14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeEsplorazione SpazialeIl mondo alieno più vicino potrebbe avere oceani come la Terra

Il mondo alieno più vicino potrebbe avere oceani come la Terra

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il mondo alieno più vicino al nostro sistema solare potrebbe avere oceani delle dimensioni di quelli della Terra. L’abitabilità dei pianeti rocciosi delle dimensioni della Terra dipende da diversi fattori, tra cui la loro composizione chimica e la struttura interna. Questi, insieme alla distanza del pianeta e al carattere della sua stella ospite, modellano fondamentalmente le condizioni della superficie a lungo termine. Non solo nel nostro vicinato, ma anche per i pianeti oltre il nostro sistema solare.

E il sistema stellare più vicino alla Terra, che probabilmente ospita almeno un pianeta roccioso nella sua zona abitabile, potrebbe avere “una capacità di immagazzinamento d’acqua equivalente” alla Terra, secondo un recente studio condiviso su un server di prestampa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le condizioni per la vita aliena potrebbero essere più vicine di quanto pensassimo.

Il mondo alieno più vicino potrebbe essere come la Terra primitiva

L’autore principale dello studio Haiyang S. Wang, che è anche ricercatore post-dottorato nell’Exoplanets Habitability Group dell’ETH di Zurigo, ha lavorato con diversi altri scienziati per utilizzare un modello che studia indirettamente la composizione dei pianeti rocciosi, ma analizzando le condizioni del loro ospite stella. Questo metodo è stato applicato alle stelle simili al sole più vicine: Alpha Centauri A e B, che insieme a Proxima Centauri formano una triade di stelle.

Stimare la composizione di massa di eventuali pianeti rocciosi simili alla Terra posizionati nella zona abitabile di Alpha Centauri. Ulteriori modelli da qui rivelano come potrebbero essere gli interni e le prime atmosfere di questi pianeti. E i ricercatori hanno scoperto che, rispetto alla Terra, un pianeta situato nella zona abitabile del sistema Alpha Centauri probabilmente ha “un mantello primitivo ridotto che è dominato allo stesso modo da silicati, sebbene arricchito in specie contenenti carbonio”, come la grafite e il diamante sulla Terra.

È probabile che anche i pianeti in orbita attorno al sistema Alpha Centauri a distanza di sicurezza dalle loro stelle ospiti, ospitino un nucleo di ferro leggermente più grande di quello terrestre e all’incirca la stessa capacità d’acqua. Ma potrebbe essere troppo presto per vivere lì. Secondo lo studio, i pianeti probabilmente hanno un’atmosfera molto simile ai primi giorni della Terra, in un’era chiamata “Terra Archea”, da circa 4.000 a 2.500 milioni di anni fa.

Nell’antica storia del nostro pianeta, questo era un periodo in cui la superficie si era raffreddata, quando i continenti cominciavano a formarsi e apparivano i primi segni di vita primitiva. Mentre c’era acqua liquida in questa fase sulla Terra, potrebbe essere stata molto acida e l’atmosfera era gravemente carente di ossigeno libero.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un mondo alieno vicino potrebbe essere più amichevole alla vita di Marte

Inoltre, mentre sia Alpha Centauri A che B sono simili al sole sotto molti aspetti, le loro metallicità sono circa il 72% più alte del nostro sole, il che potrebbe modificare il processo di condensazione ed evaporazione su un pianeta roccioso nella loro zona abitabile. Nel febbraio di quest’anno, gli astronomi hanno individuato segni di un pianeta potenzialmente in grado di sostenere la vita in orbita attorno al sistema Alpha Centauri, in particolare, più vicino ad Alpha Centauri A. A circa 4,37 anni luce di distanza, lo studio più recente di Wang e colleghi ci aiuta a stimare meglio le condizioni attuali sui pianeti rocciosi, come quello sospettato di risiedere nel sistema stellare più vicino.

Tuttavia, Wang ritiene che siano necessarie ulteriori ricerche per determinare come le differenze tra Alpha Centauri A e B e il nostro sole potrebbero influenzare l’evoluzione di un pianeta roccioso prima che si possa dire di più sull’abitabilità di qualsiasi pianeta simile alla Terra. Ma, anche con oceani acidi e senza aria libera, un pianeta come quello sopra descritto potrebbe essere molto più amichevole per gli insediamenti umani di Marte. Dobbiamo solo trovare un modo per raggiungerlo entro una singola vita umana.

Articoli più letti