Mobili e riparazioni: tutto quello serve ad un artigiano specializzato

A prescindere dal tipo di lavoro, è bene comunque rivolgersi ad un vero professionista, con una comprovata esperienza nel settore. E’ importante orientare la propria scelta verso un artigiano in grado di selezionare solo le componenti migliori, per ogni tipo di intervento, dal momento che non tutte si adattano al supporto o al materiale a disposizione

0
479

C’è chi ha reso il “fai da te” un vero e proprio stile di vita, quasi una vocazione, e certamente l’unico modo per eseguire riparazioni in casa, piccoli lavori di manutenzione e anche, perché no, costruire mobili o complementi d’arredo unici e originali.

Ma se sei tra coloro i quali non hanno alcuna intenzione di avere una cassetta degli attrezzi in casa, e ti rivolgi sempre e comunque ad un artigiano, per qualsiasi tipo di riparazione, o per la creazione di complementi d’arredo e manufatti in generale, allora è bene scegliere uno specialista che conosca nel dettaglio quelle che sono le componenti indispensabili per ogni tipo di lavoro, che si tratti della creazione del tavolino da caffè da posizionare davanti al divano, oppure della riparazione dell’anta di uno dei pensili della cucina.

Viti, bulloni, rondelle

A prescindere dal tipo di lavoro, è bene comunque rivolgersi ad un vero professionista, con una comprovata esperienza nel settore. E’ importante orientare la propria scelta verso un artigiano in grado di selezionare solo le componenti migliori, per ogni tipo di intervento, dal momento che non tutte si adattano al supporto o al materiale a disposizione.

Se decidi, ad esempio, di contattare un falegname, per far costruire una scaffalatura in legno, sarà necessario che egli adoperi solo viti autofilettanti specifiche, come quelle a testa svasata, in modo che possano penetrare agevolmente all’interno di questo materiale, particolarmente morbido, e che non necessiterà di una foratura precedente, atta ad accogliere la vite. Ci sarà bisogno, poi, anche di una serie di barre filettate, che riescano a tenere insieme i diversi listelli che compongono il mobile, e di un seghetto per il ferro, per tagliare la parte in eccesso, che fuoriesce all’esterno.

Per conoscere tutti i tipi di barra filettata ed elementi di fissaggio, clicca qui e scopri come ogni componente si adatti al diverso tipo di legno, al fine di ottenere una resistenza che sia in grado di durare nel tempo.



Nuovi elementi da aggiungere al guardaroba

Vuoi fare una sorpresa alla tua dolce metà, ma non vuoi essere banale? Ecco giunto il momento di aggiungere un nuovo elemento al tuo armadio, così da mettere a disposizione per lei uno spazio a disposizione per i suoi vestiti e gli accessori. In questo caso, le opzioni che il falegname proporrà sono due: fissare delle barre di ferro alle due estremità dell’armadio, per fare spazio alle nuove stampelle, oppure liberare una sezione dai tuoi vestiti, e chiuderla con un’anta, fissata con delle cerniere che permettano di aprirla e chiuderla.

Quello che servirà sono, ancora una volta, barre filettate con i dadi o le rondelle, un trapano e un avvitatore. In questo caso, che tu scelga l’applicazione delle aste in ferro, oppure la creazione di un’anta a chiusura, sarà necessario comunque praticare un foro per dare in modo alla barra filettata di scorrere, e poi fissarla a sua volta con il dado, o la rondella corrispondente.

Qualunque sia il tipo di lavoro richiesto, è sempre meglio portarlo a termine scegliendo un tecnico specializzato, provvisto di tutti gli attrezzi giusti e degli elementi adatti ad ogni tipo di materiale, per un risultato di sicuro effetto, ma anche duraturo nel tempo.

2