Live streaming dell’atterraggio di OSIRIS-REx sull’asteroide Bennu

La sonda spaziale OSIRIS-REx della NASA raccoglierà un campione di rocce, polvere e detriti dall'asteroide chiamato Bennu, attualmente a 200 milioni di miglia di distanza, per poi riportarlo sulla Terra

7408

Martedì 20 ottobre 2020, la NASA condurrà una delle missioni più audaci nei suoi 62 anni di storia, quando tenterà una rischiosa manovra “touch-and-go” per “baciare” un asteroide vicino alla Terra per cinque secondi.
La sonda spaziale OSIRIS-REx della NASA raccoglierà un campione di rocce, polvere e detriti dall’asteroide chiamato Bennu, attualmente a 200 milioni di miglia di distanza, per poi riportarlo sulla Terra.
Perché la NASA sta intraprendendo un’impresa ingegneristica così complicata?
Si pensa che Bennu contenga materiale risalente al primo Sistema Solare. Potrebbe persino contenere i precursori molecolari della vita e degli oceani terrestri. Quindi potrebbe dirci come è nato il Sistema Solare e come è iniziata la vita.
C’è anche da dire che Bennu è uno degli oggetti a rischio d’impatto con la Terra, le maggiori probabilità che ciò possa accadere avverranno nel 22° secolo.
Ecco tutto ciò che devi sapere per seguire in live streaming la sonda spaziale della NASA mentre “raschia” un po’ di polvere spaziale da Bennu.
La copertura in diretta della discesa della navicella sulla superficie dell’asteroide inizierà alle 17:00 EDT sul canale streaming della NASA e sul sito web della NASA, dove puoi aspettarti di vedere un’animazione in diretta che mostra i progressi della navicella in tempo reale.
Successivamente la NASA rilascerà nuove immagini di Bennu dall’incontro ravvicinato.
Sugli stessi canali lunedì 19 ottobre 2020 ci saranno anche briefing sulla missione OSIRIS-REx e sull’asteroide Bennu prima del touchdown.
Il giorno seguente, quelli negli Stati Uniti potranno guardare la serie scientifica della PBS NOVA “Touching The Asteroid“, uno speciale di un’ora che offre agli spettatori uno sguardo interno e filmati esclusivi della missione rilasciata dalla NASA quel giorno. Andrà in onda alle 21:00 ET / PT e sarà disponibile per lo streaming online e sull’app video PBS. Il programma sarà trasmesso anche sul canale YouTube di NOVA .
È incredibile rendersi conto che dopo decenni di esplorazione spaziale, al di là delle rocce lunari riportate dalle missioni Apollo, gli esseri umani non hanno recuperato nemmeno un grammo di polvere dal resto del Sistema Solare“, afferma il co-produttore esecutivo di NOVA, Julia Cort. “Se OSIRIS-REx avrà successo, riporterà materiale che è rimasto sostanzialmente invariato dalla prima formazione del nostro Sistema Solare oltre 4,5 miliardi di anni fa, fornendo agli scienziati una finestra senza precedenti sulle nostre origini“.
Il team OSIRIS-REx, che gestisce il veicolo spaziale a distanza dal Colorado, ha tre possibilità di estendere il braccio del veicolo spaziale, atterrare per soli cinque secondi e raccogliere materiale dalla superficie di Bennu.
Quanto materiale OSIRIS-REx restituirà sulla Terra?
Possibilmente circa 2 kg.
Cosa e dov’è Bennu?
Bennu è un asteroide alto circa quanto l’Empire State Building. Scoperto per la prima volta nel 1999, un giorno su Bennu dura 4,3 ore e ci vogliono 1,2 anni terrestri perché completi un’orbita attorno al Sole. Il suo percorso orbitale intercetta effettivamente quello della Terra e, in queste occasioni, può causare una piccola pioggia di meteoriti verso la fine di settembre di ogni anno a causa della polvere che ogni tanto espelle.
Ancora più importante, la sua traiettoria e le sue dimensioni lo rendono un “asteroide potenzialmente pericoloso“, un potenziale assassino di pianeti. Gli scienziati hanno calcolato che c’è una possibilità su 2.700 che colpirà la Terra nell’anno 2170. Farà anche un passaggio ravvicinato della Terra, appena oltre la distanza Terra-Luna, nel 2060.
Inizialmente chiamato 1999 rq36, l’asteroide è ora chiamato 101955 Bennu (Bennu è il nome di un uccello mitologico egizio).
Cos’è OSIRIS-REx?
Sebbene possa sembrare un acronimo piuttosto goffo, OSIRIS-REx sta per Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security-Regolith Explorer. È stato lanciato l’8 settembre 2016. Ha raggiunto Bennu nel dicembre 2018.
Dove atterrerà la navicella su Bennu?
Dopo aver mappato Bennu per un anno mentre era in orbita, il team scientifico di OSIRIS-REx ha scelto un sito chiamato “Nightingale” nell’emisfero settentrionale dell’asteroide. Si trova in un cratere largo circa 140 metri. Si pensa che sia un giovane cratere dove il suolo è stato recentemente esposto, il che massimizza le possibilità di ottenere un campione incontaminato dell’asteroide.
In che modo OSIRIS-REx raccoglierà il campione?
Durante la manovra, OSIRIS-REx discenderà lentamente sulla superficie di Bennu a pochi centimetri al secondo prima di allungare un braccio per toccarne la superficie.
Non c’è molta gravità su Bennu, quindi sarà più simile a un attracco che a un atterraggio.
Quel braccio soffierà azoto ad alta pressione nel terreno per far generare una nuvola di polvere sciolta, sabbia e frammenti di roccia che immagazzinerà all’interno di una bombola nel veicolo spaziale.
Come verrà restituito il campione sulla Terra?
Con il paracadute. Dopo la raccolta dei campioni della prossima settimana, il veicolo spaziale tornerà sulla Terra. Si prevede che arrivi alla fine del 2023. Una capsula si staccherà dalla capsula, entrerà nell’atmosfera e atterrerà con il paracadute nello Utah.
Il contenitore di campioni di Bennu verrà quindi portato al Johnson Space Center di Houston per l’analisi.