto di testare i chip cerebrali di neuralink sugli esseri umani. Una tecnologia futuristica, resa famosa dalla fantasia del cinema e della letteratura sci-fi ma le autorità USA hanno negato tale possibilità in quanto ci sarebbero rischi per la sicurezza.

Nel lontano 2019 Musk predisse più di una volta che la sua azienda di dispositivi medici, Neuralink, avrebbe presto avviato la sperimentazione umana di un rivoluzionario impianto cerebrale per trattare pazienti condizioni irreversibili quali la paralisi e la cecità.

Tuttavia, la società, fondata nel 2016, ha chiesto il permesso alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense solo all’inizio del 2022. L’agenzia, per ora, ha respinto la domanda. L’articolo in questione è tratto da alcune dichiarazioni rese note da fonti perlopiù vicine a Neuralink.

Chip cerebrali: la FDA dice no a Musk, cosa è successo?

Il rifiuto non era stato precedentemente segnalato. Nello spiegare la decisione a Neuralink, l’agenzia ha delineato dozzine di problemi che l’azienda deve affrontare prima dei test sull’uomo, una pietra miliare fondamentale nel percorso verso l’approvazione finale del prodotto, secondo quanto affermato dai membri dello staff.

I principali problemi di sicurezza segnalati dall’agenzia riguardano la batteria al litio del dispositivo; il potenziale per i minuscoli fili dell’impianto di migrare verso altre aree del cervello; e domande su se e come il dispositivo possa essere rimosso senza danneggiare il tessuto cerebrale.



Un anno dopo il rifiuto, Neuralink sta ancora risolvendo le preoccupazioni dell’agenzia. Tre membri dello staff hanno affermato di essere scettici sul fatto che la società possa risolvere rapidamente i problemi, nonostante  l’ultima previsione di Musk  in una presentazione del 30 novembre secondo cui la società avrebbe ottenuto l’approvazione della sperimentazione umana della FDA questa primavera.

Neuralink non ha rivelato i dettagli della sua domanda di prova, il rifiuto della FDA o l’entità delle preoccupazioni dell’agenzia. In quanto società privata non quotata in borsa, non è tenuta a divulgare tali interazioni normative agli investitori. Durante la presentazione di novembre, Musk ha affermato che la società ha presentato “la maggior parte dei documenti” all’agenzia, senza specificare alcuna domanda formale, e i funzionari di Neuralink hanno riconosciuto che la FDA ha posto domande sulla sicurezza di tali chip.

Un chip ideato per le persone bisognose

Nei commenti pubblici nel corso degli anni, Musk ha anticipato una visione audace per Neuralink: sia le persone disabili che quelle sane entreranno nelle strutture per un rapido inserimento chirurgico di dispositivi con funzioni che vanno dalla cura dell’obesità, dell’autismo, della depressione o della schizofrenia alla navigazione web e alla telepatia.

Alla fine, ha affermato Musk, tali chip trasformeranno gli umani in cyborg in grado di respingere la minaccia delle macchine senzienti alimentate dall’intelligenza artificiale.

Un backup dei ricordi?

Lo scorso 30 novembre Musk aveva detto: “Potrei far impiantare un dispositivo Neuralink in questo momento, e tu non lo sapresti nemmeno”. In un altro evento risalente al 2020 aveva affermato: “Sarai in grado di salvare e riprodurre i ricordi…. Il futuro sarà strano”. Tali ambizioni elevate hanno contribuito al valore stimato di Neuralink di oltre un miliardo di dollari, molto più alto rispetto ai suoi concorrenti, secondo quattro persone che hanno familiarità con la valutazione privata.

Al momento non se ne parla

Il rifiuto della FDA ha elencato dozzine di ciò che l’agenzia chiama “carenze” che l’azienda deve affrontare prima dei test sull’uomo, hanno detto cinque fonti di Neuralink. Hanno definito alcuni problemi relativamente minori.

Una seria preoccupazione della FDA riguardava la possibilità che i minuscoli fili del dispositivo, che trasportano gli elettrodi, potessero migrare verso altre aree del cervello. La società ha cercato di affrontare il problema attraverso test sugli animali usando dozzine di suini come cavie, hanno affermato tre fonti di Neuralink.

La migrazione dei fili può indurre infiammazione, compromettere la funzione in aree critiche del cervello e rompere i vasi sanguigni, ha affermato Victor Krauthamer, ex funzionario della FDA per tre decenni.

L’uomo vanta anche un passato ruolo come direttore ad interim dell’ufficio che esamina le richieste di sperimentazione umana per gli impianti cerebrali. Un problema di migrazione può anche erodere l’efficacia del dispositivo, portando al rischio di rimozione chirurgica, ha detto lui e altri esperti.

FONTE: CNBC

2