Microfossili di batteri primordiali trovati in rocce di 3,4 miliardi di anni fa

I microfossili appena scoperti di circa 3,42 miliardi di anni sono la prova più antica di un particolare tipo di vita dei microbi con metabolismo basato sul metano

I microfossili appena scoperti di circa 3,42 miliardi di anni sono la prova più antica di un particolare tipo di vita di batteri con metabolismo basato sul metano – e potrebbero aiutarci a capire come è iniziata la vita, sia sulla Terra che più lontano nell’Universo.

Queste forme di vita sarebbero esistite originariamente appena sotto il fondo marino in tasche di una ricca zuppa liquida, creata dalla miscelazione di acqua di mare più fredda dall’alto e dei fluidi idrotermali più caldi che uscivano dalle profondità.

I nuovi risultati potrebbero rispondere ad alcune delle domande su come e dove la vita iniziò per la prima volta durante l’era paleoarchea (3,2-3,6 miliardi di anni fa), o se microrganismi indigeni come questi fossero in giro ancora prima nella storia della Terra.

Abbiamo trovato prove eccezionalmente ben conservate di microbi fossilizzati che sembrano essere fioriti lungo le pareti di cavità create dall’acqua calda dei sistemi idrotermali a pochi metri sotto il fondo marino“, racconta la paleontologa Barbara Cavalazzi dell’Università di Bologna.

I microfossili ci raccontano la storia della vita

È probabile che gli habitat sotto-superficie, riscaldati dall’attività vulcanica, abbiano ospitato alcuni dei primi ecosistemi microbici della Terra e questo è l’esempio più antico che abbiamo trovato fino ad oggi“.

Le rocce che tengono i fossili sono state raccolte dalla Cintura di Barberton Greenstone in Sudafrica, vicino al confine con Eswatini e mozambico – un luogo dove si possono trovare alcune delle rocce sedimentarie più antiche e ben conservate dell’intero pianeta.

L’analisi del sedimento recuperato ha mostrato microfossili con un rivestimento esterno ricco di carbonio attorno a un nucleo che era sia chimicamente che strutturalmente distinto, indicando microrganismi con materiale cellulare avvolto da una parete o membrana.

Ulteriori studi hanno rivelato la maggior parte dei principali elementi chimici necessari per la vita, oltre ad altre prove a sostegno del fatto che questi microfossili erano una volta microbi: concentrazioni di nichel simili a quelle trovate nei moderni archea procarioti, microbi che usano metano piuttosto che ossigeno come facevano i loro lontani antenati.

Anche se sappiamo che gli archei procarioti possono essere fossilizzati, abbiamo esempi diretti estremamente limitati“, afferma Cavalazzi. “I nostri ritrovamenti potrebbero estendere la registrazione dei fossili di archea per la prima volta nell’era in cui la vita emerse per la prima volta sulla Terra“.

Gli scienziati continuano a fare progressi nel capire come è iniziata la vita sulla Terra – e come l’inorganico è diventato organico – forse attraverso l’aiuto di un miliardo di anni di fulmini – o eruzioni da bocche idrotermali – ma ancora non sappiamo esattamente cosa sia successo e in che ordine.

Questo forse non è sorprendente, considerando quanto sia difficile studiare cosa è accaduto miliardi di anni fa, ma quest’ultima ricerca suggerisce che i sistemi idrotermali sottomarini potrebbero essere importanti nella creazione della vita come alcuni scienziati hanno precedentemente ipotizzato.

Comprendere meglio le condizioni che la vita richiede e i parametri in cui può lavorare sarà utile, non solo per tracciare le origini della vita sulla Terra, ma anche per cercarla su altri pianeti.

“Poiché troviamo anche ambienti simili su Marte, lo studio ha anche implicazioni per l’astrobiologia e le possibilità di trovare vita oltre la Terra”, afferma Cavalazzi.

La ricerca è stata pubblicata su Science Advances.

Articoli più letti

Related articles