Su Marte le condizioni per sostenere la vita sono esistite a lungo

C'è vita su Marte? C'è mai stata? È una delle più grandi domande che abbiamo sul nostro vicino planetario; ora, la ricerca punta a una parte particolare del pianeta rosso che avrebbe potuto ospitare la vita più volte nel corso di miliardi di anni

0
688

C’è vita su Marte? C’è mai stata? È una delle più grandi domande che abbiamo sul nostro vicino planetario; ora, la ricerca punta a una parte particolare del pianeta rosso che avrebbe potuto ospitare la vita più volte nel corso di miliardi di anni.

Attraverso uno studio approfondito delle immagini catturate dal Mars Reconnaissance Orbiter, gli scienziati planetari hanno identificato sedimenti argillosi nella Ladon Valles settentrionale, il bacino meridionale del Ladon e gli altopiani sud-occidentali intorno al bacino del Ladon, tutti parte dell’area di Margaritifer Terra, una zona ampiamente craterizzata.

La presenza di argilla indica che nell’area è stata lungamente presente acqua, poiché si forma in condizioni di pH neutro con una minima evaporazione dell’acqua. I ricercatori pensano che, da circa 3,8 miliardi di anni fa e fino a circa 2,5 miliardi di anni fa, vi sia stata acqua liquida sotto forma di fiumi e laghi.

Inoltre, i sedimenti stratificati colorati di tonalità chiara mostrano che i letti dei fiumi e i bacini dei laghi abbiano subito cali di livello relativamente bassi, mentre le argille sono la prova che molto probabilmente vi era presente un ampio lago all’interno del bacino del Ladon e della Ladon Valles settentrionale“, afferma Catherine Weitz, scienziato senior presso il Planetary Science Institute in Arizona.

L’impostazione del lago a bassa energia e la presenza di argille supportano, in quel momento, l’esistenza di un ambiente favorevole alla vita“.

Anche se la possibilità di un ambiente favorevole alla vita non è esattamente una prova che la vita vi sia stata, abbiamo ora la conferma che un tempo Marte, o almeno alcune zone di Marte, potrebbe benissimo aver sostenuto la vita e per confermarlo dovremo, prima o poi,  scavare l’area alla ricerca di fossili. È l’ultimo pezzo di ricerca per interpretare le condizioni su Marte da ciò che possiamo vedere della sua superficie e dei sedimenti .



I ricercatori ritengono che le argille si siano originariamente formate attorno alle alture sopra il bacino del Ladon, prima di essere erose da canali d’acqua e trasportate a valle in un lago nel bacino del Ladon e nel Ladon Valles settentrionale.

Secondo il team, il flusso d’acqua più recente sarebbe stato lungo il bacino sudoccidentale del Ladon. I depositi qui corrispondono a un’altra parte di Marte, il delta dell’Eberswalde, appena a sud della regione coperta da questo studio.

I nostri risultati indicano che i sedimenti argillosi depositati dall’acqua corrente a Eberswalde non erano insoliti in questo periodo più recente perché vediamo molti esempi di giovani valli simili che hanno depositato argille nella regione“, afferma Weitz .

Sappiamo che c’è del ghiaccio su Marte, ma la ricerca di acqua liquida continua. Questo ultimo studio supporta l’idea che fiumi e laghi, miliardi di anni fa, fossero una parte estesa e piuttosto comune del paesaggio marziano e questo potrebbe avere favorito l’esistenza della vita.

Quanto sia stata transitoria o meno la presenza dell’acqua su Marte sarà una parte fondamentale della ricerca per permetterci di capire se la vita avrebbe potuto essere sostenuta o meno e se a un certo punto sia comparsa. La distribuzione di argille e altre rocce individuate dai ricercatori è coerente con l’esistenza di accumuli d’acqua in stagni e laghi stabili e con la presenza di fiumi e torrenti.

Inoltre, le argille sono fonti di nutrienti e stabilizzanti per l’ambiente che le circonda. Metti insieme acqua, sostanze nutritive e condizioni stabili e le possibilità che vi possano essere vissuti organismi aumentano in modo significativo.

L’esistenza di condizioni abitabili potrebbe essersi verificata ripetutamente nella regione, almeno periodicamente, fino ad un momento relativamente vicino nella storia di Marte“, scrivono i ricercatori nel loro articolo.

La ricerca è stata pubblicata su Icarus.

2