Megalosaurus: il 1° dinosauro descritto scientificamente

William Buckland, nel 1824, ha descritto per le prima volta il megalosaurus, grazie ad alcuni resti fossili rinvenuti ad Oxford

0
1924
Megalosaurus: il 1° dinosauro descritto scientificamente
Megalosaurus: il 1° dinosauro descritto scientificamente

Nel 1824, William Buckland, il primo Professore di geologia dell’Università di Oxford, ha descritto e dato un nome, megalosaurus, al primo dinosauro conosciuto, basandosi su una mascella inferiore, vertebre e ossa degli arti trovati in quelle cave locali. L’osso della coscia più grande era lungo circa 82 cm e aveva una circonferenza di 25 cm circa.

Megalosaurus

In un mondo in cui evoluzione ed estinzione sono stati concetti per lungo tempo sconosciuti, gli esperti dell’epoca hanno cercato una spiegazione. Forse hanno pensato che quei resti fossero appartenuti a un elefante da guerra romano o addirittura a un gigante umano.

Il rinvenimento dei resti del primo megalosaurus ha aperto nuove frontiere della paleontologia

Buckland ha battezzato la creatura di cui aveva analizzato i resti Megalosaurus, ovvero “grande lucertola“, in un articolo scientifico che ha successivamente presentato alla neonata Geological Society di Londra il 20 febbraio 1824.

Dalla forma dei suoi denti, ha ritenuto che fosse un carnivoro lungo 12 metri e con “la mole di un elefante”. Buckland ha ipotizzato che fosse probabilmente un animale anfibio, che viveva parzialmente nella terra e nell’acqua.



In un certo senso ha capito molto bene. Questo era un gruppo di creature rettili giganti estinte.Si è trattato di un’intuizione radicale”, ha affermato Steve Brusatte, paleontologo dell’Università di Edimburgo e autore di “ The Rise and Fall of the Dinosaurs: A New History of Their Lost World ”.

Siamo tutti cresciuti guardando i cartoni animati dei dinosauri e guardando ‘Jurassic Park’, con i dinosauri sul nostro cestino del pranzo e tra i nostri giocattoli. Ma immaginiamo un mondo in cui la parola dinosauro non esiste, dove il concetto di dinosauro non esiste, e tu sei la prima persona a rendersene conto semplicemente guardando alcune grandi ossa rinvenute dalla terra“.

La parola dinosauro è stata coniata solo 20 anni dopo, generata dall’anatomista Richard Owen, fondatore del Museo di Storia Naturale di Londra, sulla base di caratteristiche condivise identificate nei suoi studi su Megalosaurus e altri due dinosauri, Iguanodon e Hylaeosaurus, che sono stati descritti per la prima volta rispettivamente nel 1825 e nel 1833.

L’articolo sul Megalosaurus ha consolidato la reputazione professionale di Buckland nel nuovo campo della geologia, ma il suo significato come prima descrizione scientifica di un dinosauro è stato solo in retrospettiva.

Megalosaurus
Rappresentazione del Megalosaurus.

Il Megalosaurus è stato presto eclissato nell’immaginario pubblico dalla scoperta di fossili completi di giganteschi rettili marini come l’ittiosauro e il plesiosauro raccolti dalla paleontologa Mary Anning sulla costa inglese del Dorset. Invece non è stato trovato nessuno scheletro completo di Megalosaurus.

Nonostante questo, il Megalosaurus ha avuto il suo impatto sulla cultura popolare. Charles Dickens, che è stato amico di Owen, ha immaginato di incontrare un Megalosaurus nelle strade fangose di Londra all’inizio del suo romanzo del 1852, “Bleak House“.

Buckland è stato uno studioso ambizioso e carismatico, ha studiato i classici e teologia a Oxford, laureandosi nel 1804, e ha seguito una vasta gamma di lezioni, inclusa quella di anatomia, ha raccontato Susan Newell, storica e ricercatrice associata presso il Museo di Storia Naturale dell’Università di Oxford. Lo studioso è stato anche in contatto con altri celebri scienziati naturali dell’epoca come George Cuvier in Francia, famoso per il suo lavoro che confrontava gli animali viventi con i fossili.

Buckland è stata la prima persona che ha davvero iniziato a pensare con criterio rispetto cosa a tutti quegli strani fossili in arrivo dalla cava a Oxford, e ha iniziato a pagare i cavatori locali per trovare fossili”, ha aggiunto Newell.

Megalosaurus

Il fossile studiato da Buckland è stato anche uno dei tre modelli di dinosauri ad essere esposti al Crystal Palace di Londra nel 1854, sede del primo parco di dinosauri al mondo, e tutt’oggi di trova lì. Anche se la forma della sua testa è in gran parte corretta, oggi sappiamo che era lungo circa 6 metri e camminava su due zampe, non su quattro.

Un anno dopo la pubblicazione del suo studio sul Megalosaurus, Buckland ha spostato la sua assistente non ufficiale, Mary Morland, che era una naturalista di talento a pieno titolo e l’artista delle illustrazioni dei fossili di Megalosaurus apparse nell’articolo.

Più avanti nella sua carriera, Buckland ha rivelato che la maggior parte del Regno Unito è stata ricoperta da calotte glaciali dopo un viaggio in Svizzera, comprendendo che è stata la glaciazione a modellare il paesaggio britannico piuttosto che un’alluvione biblica.

Newell ha aggiunto che la carriera scientifica di Buckland si è conclusa prematuramente, con lui che ha ceduto a una sorta di esaurimento nervoso che gli ha impedito di insegnare. Lo scienziato è deceduto nel 1856 in un manicomio a Londra.

2