Sempre meno probabile che Proxima B possa ospitare la vita

In base alle ultime scoperte questo pianeta, chiamato Proxima Centauri b, potrebbe non essere un luogo idilliaco. In effetti, potrebbe essere un ambiente infernale

0
1352
Indice

Proxima Centauri è la stella più vicina alla nostra. È una nana rossa – il tipo più comune di stella nella galassia – e ha almeno due pianeti che le orbitano intorno. Uno di questi è nella cosiddetta “zona abitabile”, che è la distanza dalla stella alla quale un pianeta riceve la giusta quantità di calore e luce, consentendo l’esistenza di acqua liquida. È anche simile in un altro modo importante al nostro pianeta, ha una massa simile a quella della Terra. Recenti misurazioni indicano che la sua massa minima è di circa il 17% superiore a quella della nostra casa planetaria.
Il fatto che il nostro vicino stellare più prossimo possa avere un pianeta con laghi e oceani e una gravità superficiale simile alla nostra è enormemente eccitante per coloro che sperano un giorno di esplorare le stelle; dopo tutto, l’acqua è essenziale per la vita come la conosciamo. Se questo pianeta avesse una notevole quantità d’acqua, come minimo, potrebbe essere un possibile luogo per la colonizzazione umana. Ancora più eccitante è la possibilità che possa essere un pianeta sul quale la vita potrebbe essersi evoluta in modo indipendente.
Tuttavia, purtroppo, sembra sia opportuno mitigare l’entusiasmo. In base alle ultime scoperte questo pianeta, chiamato Proxima Centauri b, potrebbe non essere un luogo idilliaco. In effetti, potrebbe essere un ambiente infernale.
In un recente articolo pubblicato sull’Astrophysical Journal, un gruppo di ricercatori sostiene che la sua stella madre bombarda il pianeta con frequenti esplosioni di radiazioni e particelle cariche, al punto che potrebbe avere  sterilizzato il pianeta nonostante la sua posizione nella zona abitabile (una versione dell’articolo è pubblicamente accessibile su ArxIv). Sebbene gli astronomi sappiano da tempo che Proxima Centauri b è bombardato dalle eruzioni della sua stella, osservazioni recenti hanno rilevato un fenomeno molto più pericoloso.
Molte stelle sono turbolente e spesso emettono grandi nuvole di plasma carico e altamente magnetizzato nello spazio. Un tale evento è chiamato espulsione di massa coronale, o CME, e si verifica anche con il nostro sole. Questi CME non sono pericolosi per noi poiché il nostro pianeta è schermato dal campo magnetico generato dal suo nucleo. Tuttavia, sono pericolosi per la nostra tecnologia. Se una CME abbastanza forte colpisse direttamente la Terra, causerebbe il caos alla nostra società basata sull’elettronica, distruggendo la nostra capacità di telecomunicazioni e, potenzialmente, danneggiando tutto ciò che si basa sull’elettricità per funzionare su gran parte del pianeta. Un CME verificatosi nel 1859 indusse correnti elettriche così forti che ci furono segnalazioni di scintille sui binari ferroviari in metallo. E un CME più piccolo nel 1989 ha interrotto l’energia elettrica in Quebec e in parte degli Stati Uniti nord-orientali per nove ore.
Secondo quanto riporta l’articolo, gli astronomi hanno osservato simultaneamente Proxima Centauri sia con telescopi ottici che radiotelescopi. Questo ha permesso di osservare per la prima volta l’emissione simultanea di luce e onde radio da una stella lontana. Hanno concluso che stavano vedendo un’esplosione stellare di tipo IV, che è coerente con un CME.
Le CME di Proxima Centauri sarebbero molto più dannose per Proxima Centauri b rispetto a quanto accade nel nostro sistema solare. Questo perché Proxima Centauri è sia piccolo che debole. Ha solo il 12% della massa del nostro sole ed emette solo lo 0,17% della sua energia. In termini di luce visibile, emette solo circa lo 0,005% di energia. Circa l’85% dell’energia che emette è a infrarossi.
A causa della sua scarsa produzione di energia, la zona abitabile è molto più vicina alla stella di quanto lo sia la Terra al Sole. Ad esempio, Proxima Centauri b orbita attorno alla sua stella madre a una distanza di circa il 5% di un’unità astronomica (UA), dove una AU è la distanza tra la Terra e il Sole. La sua orbita è così piccola che il suo anno supera di poco gli 11 giorni. In confronto, l’orbita di Mercurio è il 39% di un’UA, con un anno di 88 giorni.
È la vicinanza di Proxima Centauri b alla sua stella madre a metterlo in pericolo. Poiché è così vicino, è del tutto probabile che un’espulsione di massa coronale da Proxima Centauri colpisca il pianeta frontalmente. A una tale distanza, il pianeta sarà completamente avvolto dal plasma caldo di una CME. È probabile che questo frequente bombardamento di plasma abbia spazzato via lentamente l’atmosfera del pianeta ed esposto la superficie del pianeta a raggi X molto intensi e radiazioni ultraviolette.
Il campo magnetico terrestre protegge la Terra da un destino simile e, naturalmente, è possibile che anche Proxima Centauri b abbia un campo magnetico. Ma il campo magnetico del pianeta dovrebbe essere molto più forte del nostro per proteggerlo.
Lo spazio interstellare è grande e ci vorranno decenni o secoli prima che l’umanità sia pronta a viaggiare tra le stelle. Sarebbe certamente conveniente per noi che il nostro vicino stellare possa ospitare un pianeta potenzialmente in grado di fornire all’umanità un’altra casa. Tuttavia, sembra che, probabilmente, non sia così. I futuri esploratori interstellari dovranno guardare un po’ più lontano per trovare una seconda Terra.
Fonte: Forbes

2