Lo stress da caldo peggiorerà, non solo per noi ma anche per animali e colture

Gli autori che hanno condotto lo studio prevedono che, entro la fine del secolo, tra il 44 e il 75% della popolazione umana sarà cronicamente colpita da stress da caldo

0
958
Indice

Secondo una revisione sistematica, condizioni climatiche mortali potrebbero presto diventare la norma nella maggior parte del mondo.

Se non facciamo nulla per ridurre le nostre emissioni di gas serra, gli autori che hanno condotto lo studio prevedono che entro la fine del secolo tra il 44 e il 75% della popolazione umana sarà cronicamente colpita da stress da caldo.

L’aumento delle temperature solo nelle parti meridionali dell’Asia avrà un impatto su un numero enorme di persone. Un quinto della popolazione mondiale vive intorno ai fiumi Gange e Indo e, tra 80 anni, si prevede che queste regioni sperimenteranno frequenti ondate di caldo mortale superiori a 35° C.

Tali temperature possono essere estremamente dannose per l’uomo, in particolare i neonati, gli anziani, le persone in gravidanza e le persone con comorbilità.

Né saremo solo noi a soffrire. Gli autori affermano che anche bestiame, pollame, colture e altri organismi viventi sperimenteranno livelli sorprendentemente simili di stress da calore.



Nel 2003, ad esempio, si stima che l’ondata di caldo in Europa abbia causato la morte di 70.000 persone in tutta Europa e del 24% del bestiame francese. A quanto pare, quello era solo un presagio di quello che succederà.

Entro la fine del secolo, dal 45 al 70 percento della superficie terrestre potrebbe essere influenzata da condizioni climatiche in cui gli esseri umani non possono sopravvivere senza supporto tecnologico, come l’aria condizionata“, afferma l’ingegnere Senthold Asseng dell’Università tecnica di Monaco (TUM) in Germania.

Attualmente, è il 12%“.

Si tratta di un notevole aumento in un periodo di tempo relativamente breve, troppo rapido perché la maggior parte degli organismi possa adattarvisi. Anche a breve termine, tali temperature possono essere mortali.

Entro il 2080, le città australiane potrebbero subire almeno quattro volte il numero di morti per il solo aumento delle temperature. In alcune aree dei tropici, i ricercatori nel 2019 hanno previsto che le ondate di calore potrebbero aumentare il tasso di mortalità  fino al 2.000 percento.

E questo è solo per gli umani. Quando gli autori dell’attuale revisione hanno confrontato le soglie di temperatura per l’uomo, il bestiame, il pollame, i raccolti e alcuni pesci, hanno trovato limiti di calore sorprendentemente simili per tutti.

Quando l’umidità è alta, si pensa che gli esseri umani siano leggermente esposti al calore a circa 23°C. Per bovini e suini è di circa 24°C.

D’altra parte, quando l’umidità è bassa, il rischio termico arriva a circa 27°C per l’uomo. Mentre per bovini e suini lo stress arriva a 29°C.

Se le persone sono esposte a temperature superiori a 32 gradi Celsius a un’umidità estremamente elevata, o superiori a 45 gradi Celsius a un’umidità estremamente bassa per un lungo periodo di tempo, possono non sopportare lo stress termico“, afferma Asseng.

Durante gli eventi di caldo estremo con temperature molto al di sopra dei 40 gradi Celsius, come quelli attualmente osservati sulla costa nord-occidentale degli Stati Uniti e in Canada, le persone richiedono supporto tecnico, ad esempio sotto forma di spazi climatizzati“.

I raccolti e il bestiame non hanno questo lusso. Anche se l’esaurimento da calore non causa la morte immediata di maiali, polli e bovini, è noto che l’esposizione frequente riduce la loro crescita, portando a raccolti più bassi e a una riproduzione stentata.

I polli, ad esempio, raggiungono un forte stress termico a 37°C, a quel punto iniziano a deporre significativamente meno uova.

In caso di stress termico, le mucche da latte possono effettivamente produrre fino al 20% in meno di latte.

La fauna selvatica potrebbe essere colpita in modo simile, sebbene ciò esuli dallo scopo di questa particolare recensione. Tuttavia, gli autori notano che l’ondata di caldo del 2018 in Australia ha ucciso un terzo di una popolazione di pipistrelli in soli due giorni.

Il continuo riscaldamento globale diventerà gradualmente letale per altre specie se non possono evitare, migrare o proteggersi in altro modo dallo stress termico estremo o esteso“, scrivono gli autori dello studio.

Se le attuali traiettorie verso l’effetto serra continueranno, la maggior parte delle creature discusse in questo studio, e molte altre, potrebbero essere gravemente colpite o potrebbero scomparire completamente“.

Il lavoro è stato pubblicato su The Lancet Planetary Health.

2