Immagini con misteriose figure dalle teste enormi trovate in Tanzania

Nel 2018, gli archeologi hanno fatto una scoperta sconcertante nella Swaga Swaga Game Reserve, nella Tanzania centrale: 52 rifugi rocciosi precedentemente non documentati, deliberatamente dipinti con arte rupestre. Gli agenti atmosferici li avevano quasi distrutti tutti tranne una manciata; ma di quelli conservati, uno era un enigma assoluto.

Il sito, chiamato Amak’hee 4, è stato riccamente dipinto con un fregio di arte figurativa, tra cui tre misteriose figure antropomorfe con teste estremamente sovradimensionate.

Questi potrebbero essere, secondo l’archeologo Maciej Grzelczyk dell’Università Jagellonica in Polonia, un indizio per capire altre simili figure potrebbero essere trovate in altri pannelli di arte rupestre.

È difficile datare il pannello Amak’hee 4 ma potrebbe risalire ad almeno qualche migliaio di anni.

Il pannello è dipinto quasi interamente con pigmento rosso, ad eccezione di cinque figure in bianco. Gli agenti atmosferici su questo pigmento e l’assenza di animali domestici suggeriscono che sia piuttosto antico, risalente all’epoca delle società di cacciatori-raccoglitori della regione.
arte rock
(M. Grzelczyk, Antichità, 2021)

Sul pannello sono raffigurati animali che sembrano somigliare a gnu, eland, bufali e persino una giraffa, oltre a un’infarinatura di figure dall’aspetto umano con grandi teste. Ma un gruppo si distingue.

Particolarmente degna di nota tra i dipinti di Amak’hee 4 è una scena incentrata su tre immagini“, ha scritto Grzelczyk nel suo articolo, pubblicato nel 2021. “In questo trio, le figure sembrano rappresentare teste di bufalo stilizzate. Queste forme ricordano l’avvallamento centrale nel profilo della testa di bufalo da dove si alzano le due corna e poi si curvano verso l’esterno dalla testa, così come le orecchie rivolte verso il basso“.

comp
(M. Grzelczyk, Antichità, 2021)

La cultura del popolo Sandawe, che discende da coloro che abitavano la regione, non include motivi di persone con la testa di bufalo o persone che possono trasformarsi in bufali (o viceversa), quindi le immagini potrebbero raffigurare qualcos’altro ma, osserva Grzelczyk, le corna di bufalo svolgono un ruolo significativo in alcuni rituali Sandawe.

Correlato: Il mistero dei Dogon

Qualunque cosa rappresentino, le strane figure non sono senza precedenti. Non lontano da Amak’hee 4, in particolare, nella regione di Kondoa in Tanzania centrale, due dipinti rinvenuti in rifugi rocciosi hanno una forte somiglianza con l’immagine oggetto di questo articolo.

Nel sito Kolo B2 sono raffigurate tre figure in piedi insieme. A Kolo B1, tre figure sono raffigurate orizzontalmente, sebbene distese a terra.

più fichi
(M. Grzelczyk, Antichità , 2021)

Tutti e tre i siti mostrano figure simili, con teste grandi, anche se le figure di Kolo sfoggiano un motivo a strisce, interpretato come un copricapo (altre figure di Kondoa sono interpretate come aventi acconciature elaborate).

In tutti e tre i siti, le figure sono collegate da una linea che attraversa la loro sezione centrale. E tutti e tre hanno disposizioni e direzioni simili delle mani e delle braccia. Amak’hee 4 presenta alcune differenze importanti. Le teste sembrano riempite di colore solido e sembrano molto più importanti per l’azione che le circonda.

Le figure di Amak’hee 4 sono notevolmente più grandi di quelle di Kolo e rendono questo motivo principale un punto focale centrale attorno al quale sembra svolgersi il resto della narrazione. Al contrario, le immagini di Kolo sono rappresentazioni isolate, senza chiaro collegamento con il resto dei dipinti“, ha scritto Grzelczyk.

A Kondoa, alcuni dei siti di arte rupestre sono ancora utilizzati dai Sandawe per una serie di attività rituali. I siti recentemente documentati sono noti anche alle comunità locali, quindi è possibile che possano far luce sul significato delle figure misteriose. Nel frattempo, gli archeologi continueranno il lavoro di documentazione dei siti in modo che possano essere aggiunti ai documenti pubblicati.

L’articolo è stato pubblicato in Antiquity.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Articoli correlati

Popular Categories