Hubble individua un residuo di supernova

Una stella massiccia è esplosa nella Piccola Nube di Magellano tra 2.000 e 1.000 anni fa e ha lasciato un residuo gassoso in espansione chiamato 1E 0102.2-7219

110

1E 0102.2-7219 si trova a circa 202.000 anni luce di distanza nella costellazione di Tucana. L’oggetto è stato scoperto nel 1981 dall’Osservatorio Einstein della NASA durante un’indagine sulla Piccola Nube di Magellano.

Come i detective, gli astronomi della Purdue University, John Banovetz e Danny Milisavljevic, con i loro colleghi, hanno setacciato le immagini d’archivio scattate da Hubble, analizzando osservazioni in luce visibile per un periodo di 19 anni. I ricercatori hanno misurato la velocità di 45 grumi di materiale espulso a forma di girino e ricchi di ossigeno lanciati dall’esplosione della supernova.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Uno studio precedente ha confrontato immagini prese a distanza di anni con due diverse telecamere di Hubble: la Wide Field Planetary Camera 2 (WFC2) e la Advanced Camera for Surveys (ACS)“, ha detto il dott. Milisavljevic.

Ma il nostro studio confronta i dati presi con la stessa fotocamera, l’ACS, rendendo il confronto molto più solido; i nodi sono stati molto più facili da tracciare utilizzando lo stesso strumento“.

Per calcolare l’età precisa dell’esplosione, gli scienziati hanno scelto i 22 grumi o nodi di espulsione più veloci e hanno stabilito che questi obiettivi erano quelli che meno probabilmente sono stati rallentati dal passaggio attraverso materiale interstellare.

Hanno quindi tracciato il movimento dei nodi all’indietro fino a quando l’espulsione si è coalizzata in un punto, identificando il sito dell’esplosione. Una volta identificatolo, è stato possibile calcolare quanto tempo hanno impiegato i nodi veloci per viaggiare dal centro dell’esplosione alla loro posizione attuale.

Secondo la loro stima, la luce dell’esplosione è arrivata sulla Terra 1.738 anni fa, durante il declino dell’Impero Romano.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tuttavia, la supernova sarebbe stata visibile solo agli abitanti dell’emisfero meridionale della Terra. Sfortunatamente, non ci sono registrazioni note di questo evento titanico. Gli autori hanno anche misurato la velocità di una sospetta stella di neutroni che è stata espulsa dall’esplosione.

Sulla base delle loro stime, deve essersi mossa a più di 3 milioni di kmh dal centro dell’esplosione per essere arrivata alla sua posizione attuale. La sospetta stella di neutroni è stata identificata nelle osservazioni con il Very Large Telescope dell’ESA in Cile, in combinazione con i dati dell’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA.

È abbastanza veloce e al limite della velocità con cui pensiamo che una stella di neutroni possa muoversi, anche se ha ricevuto un calcio dall’esplosione della supernova“, ha detto il dott. Banovetz.

Indagini più recenti mettono in dubbio se l’oggetto sia effettivamente la stella di neutroni sopravvissuta all’esplosione della supernova; è potenzialmente solo un ammasso compatto espulso dalla supernova ed i nostri risultati sembrano supportare questa conclusione“.

Il nostro studio non risolve il mistero, ma fornisce una stima della velocità per la candidata stella di neutroni. Un nuovo periodo di osservazione di Hubble amplierebbe la nostra comprensione di 1E 0102.2-7219.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tali immagini consentirebbero un’analisi multi-epoca che ci permetterebbe di superare le incertezze sul movimento, stimerebbe la potenziale decelerazione e vincolerebbe ulteriormente il centro di espansione e l’età dell’esplosione“.

Questo, a sua volta, testerebbe la nostra conclusione che l’espansione non omologa dei nodi ottici di 1E 0102.2-7219 è causata dall’interazione dell’onda d’urto della supernova originale con materiale circumstellare disomogeneo“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

risultati saranno pubblicati sull’Astrophysical Journal.