Marte: perché Insight ha smesso di scavare

Il tentativo della NASA di scavare su Marte ha incontrato 2 ostacoli insormontabili: terreno simile al cemento e un'inaspettata carenza di energia

0
361
Indice

Il lander InSight della NASA è progettato per compiere una missione molto ambiziosa, studiare la struttura interna di Marte. Purtroppo un componente fondamentale del lander che avrebbe dovuto scavare il suolo del pianeta rosso, la cosiddetta “talpa”, ha fallito l’operazione nonostante i due anni di tentativi spesi per farla funzionare.

La talpa è una rivoluzionaria sonda termica progettata per scavare fino a una profondità di 5 metri nel suolo marziano per rilevarne la temperatura. La sonda avrebbe ricavato dati utili per capire come Marte si è formato e si è evoluto in 4,6 miliardi di anni. La perforazione avrebbe aiutato a rintracciare l’acqua e forse scoprire forme di vita nascoste in profondità.

Il terreno di Marte si è rivelato duro da scavare e la sonda non ha fatto molti progressi nel tentativo di penetrare i segreti del pianeta rosso. Il team di InSight deve razionare l’energia solare del lander. La NASA ha annunciato che la talpa non sarà in grado di praticare uno scavo nella superficie del pianeta.

È un po ‘una tragedia personale”, ha detto a Insider Sue Smrekar, a capo del team InSight che ha trascorso 10 anni a lavorare sulla talpa. “Tutti hanno cercato di fare tutto il possibile per farlo funzionare. Quindi non posso chiedere di più”.

Nessun’altra missione della NASA prevista su Marte può effettuare le misurazioni della temperatura interna per cui è stata progettata la talpa.



“Questo è stato il nostro miglior tentativo per ottenere quei dati”, ha aggiunto Smrekar“Dal mio punto di vista personale, è super deludente, e scientificamente è anche una perdita molto significativa. Quindi sembra davvero una grande delusione”.

Il team di InSight ha lavorato per due anni a manovrare il braccio robotico del lander cercando di mettere la talpa nelle condizioni ottimali di operare. La sonda, un battipalo lungo 16 pollici, è progettata per sfruttare lo sporco sciolto che altre missioni su Marte hanno incontrato. Ma nel febbraio 2019, la talpa ha incontrato difficoltà su un terreno chiamato “duracrust”. I due anni successivi sono stati dedicati alla risoluzione dei problemi, trasmettendo nuovo software a InSight per insegnare al suo braccio robotico nuove manovre per assistere la talpa.

Il team di InSight ha prima ordinato il braccio robotico di spingere la talpa, ma questo l’ha semplicemente fatta uscire dal buco. Una volta rimessa la sonda nel terreno, un anno dopo, hanno incaricato il braccio di ammucchiarci sopra dello sporco, sperando che questo avrebbe fornito abbastanza attrito alla sonda permettendogli di scavare più a fondo.

Ma sabato scorso la talpa non ha fatto progressi. La parte superiore era solo 2 o 3 centimetri sotto la superficie.

A quel punto, i problemi di InSight si stavano aggravando. A differenza di altri siti in cui la NASA ha inviato rover e lander, la pianura in cui si trova InSight non era spazzata da potenti raffiche di vento. Smrekar chiama tali raffiche “eventi di pulizia”, ​​dal momento che spazzano via la polvere rossa del pianeta da qualsiasi robot nell’area. Senza quelle raffiche, i pannelli solari di InSight hanno accumulato uno strato significativo di polvere.Le stagioni stavano cambiando e il luogo dove si trova InSight, una pianura piatta vicino all’equatore di Marte, stava diventando più fredda. Al freddo, InSight avrà bisogno di più energia, visto che i suoi pannelli solari assorbono meno luce solare di quanto dovrebbero. “La potenza sta diminuendo e quindi stiamo arrivando a un periodo di tempo in cui, probabilmente per due o tre mesi, probabilmente dovremo smettere di fare operazioni con gli strumenti per un po ‘e semplicemente entrare in modalità sopravvivenza fino a quando non diventa più caldo su Marte”, ha detto Smrekar.

Nei prossimi due anni, InSight ascolterà ancora i terremoti su Marte e raccoglierà dati con il suo sismometro. Questo può fornire alcune informazioni sull’interno del pianeta. I terremoti di Marte hanno rivelato che la crosta marziana è più simile a quella della Luna che alla Terra.

Se la talpa avesse raggiunto i 5 metri di profondità avrebbe misurato la temperatura permettendo agli scienziati di calcolare il flusso di calore rilasciato da Marte.

“È un numero unico, il flusso di calore, ma ha ramificazioni per tutti i tipi di aspetti della comprensione di Marte”, ha detto Smrekar.

Il calore che emette un pianeta è, in parte, calore residuo dalla sua formazione, ma proviene anche dal decadimento di elementi radioattivi. Misurare il flusso di calore direbbe agli scienziati quanto materiale radioattivo si trova all’interno della crosta marziana.

Ciò rivelerebbe non solo come il materiale è stato distribuito quando il pianeta si è formato (e se è fatto della stessa materia della Terra), ma anche come la struttura interna del pianeta è cambiata nel tempo.

“Questo risale alla comprensione della prima evoluzione di Marte, quel periodo di tempo in cui c’era molta acqua liquida sulla superficie”, ha detto Smrekar.

Una maggiore concentrazione di materiale radioattivo nel mantello renderebbe quello strato più attivo. Più materiale radioattivo nella crosta potrebbe mantenere caldi gli strati superiori del pianeta.

Il flusso di calore potrebbe indicare quanto in profondità si dovrebbe perforare Marte per raggiungere l’acqua liquida. L’acqua sotterranea del pianeta infatti potrebbe ancora ospitare vita microbica. I futuri coloni che abiteranno su Marte avranno grande necessita di trovare acqua sul posto per non dover dipendere dalla Terra. Purtroppo per ora non abbiamo la possibilità di studiare il flusso di calore su Marte, ma in futuro nuovi lander potranno tentare nuovamente.

2