L’MBT Leopard 2 nella guerra russo-ucraina – video

[tta_listen_btn]
Al culmine della Guerra Fredda, il carro armato Leopard 2 è nato per necessità. Progettato per controbilanciare la formidabile potenza  delle forze corazzate dell’Unione Sovietica, che erano più numerose di quelle della NATO, questo carro armato di progettazione tedesca si è rivelato un punto di svolta.

Oggi, mezzo secolo dopo la sia messa in opera, le ultime e più aggiornate versioni del Leopard 2 stanno affrontando la prova più difficile in Ucraina, dovendo dimostrare sul campo potenza e adattabilità.

La filosofia di design del Leopard 2 si basa su una miscela unica di equilibrio e adattabilità. Riconoscendo che la NATO non poteva competere corazzato contro corazzato con il Patto di Varsavia, la Germania Ovest ha cercato di costruire un un carro armato migliore sotto tutti gli aspetti. Il risultato è stata questa formidabile macchina da guerra in grado di superare qualsiasi cosa avesse il nemico.

Quasi 50 anni dopo il suo primo esemplare, il Leopard 2 si trova oggi ad affrontare i suoi nemici naturali, per cui è stato progettato, costruito ed aggiornato: i carri armati corazzari ex sovietici, oggi russi. Con l’inizio della controffensiva degli ucraini, il mezzo corazzato tedesco potrà mettere alla prova le proprie capacità. La sua armatura avanzata, il potente motore e il formidabile armamento ne fanno una forza da non sottovalutare sul campo di battaglia moderno.

Ovviamente, non stiamo parlando di un mezzo imbattibile o indistruttibile, in guerra nulla lo è. Basta un colpo fortunato o della banale imperizia perché anche lo strumento migliore faccia una brutta fine; l’efficacia dei Leopard 2 nella guerra russo-ucraina la si potrà valutare sulla base dei risultati. Vedremo cosa, e in quale quantità, costerà alla Russia la distruzione di ogni singolo Leopard 2 che non vedrà la fine della guerra.

Il Leopard 2 è una testimonianza dell’ingegnosità e dell’innovazione dei suoi creatori. Nato dall’esigenza di controbilanciare la minaccia sovietica durante la Guerra Fredda, questo carro armato continua ad evolversi e ad adattarsi per affrontare le sfide della guerra moderna. Ora, mentre viene schierato sul campo e si prepara ad affrontare la sua preda designata in Ucraina, il Leopard 2 rimane un simbolo di forza, resilienza e abilità tecnologica.

Dati tecnici [264]
Descrizione Leopardo 2A4 Leopardo 2A5 Leopardo 2A6/A6M
Equipaggio: 4
Motore: Motore diesel MTU MB 873 Ka-501 12 cilindri biturbo
Dislocamento: Alesaggio × corsa: 170 × 175 mm, 47.666 cm3 di cilindrata
Potenza in uscita: 1.500 CV (1.479 CV, 1.103 kW), giri/min: 2.600 / min
Uscita di coppia: 4.700 Nm (3.466 lb·ft), giri/min: 1.600–1.700/min
Trasmissione: Comando idromeccanico, retromarcia e timoneria HSWL 354 con freno di servizio combinato idrodinamico-meccanico, 4 avanti, 2 retromarce
Sistema di sospensione: Azionamento del rullo di supporto montato su molle della barra di torsione con ammortizzatori idraulici
Lunghezza
torretta in avanti:
9,67 mt 10,97 mt
Larghezza: 3,7 mt 3,76 mt
Altezza: 2,79 mt 3,03 mt
Altezza libera dal suolo: 0,54 mt
Profondità di guado senza preparazione: 1,2 m
Profondità di guado con boccaglio: 4 m
Passabilità della trincea: 3 m
Capacità di arrampicata: 1,1 m
Peso vuoto: 52 t 57,3 t 57,6 tonnellate
A6M 60,2 tonnellate
Peso in combattimento: 55,15 t 59,5 t A6 59,9 t (massa massima; 61,7 t),
A6M 62,5 t
Velocità massima: 68 chilometri all’ora; indietro 31 km/h
Capacità carburante: 1.160 litri (limitato a 900 litri quando non in battaglia)
Consumo di carburante e autonomia: Strada: ca. 340 litri/100 km, ca. 340 km
Terreno: ca. 530 litri/100 km, ca. 220 km
Media: ca. 410 litri/100 km, ca. 280 km
Test statico: 12,5 L/h, 72–93 ore (con capacità 900–1.160 litri)
Tempo di rotazione (360°): 10 secondi
Armamento: Pistola a canna liscia Rheinmetall 120 mm L/44 e 2 mitragliatrici Pistola a canna liscia Rheinmetall 120 mm L/55 e 2 mitragliatrici
Peso della torretta: 16 t 21 t
Tempo rotazione torretta: 360° in 9 secondi (elettrico)

Teatri operativi dove ha operato il Leopard 2

KFOR

A partire dal 12 giugno 1999, 28 carri armati Leopard 2A5 sono stati schierati in Kosovo dall’esercito tedesco come parte della Kosovo Force (KFOR). I veicoli del Panzerbataillon 33 e 214 furono inviati dalla Macedonia a Prizren. Sono stati utilizzati per pattugliamenti, protezione di posti di blocco e basi, nonché parte della dimostrazione di forza. Il 13 giugno 1999, due membri della forza paramilitare serba hanno sparato dall’interno di un’auto Fiat 125p contro uno dei posti di blocco di Prizren ed entrambi sono stati uccisi dal fuoco di risposta. Al posto di blocco si trovava un Leopard 2A5, ma non ha potuto partecipare ai combattimenti poiché era solo parzialmente equipaggiato.

Il 26 giugno 1999, un Leopard 2A5 ha sparato quattro colpi di avvertimento sopra la città di OrahovacDalla fine del 2000 all’inizio del 2001, i 2A5 sono stati sostituiti dal modello Leopard 2A4. I Leopard 2A4 sono stati schierati in Macedonia nel 2001 come parte dell’intervento della NATO. I carri armati servivano a proteggere i siti logistici della Bundeswehr in Macedonia.

IFOR/SFOR

Il contingente olandese in Bosnia-Erzegovina ha schierato carri armati Leopard 2. I Leopard 2A4 e Leopard 2A5 olandesi erano di stanza nelle basi NLD a Bugojno , Novi Travnik , Sisava , Knezevo , Maslovare e Suica.

ISAF/OEF

Nell’ottobre 2003, il Canada si preparava a sostituire i suoi Leopard C2 con degli Stryker Mobile Gun Systems su ruote. Tuttavia, l’esperienza operativa effettuata in Afghanistan e in particolare durante l’operazione Medusa, convinse l’esercito canadese dell’utilità di mantenere una flotta di carri armati. I Leopard C2 sono stati schierati a Kandahar nel dicembre 2006, ma essendo mezzi di ormai quasi 30 anni e prossimi alla fine della loro vita operativa, il governo canadese ha deciso di prendere in prestito 20 Leopard 2A6 e tre veicoli blindati per il recupero dalla Germania per un rapido dispiegamento in Afghanistan. Alla fine di agosto 2007, i primi Leopard 2 sono stati trasportati in aereo in Afghanistan per equipaggiare  i Royal Canadians.

In un assalto il 2 novembre 2007, un Leopard 2A6M è stato colpito da un ordigno esplosivo improvvisato (IED) ed è sopravvissuto senza vittime: “Il mio equipaggio si è imbattuto in un IED (ordigno esplosivo improvvisato) e ha fatto la storia come il primo (equipaggio) a testare il (Leopard 2A6) pacchetto M. Ha funzionato come dovrebbe.” ha scritto un ufficiale canadese in una e-mail ai funzionari della difesa tedeschi.

Nell’ottobre 2007, la Danimarca ha schierato Leopard 2A5 DK a sostegno delle operazioni nel sud dell’Afghanistan. L’unità corazzata danese, tratta dal primo battaglione del Jydske Dragonregiment (Jutland Dragoons Regiment), era equipaggiata con tre carri armati e un corazzato da trasporto truppe M113, con un veicolo corazzato di recupero e un altro carro armato tenuto di riserva.

La versione danese del Leopard 2A5 è dotata di tappetini mimetici Barracuda di fabbricazione svedese che limitano l’assorbimento del calore solare, riducendo così la firma infrarossa e la temperatura interna. Ha anche un sedile del conducente convenzionale imbullonato sul pavimento del serbatoio, mentre nel canadese 2A6M (come parte del pacchetto di protezione contro le mine) il sedile del conducente è stato sostituito da un “sedile di sicurezza dinamico“, che è simile a un’imbracatura da paracadute che il guidatore indossa intorno al fianco. In questo modo, il conducente non ha alcun contatto con lo scafo se non sui pedali ed è fuori dall’area dell’onda d’urto dell’esplosione delle mine terrestri o degli IED.

Nel gennaio 2008, i carri armati danesi hanno fermato una manovra di fiancheggiamento delle forze talebane vicino al fiume Helmand fornendo colpi di arma da fuoco a sostegno della fanteria danese e britannica da posizioni elevate. Il 26 febbraio 2008, un Leopard 2 danese è stato colpito da un ordigno esplosivo, subendo danni a un cingolo. Nessuno è rimasto ferito e il carro armato è tornato al campo da solo per le riparazioni. ​​

La prima fatalità subita da un equipaggio che operava su un Leopard 2 è avvenuta il 25 luglio 2008. Un Leopard 2A5 danese ha colpito uno IED nella provincia di Helmand. Il veicolo è stato in grado di proseguire per 200 metri prima di fermarsi. Tre membri dell’equipaggio di quattro uomini sono riusciti a scappare anche se feriti, ma l’autista è rimasto bloccato all’interno. Le cure sul posto da parte dei medici danesi non sono riuscite a salvarlo. Il veicolo è stato rimorchiato alla Forward Operating Base (FOB) Attal e successivamente al FOB Armadillo per indagini e possibile ridistribuzione. Durante lo stesso contatto con le forze talebane, un secondo carro armato è stato colpito da un’esplosione ma nessuno dell’equipaggio è rimasto ferito.

A partire dal 7 dicembre 2008, i carri armati Leopard 2 hanno preso parte all’operazione Red Dagger, sparando 31 colpi a sostegno delle truppe della coalizione mentre riconquistavano il distretto di Nad Ali. Un comunicato stampa del Ministero della Difesa britannico ha elogiato la precisione e la mobilità del fuoco del carro armato, sostenendo che il Leopard 2 è stato un fattore decisivo per il successo della coalizione.

Intervento turco in Siria

La Turchia gestisce 354 carri armati Leopard 2A4. nel dicembre 2016 la Turchia ha schierato un certo numero di Leopard 2A4 nella guerra civile siriana contro lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS) come parte dell’operazione Euphrates Shield. Inizialmente, tre dei Leopard 2A4 turchi operanti in Siria sono stati distrutti o danneggiati dall’ISIS utilizzando sistemi missilistici anticarro (probabilmente missili guidati anticarro Fagot o Konkurs ottenuti da scorte catturate dall’esercito siriano o iracheno). A metà dicembre 2016, due carri armati 2A4 sono stati catturati dall’ISIS vicino alla città di al-Bab in Siria durante le operazioni di Euphrates Shield. L’agenzia di stampa Amaq ha pubblicato un video di veicoli Leopard 2A4 che si dice siano stati catturati.

Alla fine di dicembre 2016, l’ISIS aveva catturato o reso inabili 10 Leopard 2A4. Questi sono stati danneggiati da armi anticarro, IED o altre cause sconosciute. Ulteriori immagini di propaganda dell’ISIS e video che ritraggono diversi Leopard completamente distrutti, alcuni con le loro torrette fatte saltare in aria, sono stati pubblicati nel gennaio 2017. I carri armati che hanno subito i danni peggiori potrebbero essere stati distrutti da attacchi aerei per prevenire cattura, ma le fonti affermano generalmente che il danno è stato causato esclusivamente da missili anticarro o autobombe guidate da attentatori suicidi. 

Nel gennaio 2017, il quotidiano tedesco Die Welt ha riferito che i combattenti dell’ISIS hanno utilizzato missili anticarro 9M133 Kornet per distruggere sei carri armati Leopard 2 utilizzati dall’esercito turco in Siria.

Almeno otto MBT Leopard 2 sono stati distrutti secondo i rapporti fotografici.

La Turchia ha anche confermato al governo tedesco l’uso dei carri armati Leopard 2A4 durante l’ operazione militare turca ad Afrin. Questi carri armati sono stati progettati durante la Guerra Fredda per combattere contro i carri armati sovietici in Europa, non contro le insurrezioni, dove il rischio principale sono gli ordigni esplosivi improvvisati ed i missili anticarro. Questi carri armati sono stati dismessi dall’esercito tedesco quando furono venduti alla Turchia.

Si ritiene che l’acquisto turco di Leopard 2A4 dalla Germania fosse soggetto alla condizione che non venissero usati contro i separatisti curdi. Prima del 2016, i Leopard 2A4 erano tenuti nel nord della Turchia. Una volta che il governo tedesco ha scoperto che i carri armati Leopard venivano usati contro le forze curde, gli aggiornamenti pianificati per renderli “meno vulnerabili agli esplosivi” sono stati interrotti. Alla fine la Turchia è stata costretta ad aggiornare i Leopard 2A4 con componenti nazionali, inclusa una possibile sostituzione della torretta originale con quella del carro armato principale turco Altay. 

Guerra russo-ucraina

A partire da maggio 2023, l’Ucraina ha schierato un certo numero di Leopard 2 nella guerra russo-ucraina contro la Russia in preparazione della controffensiva del 2023. Durante gli attacchi ucraini a Zaporizhzhia l’8 giugno 2023, un attacco di artiglieria russa su una colonna di veicoli ucraini a Novopokrovka, ha distrutto almeno un carro armato Leopard 2A4. Inoltre, più filmati di droni russi dello stesso giorno mostrano anche diversi veicoli da combattimento Bradley M2A2 e almeno un Leopard 2A6 danneggiato o distrutto. All’11 giugno 2023, almeno un Leopard 2A4, tre Leopard 2A6 e tre Leopard 2R sono stati persi in combattimento.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Articoli correlati

Popular Categories