Nasa, satellite si disintegra al suo rientro nell’atmosfera terrestre. Era stato lanciato nel 1964

Il satellite della NASA Orbital Geophysical Observatory 1 (OGO 1) si è disintegrato al suo rientro nell'atmosfera terrestre durante lo scorso fine settimana. 

0
536

Esso era stato lanciato il 4 settembre 1964 da Cape Canaveral, in Florida. Sabato 29 agosto, come aveva previsto la Nasa, il satellite è rientrato alle 16:44 a circa 160 chilometri a sud-est di Tahiti.
La NASA aveva lanciato OGO-1 per studiare l’ambiente magnetico terrestre e il modo in cui il nostro pianeta interagisce con il Sole. Il satellite ha raccolto dati fino al 1969 e poi è stato ufficialmente disattivato nel 1971. Da allora ha vagato silenziosamente intorno alla Terra seguendo un’orbita altamente ellittica.

Le caratteristiche del satellite

OGO 1 era costituito da un corpo principale di forma parallelepipeda, due pannelli solari, ciascuno con un pacchetto di esperimenti orientati al sole (SOEP), due pacchetti di esperimenti sul piano orbitale (OPEP) e sei appendici da EP-1 a EP-6 che sostenevano il boom pacchetti di esperimenti. Una faccia del corpo principale è stata progettata per puntare verso la Terra (asse + Z) e la linea che collega i due pannelli solari (asse X) doveva essere perpendicolare al piano del veicolo spaziale Terra-Sole.
OGO 1 ha effettuato 20 esperimenti. Dodici di questi erano studi sulle particelle e due erano studi sul campo magnetico. Inoltre, c’era un esperimento per ciascuno dei seguenti tipi di studi: polvere interplanetaria, VLF, Lyman-alfa, gegenschein, massa atmosferica e radioastronomia.
Un sistema di telemetria speciale, alimentato da entrambe le antenne, è stato utilizzato anche per trasmettere dati a banda larga solo in tempo reale. Il monitoraggio è stato realizzato utilizzando radiofari e un transponder in banda S con portata e velocità di portata. A causa del fallimento del dispiegamento del braccio, la migliore modalità operativa per il sistema di gestione dei dati era l’uso di uno dei trasmettitori a banda larga e dell’antenna direzionale. Tutti i dati ricevuti dall’antenna omnidirezionale erano rumorosi.
Nel settembre 1964 furono ricevuti dati accettabili per oltre il 70% del percorso orbitale. Nel giugno 1969, l’acquisizione dei dati era limitata al 10% del percorso orbitale. Il veicolo spaziale è stato posto in uno stato di standby il 25 novembre 1969 e tutto il supporto è stato interrotto il 1 novembre 1971.

Il programma orbiting Geophysical Observatory

Il programma Orbiting Geophysical Observatory (OGO) della NASA era costituito da sei satelliti lanciati dagli Stati Uniti dal settembre 1964 al 1972, progettati per studiare la magnetosfera terrestre. I satelliti hanno studiato con successo le interazioni tra la Terra e il Sole, nonostante una serie di problemi tecnici. Ogni satellite aveva da 20 a 25 strumenti. OGO 1, OGO 3 e OGO 5 erano in orbite equatoriali; OGO 2, OGO 4 e OGO 6 erano in orbite polari inferiori.
fonte

2