Un metabolita naturale aumenta la durata della vita e diminuisce la morbilità in età avanzata nei topi

L'AKG è coinvolto in molti processi fisiologici fondamentali. Contribuisce al metabolismo, fornendo energia ai processi cellulari. Aiuta a stimolare la sintesi di collagene e proteine ​​e influenza i processi legati all'età, inclusa la proliferazione delle cellule staminali. Inoltre, inibisce la scomposizione delle proteine ​​nei muscoli, rendendolo un integratore popolare tra gli atleti. Inoltre è stato usato per trattare l'osteoporosi e le malattie renali.

3551

I topi di mezza età cui è stato aggiunto al cibo il metabolita naturale alfa-ketaglutarate (AKG) sembrano avere una “vecchiaia” migliore. Si sono rivelati più sani e hanno vissuto una vecchiaia come meno malattie e disabilità notevolmente più breve prima di morire. I risultati dello studio, effettuato in doppio cieco, pubblicato su Cell Metabolism, si sono basati su marcatori della salute clinicamente rilevanti.
Studi precedenti hanno dimostrato che i livelli plasmatici di AKG possono diminuire fino a 10 volte con l’avanzare dell’età. Il digiuno e l’esercizio, oltre a promuovere la longevità, aumentano la produzione di AKG che non si trova nella dieta normale. Inserire l’AKG nell’alimentazione come integratore si è però rivelato l’unico modo fattibile per ripristinarne i livelli.
Lo standard per misurare l’efficacia degli interventi nella ricerca sull’invecchiamento è misurato con l’effettivo miglioramento della durata della salute. Questo studio ci ha permesso di raggiungere questo obiettivo con un composto che è prodotto naturalmente dal corpo e che è generalmente dimostrato essere sicuro“, ha detto il professor Gordon Lithgow, autore principale dello studio.
Nello studio si è notato che alcuni dei topi hanno avuto un moderato allungamento della durata della vita (la media è stata di circa il 12%), mentre la durata della salute è aumentata di oltre il 40%. Insomma, vita leggermente più lunga ma con una vecchiaia molto più sana.
Secondo Lithgow, l’obiettivo di questi studi deve essere quello di ridurre la fase di vecchiaia in cui si devono contrastare malattia e fragilità. “Lo scenario da incubo è sempre stato l’estensione della vita senza riduzione della disabilità. In questo studio, i topi di mezza età trattati sono diventati più sani nel tempo. Anche i topi che sono morti presto hanno visto miglioramenti nella loro salute, il che è stato davvero sorprendente e incoraggiante“.
L’AKG è coinvolto in molti processi fisiologici fondamentali. Contribuisce al metabolismo, fornendo energia ai processi cellulari. Aiuta a stimolare la sintesi di collagene e proteine ​​e influenza i processi legati all’età, inclusa la proliferazione delle cellule staminali. Inoltre, inibisce la scomposizione delle proteine ​​nei muscoli, rendendolo un integratore popolare tra gli atleti. Inoltre è stato usato per trattare l’osteoporosi e le malattie renali.
I topi che sono stati nutriti con AKG hanno mostrato una diminuzione dei livelli di citochine infiammatorie sistemiche“, ha spiegato Azar Asadi Shahmirzadi, Pharm.D, Ph.D., borsista post-dottorato di Buck e scienziato capo dello studio. “Il trattamento con AKG ha promosso la produzione di interleuchina 10 (IL-10) che ha proprietà antinfiammatorie e aiuta a mantenere la normale omeostasi dei tessuti. L’infiammazione cronica è un enorme fattore di invecchiamento. Riteniamo che la soppressione dell’infiammazione potrebbe essere la base per l’estensione della durata della vita e probabilmente della salute, e non vediamo l’ora di ulteriori follow-up a questo riguardo”. Ha poi aggiunto: “Non abbiamo osservato effetti negativi significativi sulla somministrazione cronica del metabolita, il che è molto importante“.
Asadi sostiene che molti dei risultati dello studio sono specifici per sesso, con i topi femmine che generalmente se la cavano meglio dei maschi. Il colore della pelliccia e le condizioni del mantello sono notevolmente migliorate nelle femmine trattate; gli animali hanno anche riscontrato un miglioramento dell’andatura e della cifosi, una curvatura della colonna vertebrale spesso osservata con l’invecchiamento. Le femmine hanno anche visto miglioramenti nella piloerezione, che comporta la contrazione involontaria di piccoli muscoli alla base dei follicoli piliferi. “Questa misura si riferisce al dolore e al disagio dell’animale“, ha detto. “Gli animali trattati hanno mostrato una capacità estesa di pulirsi da soli“. Secondo Asadi, i topi maschi trattati con AKG hanno mantenuto integra la massa muscolare con l’invecchiamento, hanno avuto miglioramenti nell’andatura e nella forza, meno cifosi e hanno avuto meno tumori e una migliore salute degli occhi.
I ricercatori affermano che gli effetti costanti sulla longevità di AKG nel lievito, nel C. elegans e ora nei topi, mostrano che il metabolita influenza un meccanismo di invecchiamento evolutivo conservato che è probabile che sia traslazionale per l’uomo. Presso il Center for Healthy Longevity presso l’Università Nazionale di Singapore (NUS) è ​​in programma una sperimentazione clinica sull’AKG che coinvolge persone di età compresa tra 45 e 65 anni. “Questo studio esaminerà l’orologio epigenetico nonché i marcatori standard dell’invecchiamento“, ha affermato il professor Brian Kennedy, Ph.D. Buck, che è anche coautore senior dello studio. “Questa opportunità ci permetterà di andare oltre le prove aneddotiche. Dati clinici reali aiuteranno a informare medici e consumatori desiderosi di migliorare la salute nel contesto dell’invecchiamento“.
Lithgow afferma che la ricerca di base sul verme nematode C. elegans ha avviato gli studi clinici sull’uomo, osservando che la prima prova che l’AKG prolunga la durata della vita nel verme è arrivata nel 2014. “Abbiamo testato AKG in ceppi distinti del verme nel 2017 e abbiamo determinato che il trattamento ha colpito i percorsi di invecchiamento conservati negli animali. Il fatto che sia pronto per essere rigorosamente testato sugli esseri umani solo pochi anni dopo mostra quanto velocemente la ricerca può passare dal banco di laboratorio alla clinica. Non sottovalutare mai la conoscenza che deriva dallo studio di questo minuscolo verme“.
Fonte: MedicalXpress