15.7 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeTecnologiaI missili antimissile Patriot

I missili antimissile Patriot

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Negli ultimi giorni gli Stati Uniti hanno assicurato all’Ucraina la fornitura di sistemi per difesa area e antimissile a lungo raggio, probabilmente si tratta di batterie di missili Patriot, ben collaudati per la difesa antimissile.

Il Patriot (MIM-104) è un sistema di difesa aerea a lungo raggio, per tutte le quote e per tutte le stagioni per contrastare missili balistici tattici, missili da crociera e velivoli avanzati. È prodotto da Raytheon in Massachusetts e Lockheed Martin Missiles e Fire Control in Florida.

Le forze statunitensi hanno schierato i sistemi missilistici Patriot durante il conflitto in Iraq del 2003. I sistemi erano di stanza in Kuwait e hanno distrutto una serie di missili terra-superficie ostili utilizzando la nuova capacità avanzata Patriot-3 (PAC-3) e missili avanzati di guida.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD) ha approvato il dispiegamento di forze aggiuntive e una gamma di sistemi militari tra cui due batterie di missili Patriot e un Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) in Arabia Saudita nell’ottobre 2019. Il dispiegamento è avvenuto in risposta a un attacco di droni agli impianti petroliferi gestiti dalla compagnia petrolifera statale Saudi Aramco in Arabia Saudita nel settembre 2019.

Aggiornamento del missile avanzato di guida (GEM-T).

Il missile Patriot è dotato di un sistema di guida track-via-missile (TVM). I comandi di correzione a metà rotta vengono trasmessi al sistema di guida dal centro di controllo dell’innesto mobile.

Il sistema di acquisizione del bersaglio nel missile acquisisce il bersaglio nella fase terminale del volo e trasmette i dati utilizzando il downlink TVM tramite il radar di terra alla stazione di controllo dell’ingaggio per i calcoli finali della correzione di rotta. I comandi di correzione della rotta vengono trasmessi al missile tramite l’uplink del comando di traccia del missile. La testata ad alto potenziale esplosivo da 90 kg si trova dietro la sezione di guida del terminale.

Il missile ha una portata di 70 km e un’altitudine massima superiore a 24 km. Il tempo minimo di volo è inferiore a nove secondi mentre il massimo è di tre minuti e mezzo.

Raytheon ha sviluppato il missile Patriot a guida avanzata (GEM-T), un aggiornamento del missile PAC-2. L’aggiornamento ha comportato una nuova miccia e l’inserimento di un nuovo oscillatore a basso rumore, che ha aumentato la sensibilità del cercatore ai bersagli a bassa sezione trasversale del radar.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il missile GEM-T fornisce una capacità potenziata per sconfiggere i missili da crociera e balistici, come complemento del missile PAC-3. I primi corpi superiori di aggiornamento sono stati consegnati all’esercito degli Stati Uniti nel novembre 2002.

Entro settembre 2010, un totale di 1.000 missili Patriot era stato aggiornato per l’esercito degli Stati Uniti.

Nell’aprile 2011, il comando missilistico e dell’aviazione dell’esercito americano ha assegnato a Raytheon un contratto da 58,3 milioni di dollari per aggiornare 131 missili PAC-2 alla configurazione del missile GEM-T.

La Corea del Sud ha ordinato 64 kit di aggiornamento GEM-T nel luglio 2008.

Missile a capacità avanzata Patriot (PAC-3).

Il nuovo missile PAC-3 ha una maggiore efficacia contro i missili balistici tattici e da crociera attraverso l’uso della tecnologia avanzata hit-to-kill. Lockheed Martin è l’appaltatore principale, con Raytheon come integratore di sistemi. Il PAC-3 ha un cercatore d’onda millimetrica in banda Ka sviluppato da Boeing.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il sistema di guida missilistica consente la distruzione del bersaglio attraverso l’energia cinetica rilasciata colpendo frontalmente il bersaglio. 16 missili PAC-3 possono essere caricati su un lanciatore, rispetto a quattro missili PAC-2.

Il PAC-3 è entrato in produzione iniziale a basso tasso (LRIP) alla fine del 1999 e i primi missili di produzione LRIP, raggiungendo un totale di 92, sono stati consegnati nel settembre 2001. Un contratto per 88 missili è stato stipulato nel dicembre 2002 e un altro per 12 a marzo 2003.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il missile è stato schierato per la prima volta durante il conflitto in Iraq nel marzo/aprile 2003. Nel febbraio 2004, la Lockheed Martin si è aggiudicata un contratto di produzione per 159 missili PAC-3, che includevano 22 missili per sostituire quelli spesi in Iraq. Le consegne si sono concluse entro aprile 2006.

Un ulteriore contratto per 156 missili è stato ricevuto nel febbraio 2005. Circa 32 di questi missili erano per i Paesi Bassi e 16 per il Giappone, in base ad accordi di vendita militare estero (FMS). I Paesi Bassi hanno ricevuto i primi missili PAC-3 nell’ottobre 2007. L’esercito degli Stati Uniti ha ordinato 112 missili nel maggio 2006 e altri 112 missili nel marzo 2007.

Lockheed Martin si è aggiudicata un contratto nel gennaio 2007 per la riduzione del rischio / definizione del concetto di un programma per un sistema missilistico Patriot PAC-3 lanciato dall’aria. Il caccia F-15C è stato il primo aereo ad essere dotato del sistema.

Nel dicembre 2007, gli Emirati Arabi Uniti hanno richiesto l’FMS del sistema Patriot, inclusi nove lanciatori Patriot, 288 missili PAC-3 e 216 missili Patriot GEM-T. Il contratto è stato aggiudicato nel dicembre 2008.

Il Kuwait ha anche richiesto 80 missili PAC-3 e 60 kit di aggiornamento GEM-T e nel luglio 2008 è stato stipulato un contratto per i primi sei kit di aggiornamento.

Nell’aprile 2008, Taiwan ha ordinato una serie di kit di aggiornamento PAC-3. Ha anche richiesto la vendita di 330 missili PAC-3 nell’ottobre 2008.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato la possibile vendita di attrezzature e servizi per un valore di 100 milioni di dollari per aiutare Taiwan a mantenere e migliorare il sistema di difesa aerea Patriot esistente nel febbraio 2022. Raytheon e Lockheed Martin sono stati nominati appaltatori principali per il programma quinquennale.

L’esercito degli Stati Uniti ha stipulato diversi contratti per un totale di 921 milioni di dollari nel gennaio 2012 per i missili PAC-3 e i sistemi associati. Nel gennaio 2013 è stato stipulato un contratto da 755 milioni di dollari per 168 missili PAC-3, 27 kit di modifica del lanciatore e relative apparecchiature e servizi.

La Corea del Sud ha richiesto un possibile FMS da 404 milioni di dollari di 112 missili Patriot, che sono stati successivamente aggiornati alla configurazione GEM-T nell’ottobre 2013.

Nell’aprile 2014, l’US Army Aviation and Missile Command ha assegnato alla Lockheed Martin un contratto da 611 milioni di dollari per la produzione dei primi missili PAC-3 con kit di modifica del lanciatore.

L’US Army Aviation and Missile Command ha stipulato un contratto da 212 milioni di dollari con Lockheed Martin per fornire servizi di manutenzione e sorveglianza del PAC-3 agli Stati Uniti e ai clienti internazionali nel luglio 2014.

Nell’ottobre 2014, Lockheed Martin è stata selezionata dal governo del Qatar per produrre missili PAC-3 e sistema di lancio di comando per l’aeronautica militare del Qatar. Nello stesso mese, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato un possibile FMS di 202 sistemi di difesa aerea Patriot con potenziamento PAC-3 e attrezzature di supporto per il Regno dell’Arabia Saudita a un costo stimato di 1,75 miliardi di dollari.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato un possibile FMS di missili PAC-3 e attrezzature di supporto alla Corea del Sud per un costo stimato di 1,40 miliardi di dollari nel novembre 2014.

Gli Stati Uniti e le forze militari alleate hanno assegnato un contratto da 1,5 miliardi di dollari a luglio 2015 e un contratto da 1,1 miliardi di dollari a dicembre 2015 per la produzione e la consegna di missili PAC-3 e PAC-3 per il miglioramento del segmento missilistico (MSE).

Lockheed Martin ha ricevuto un contratto da 1,45 miliardi di dollari dagli Stati Uniti e dalle forze militari alleate per la produzione e la consegna di missili PAC-3 e PAC-3 MSE nel dicembre 2016.

Due contratti del valore di $ 944 milioni e $ 524 milioni sono stati assegnati dal governo degli Stati Uniti a dicembre 2017 e febbraio 2018 rispettivamente per gli intercettori MSE PAC-3 e PAC-3.

Lockheed Martin ha ricevuto un contratto di modifica da 506,9 milioni di dollari dal Comando contraente dell’esercito degli Stati Uniti, Redstone Arsenal, per la produzione di missili PAC-3 nel marzo 2019.

Miglioramento del segmento missilistico PAC-3 (MSE)

Il PAC-3 MSE fa parte di uno sviluppo a spirale intrapreso da Lockheed Martin.

La maggiore portata MSE conferisce al missile un motore a razzo più potente per una maggiore spinta e alette più grandi per una maggiore manovrabilità contro missili balistici e da crociera più veloci e sofisticati. L’MSE ha iniziato i test di volo nel maggio 2008.

Il PAC-3 MSE è l’intercettore di base per il sistema multinazionale di difesa aerea medio esteso (MEADS) in base a un contratto stipulato nel febbraio 2008. Il missile è stato lanciato utilizzando il sistema Patriot nel maggio 2011. Lockheed Martin si è aggiudicata un contratto da 68,9 milioni di dollari in Luglio 2012 per preparare la linea di produzione PAC-3 per il missile PAC-3 MSE.

Nel dicembre 2012, il PAC-3 MSE ha distrutto un bersaglio di un missile balistico tattico (TBM) a White Sands Missile Range nel New Mexico, negli Stati Uniti.

Il comando dell’aviazione e dei missili dell’esercito americano ha assegnato una modifica del contratto da 308 milioni di dollari alla Lockheed Martin per hardware e servizi associati al programma del segmento missilistico PAC-3 nell’agosto 2013.

Lockheed Martin ha ricevuto il primo ordine di produzione del valore di 611 milioni di dollari dall’esercito degli Stati Uniti per i missili PAC-3 MSE nell’aprile 2014. Il primo intercettore in base al contratto è stato consegnato all’esercito degli Stati Uniti nell’ottobre 2015.

Il PAC-3 MSE ha raggiunto la capacità operativa iniziale nell’agosto 2016 ed è entrato nella fase di produzione a pieno regime nel novembre 2017.

Gli aggiornamenti dei componenti software e hardware dell’intercettore sono stati convalidati con successo durante i test di volo nell’agosto 2021, il PAC-3 MSE ha intercettato un bersaglio di un missile balistico tattico durante i test.

Un contratto da 94,2 milioni di dollari è stato assegnato a Lockheed Martin dall’esercito degli Stati Uniti per fornire assistenza tecnica per il segmento missilistico PAC-3 nel novembre 2021. Supporterà i sistemi Patriot utilizzati dall’esercito degli Stati Uniti, Kuwait, Polonia, Svezia, Romania, Emirati Arabi Uniti , Corea del Sud, Taiwan, Arabia Saudita, Qatar e Bahrain.

Lockheed Martin ha completato la produzione del millesimo intercettore PAC-3 MSE nel novembre 2021. Un’espansione di 85.000 piedi² nello stabilimento dell’azienda di Camden, in Arkansas, sosterrà i suoi piani per espandere la produzione annuale dei PAC-3 MSE entro il 2024. È dovrebbe diventare operativo nel secondo trimestre (Q2) del 2022.

L’integrazione del PAC-3 MSE con l’Integrated Air and Missile Defense Battle Command System (IBCS) dell’esercito americano è stata dimostrata con successo durante i test di volo nel novembre 2021.

Stazione di lancio M901

La stazione di lancio M901 trasporta, punta e lancia il missile Patriot. Ogni lanciatore ha quattro missili. Il lanciatore è azionato a distanza tramite un collegamento dati ad altissima frequenza (VHF) o in fibra ottica dalla stazione di controllo dell’ingaggio, che fornisce sia i dati pre-lancio del missile che il segnale di comando di fuoco.

Stazione di controllo dell’innesto

La stazione di controllo AN/MSQ-104 x è l’unica stazione presidiata in un’unità dei vigili del fuoco Patriot. La stazione di controllo comunica con le stazioni di lancio dell’M901, altre batterie Patriot e il quartier generale del comando superiore.

La stazione di controllo è presidiata da tre operatori che utilizzano due console e una stazione di comunicazione con tre terminali a relè radio. Il computer di controllo dell’arma digitale si trova accanto ai terminali di collegamento dati VHF.

Modern Man Stations (MMS) è un aggiornamento del sistema di comando e controllo Patriot. Fornisce un’interfaccia utente grafica a colori insieme a display LCD.

Radar del sistema di difesa aerea Patriot

Il radar phased-array AN/MPQ-53 svolge funzioni di ricerca, rilevamento di bersagli, tracciamento e identificazione, tracciamento e guida di missili e funzioni di contromisurazione elettronica (ECCM). Il radar è montato su un rimorchio ed è controllato automaticamente dal computer di controllo delle armi digitali nella stazione di controllo dell’ingaggio tramite un collegamento via cavo.

Il sistema radar ha una portata fino a 100 km, la capacità di tracciare fino a 100 bersagli e può fornire dati di guida missilistica per un massimo di nove missili.

Raytheon sta aggiornando i radar Patriot dell’esercito americano. I kit di aggiornamento forniscono una maggiore potenza per il radar e l’aggiunta di capacità a banda larga per una migliore discriminazione del bersaglio.

L’aggancio del bersaglio può essere effettuato in modalità manuale, semiautomatica o automatica. Quando è stata presa la decisione di ingaggiare il bersaglio, la stazione di controllo dell’ingaggio seleziona la stazione o le stazioni di lancio e i dati pre-lancio vengono trasmessi al missile selezionato. Dopo il lancio, il missile Patriot viene acquisito dal radar.

L’uplink di comando e il downlink TVM consentono di monitorare il volo del missile e forniscono comandi di guida missilistica dal computer di controllo dell’arma. Quando il missile si avvicina al bersaglio, il sistema di guida TVM viene attivato e il missile viene guidato verso il bersaglio. Una miccia di prossimità fa esplodere la testata ad alto potenziale esplosivo.

Articoli più letti