4000 giorni di Curiosity su Marte

Quattromila giorni su Marte. Dopo aver messo le ruote nel cratere Gale il 5 agosto 2012, il rover Curiosity della NASA è ancora impegnato a condurre ricerche scientifiche entusiasmanti. Il rover ha recentemente perforato il suo 39esimo campione, quindi ha lasciato cadere la roccia polverizzata nel suo ventre per un’analisi dettagliata.

Per studiare se l’antico Marte avesse le condizioni per supportare la vita microbica, il rover ha gradualmente risalito la base del Monte Sharp, alto 5 chilometri, i cui strati si sono formati in diversi periodi della storia marziana e offrono un registrazione di come il clima del pianeta è cambiato nel tempo.

Il campione Sequoia

L’ultimo campione è stato raccolto da un obiettivo soprannominato “Sequoia” (tutti gli attuali obiettivi scientifici della missione prendono il nome da località della Sierra Nevada in California). Gli scienziati sperano che il campione riveli di più su come si sono evoluti il ​​clima e l’abitabilità di Marte quando questa regione si è arricchita di solfati, minerali che probabilmente si sono formati nell’acqua salata che stava evaporando quando Marte ha iniziato a prosciugarsi miliardi di anni fa. Alla fine, l’acqua liquida di Marte scomparve per sempre.

Vasavada: “I minerali ci aiutano a capire il pianeta Marte del passato

Ashwin Vasavada è uno scienziato attualmente attivo nel progetto Curiosity presso il Jet Propulsion Laboratory della Nasa, nel sud della California, che guida la missione. L’esperto ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da PHYS.ORG: “I tipi di minerali solfati e carbonati che gli strumenti di Curiosity hanno identificato nell’ultimo anno ci aiutano a capire com’era Marte tanto tempo fa. Anticipiamo questi risultati da decenni, e ora Sequoia ci dirà ancora di più”.

Decifrare gli indizi sull’antico clima di Marte richiede un lavoro investigativo. In un recente articolo pubblicato sul Journal of Geophysical Research: Planets, i membri del team hanno utilizzato i dati dello strumento Chemistry and Mineralogy (CheMin) di Curiosity per scoprire un minerale solfato di magnesio chiamato starkeyite, che è associato a climi particolarmente secchi come il clima moderno di Marte.

Il team ritiene che dopo che i minerali solfati si formarono per la prima volta nell’acqua salata che stava evaporando miliardi di anni fa, questi minerali si trasformarono in starkeyite mentre il clima continuava a seccarsi fino al suo stato attuale. Scoperte come questa migliorano la comprensione degli scienziati su come si è formato il pianeta Marte che conosciamo.

Curiosity: un comportamento stoico il suo

Nonostante abbia percorso quasi 32 chilometri attraverso un ambiente estremamente freddo, immerso nella polvere e nelle radiazioni dal 2012, Curiosity rimane operativo, pur con qualche acciacco. Gli ingegneri stanno attualmente lavorando per risolvere un problema con uno dei principali “occhi” del rover: la fotocamera sinistra da 34 mm di lunghezza focale dello strumento Mast Camera (Mastcam).

Oltre a fornire immagini a colori dei dintorni di Curiosity, ciascuna delle due telecamere di Mastcam aiuta gli scienziati a determinare da lontano la composizione delle rocce in base alle lunghezze d’onda della luce, o spettri, che riflettono in diversi colori.

Per fare ciò, Mastcam si affida a filtri disposti su una ruota che gira sotto l’obiettivo di ciascuna fotocamera. Dal 19 settembre, la ruota dei filtri della telecamera sinistra è rimasta bloccata tra le posizioni dei filtri, i cui effetti possono essere visti sulle immagini grezze (non elaborate) della missione. Se non sarà possibile riposizionarla correttamente, la missione si affiderà alla Mastcam destra con lunghezza focale di 100 mm ad alta risoluzione come sistema di imaging a colori primario. Purtroppo, il modo in cui il team esplora gli obiettivi scientifici e i percorsi del rover ne verrà influenzato: la fotocamera destra dovrà scattare nove volte più immagini di quella sinistra per coprire la stessa area.I ricercatori avranno anche una ridotta capacità di osservare da lontano gli spettri cromatici dettagliati delle rocce.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

In Tendenza

Simulatori quantistici: centri di spin aprono nuove frontiere

I ricercatori della UC Riverside hanno sviluppato simulatori quantistici...

Offerte Amazon: piastre per capelli super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Perseidi: potrai ammirarle nelle notti dell’11 e del 12 agosto 2024

Il miglior spettacolo di meteore dell'estate si verificherà durante...

Starliner: gli astronauti non sono in pericolo

I due astronauti della NASA che a giugno 2024...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Articoli correlati

Popular Categories