Nasa, prosegue la mappatura del ghiaccio su Marte

La mappa potrebbe aiutare l’agenzia a decidere dove dovrebbero atterrare i primi astronauti su Marte

0
166
Marte

Il ghiaccio sepolto sarà un elemento fondamentale per i primi colonizzatori di Marte, in quanto potranno contare su acqua potabile e su un ingrediente per il carburante dei missili. Ma sarebbe anche un importante obiettivo scientifico: gli astronauti o i robot potranno un giorno perforare carote di ghiaccio proprio come fanno gli scienziati sulla Terra, scoprendo la storia climatica di Marte ed esplorando potenziali habitat (passati o presenti) per la vita microbica.

La necessità di cercare ghiaccio sul pianeta rosso è giustificata dal fatto che non può esistervi acqua liquida, in quanto evaporerebbe all’istante a causa dell’atmosfera molto sottile. 

Il ghiaccio su Marte

C’è molto ghiaccio ai poli marziani – per lo più fatto di acqua, sebbene si possa trovare anche anidride carbonica o ghiaccio secco – ma quelle regioni sono troppo fredde perché gli astronauti (o i robot) possano sopravvivere a lungo. È qui che entra in gioco il progetto Subsurface Water Ice Mapping, finanziato dalla NASA. SWIM, come è noto, ha recentemente pubblicato la sua quarta serie di mappe , la più dettagliata dall’inizio del progetto nel 2017.

Guidato dal Planetary Science Institute di Tucson, in Arizona, e gestito dal Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, SWIM raccoglie dati da diverse missioni della NASA, tra cui il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), 2001 Mars Odyssey e l’ ormai inattivo Mars Geometra globale. Utilizzando un mix di set di dati, gli scienziati hanno identificato i luoghi più probabili per trovare ghiaccio marziano a cui si potrebbe accedere dalla superficie nelle missioni future.

La scoperta da parte dei veicoli spaziali

Gli strumenti di questi veicoli spaziali hanno rilevato quelle che sembrano masse di acqua ghiacciata nel sottosuolo lungo le medie latitudini di Marte. Le medie latitudini settentrionali sono particolarmente attraenti perché hanno un’atmosfera più densa rispetto alla maggior parte delle altre regioni del pianeta, rendendo più facile rallentare un veicolo spaziale in discesa.



Il sito ideale per l’atterraggio degli astronauti sarebbe un punto ottimale all’estremità meridionale di questa regione, abbastanza a nord perché sia ​​presente ghiaccio, ma abbastanza vicino all’equatore per garantire le temperature più calde possibili per gli astronauti in una regione ghiacciata.

I primi uomini sul pianeta rosso

Sydney Do è project manager SWIM del JPL, l’esperto ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate dal portale della Nasa: “Se mandi gli umani su Marte, vorrai portarli il più vicino possibile all’equatore. Meno energia devi spendere per mantenere al caldo gli astronauti e le loro attrezzature di supporto, più ne avrai per altre cose di cui avranno bisogno”

La mappa può essere migliorata 

Le precedenti iterazioni della mappa si basavano su imager a bassa risoluzione, radar, mappatori termici e spettrometri, che possono tutti suggerire la presenza di ghiaccio sepolto ma non possono confermarne completamente la presenza o la quantità. Per quest’ultima mappa SWIM, gli scienziati si sono affidati a due telecamere ad alta risoluzione a bordo di MRO.

I dati della Context Camera sono stati utilizzati per perfezionare ulteriormente le mappe dell’emisfero settentrionale e, per la prima volta, i dati HiRISE (High-Resolution Imaging Science Experiment) sono stati incorporati per fornire la prospettiva più dettagliata della linea di confine del ghiaccio il più vicino possibile all’equatore.

Gli scienziati utilizzano abitualmente HiRISE per studiare nuovi crateri da impatto causati da meteoroidi che potrebbero aver scavato depositi di ghiaccio. La maggior parte di questi crateri non ha un diametro superiore a 10 metri, anche se nel 2022 HiRISE ha catturato un cratere da impatto largo 150 metri che ha rivelato un nucleo di ghiaccio nascosto sotto la superficie.

“Questi impatti che rivelano il ghiaccio forniscono una preziosa forma di verità sul terreno in quanto ci mostrano luoghi in cui la presenza di ghiaccio sul suolo è inequivocabile”, ha affermato Gareth Morgan, co-responsabile di SWIM presso il Planetary Science Institute. “Possiamo quindi utilizzare queste posizioni per verificare che i nostri metodi di mappatura siano validi”.

Fonte: NASA

2