Magdrive realizza il nuovo sistema di propulsione che ci porterà nello spazio profondo

Magdrive sta sviluppando una nuova generazione di propulsori per veicoli spaziali e per piccoli satelliti. La startup afferma che la spinta e l'efficienza del suo motore sono un "salto generazionale" avanti a qualsiasi altro propulsore elettrico

2906
Indice

Una startup ha ideato un nuovo sistema di propulsione per veicoli spaziali che potrebbe trasformare in realtà il viaggio interplanetario. Magdrive ha appena ricevuto un finanziamento iniziale da 1,4 milioni di sterline da Founders Fund, uno dei primi investitori in SpaceX, supportato da Luminous Ventures, 7percent Ventures e Entrepreneur First.
Magdrive sta sviluppando una nuova generazione di propulsori per veicoli spaziali e per piccoli satelliti. La startup afferma che la spinta e l’efficienza del suo motore sono un “salto generazionale” avanti a qualsiasi altro propulsore elettrico, aprendo l’industria spaziale a tipi di missioni completamente nuovi che prima non erano possibili, senza ricorrere a propulsori chimici molto più grandi, costosi e pesanti. Magdrive sostiene che il suo propulsore di nuova concezione renderebbe possibili viaggi spaziali interplanetari veloci e convenienti, nonché operazioni in orbita terrestre molto bassa.
Le soluzioni elettriche esistenti sono molto efficienti ma hanno una spinta molto bassa. I propulsori chimici hanno una spinta elevata ma mancano di efficienza e sono pericolosi e costosi. Magdrive afferma che il suo motore può garantire sia un’elevata spinta che un’elevata efficienza in un unico sistema.
Se funziona, il motore Magdrive potrebbe consentire a un veicolo spaziale di viaggiare più a lungo e più velocemente. In questo momento, i satelliti vengono lanciati utilizzando un propulsore chimico, che necessita di molto carburante. Un satellite da 200 kg richiede 50 kg di idrazina, che costa 1.350.000 sterline.
Se funziona, il motore Magdrive potrebbe consentire a un veicolo spaziale di viaggiare più a lungo e più velocemente. In questo momento, i satelliti vengono lanciati utilizzando un propulsore chimico, che necessita di molto carburante. Un satellite da 200 kg richiede 50 kg di idrazina, che costa 1.350.000 sterline.
Il co-fondatore, il dott. Thomas Clayson, ha conseguito un dottorato in fisica del plasma, lavorando su campi elettromagnetici avanzati. Ha capito che questa potrebbe essere una pietra miliare per lo sviluppo di un propulsore al plasma in grado di raggiungere le accelerazioni necessarie per i viaggi nello spazio interplanetario. Dopo aver incontrato Mark Stokes, un ingegnere meccanico dell’Imperial College di Londra con sogni simili, hanno deciso di costruire un propulsore in scala per i satelliti.
Ma Magdrive non è solo. Altre aziende stanno sviluppando i cosiddetti “propulsori a effetto Hall”, una tecnologia che esiste dagli anni ’60. Gran parte dello sviluppo è rivolto alla miniaturizzazione e alla riduzione della massa, mantenendo inalterate spimta ed efficienza. Queste aziende includono Busek, Exotrail, Apollo Fusion, Enpusion, Nanoavionics. Nel frattempo, grandi aziende internazionali con enormi portafogli tecnologici stanno lavorando per migliorare la propulsione chimica e renderla non tossica da maneggiare, come Aerojet Rocketdyne e Moog ISP.
Hanno in programma di espandere la nostra tecnologia per alimentare veicoli spaziali con equipaggio (una volta in orbita) verso destinazioni a lunga distanza come la Luna e Marte. Il sistema presenterebbe una soluzione molto più conveniente di una propulsione chimica o nucleare, a causa dell’enorme riduzione dei costi del carburante e perché è riutilizzabile.
Andrew J Scott, Founding Partner, 7percent Ventures: “Al 7percent cerchiamo team di fondatori con ambizioni ‘moonshot’. Con Magdrive questa non è solo una metafora: il loro rivoluzionario propulsore al plasma presto alimenterà i satelliti, ma in futuro potrebbe portarci nello spazio profondo. Sebbene l’esperienza del Regno Unito nella costruzione di satelliti sia rinomata in tutto il mondo, l’attenzione si è concentrata molto meno sulla propulsione. In effetti, la Gran Bretagna è l’unico paese ad aver sviluppato con successo e poi, negli anni ’70, abbandonato una capacità di lancio satellitare indigena, che senza dubbio ha frenato il settore spaziale del Regno Unito. Quindi siamo entusiasti di sostenere Magdrive, una delle nuove generazioni di startup spaziali britanniche, che ha la visione e l’ambizione di diventare un’azienda leader a livello mondiale in questo settore in espansione”.
L’industria dei satelliti vale 5 miliardi di dollari solo nel 2020, si prevede che crescerà fino a 30 miliardi di dollari entro il 2030, a causa dell’aumento delle mega-costellazioni. Circa 5.000 satelliti dovrebbero essere lanciati nei prossimi due anni e il 75% di tutte le compagnie che lanciano questi satelliti ha già lanciato qualcosa nello spazio.
Magdrive si trova al’European Space Agency Business Incubation Centre di Harwell, Oxford.